Bianchi: "Ingiustificabile le scuole chiuse e il resto aperto" - Live Sicilia

Bianchi: “Ingiustificabile le scuole chiuse e il resto aperto”

“La maggior parte degli studenti e dei professori sono rientrati. Dad per un tempo limitato“
CORONAVIRUS
di
0 Commenti Condividi

“Aprire subito la scuola aveva senso. Non si può giustificare che tutto è aperto e l’unico spazio chiuso è la scuola, che è sicura”. Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi a Rainews 24.

“La maggior parte degli studenti e dei professori sono rientrati. Stiamo monitorando attentamente la situazione e nel primo pomeriggio avremo i dati. Il dato evidente – ha continuato il Ministro – è che è ripresa la scuola”.

LEGGI ANCHE: Sicilia, si torna a scuola? Lagalla: ‘Pronti a rinviare fino a 5 giorni’

“I docenti sospesi perchè no vax sono un numero estremamente limitato, sono sotto l’1% sia dei docenti che del personale Ata. I dati degli assenti per malattia per ora sono molto contenuti ed in linea con gli anni passati. A gennaio c’è il picco delle assenze. Noi – ha continuato Bianchi – per far fronte a questo abbiamo rinnovato i contratti per i potenziamenti, i cosiddetti docenti Covid, abbiamo messo 400 milioni”.

LEGGI ANCHE: Covid, escalation di positivi e ricoveri in Sicilia nell’ultima settimana

“Abbiamo sempre sostenuto – ricorda Bianchi – la necessità di mantenere la scuola come punto di riferimento della comunità. Siamo anche intervenuti in maniera massiccia per vaccinare i nostri ragazzi. Questa è la chiave. Poi nel decreto c’è la possibilità di organizzare in maniera diversa la didattica; se ci sono le condizioni le scuole possono usare la dad ma per un tempo limitato e all’interno di una situazione in cui la scuola rimane un punto di riferimento”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *