"Con Cammarata era in disparte | Li Castri era uomo di Orlando" - Live Sicilia

“Con Cammarata era in disparte | Li Castri era uomo di Orlando”

Fabio Seminerio e Mario Li Castri

Filippo Bisconti, pentito di Belmonte Mezzagno, racconta il mondo dell'Edilizia privata comunale

IL VERBALE
di
26 Commenti Condividi

PALERMO – Alla fine sono arrivate pure le dichiarazioni del pentito. Filippo Bisconti, architetto, costruttore e capomafia di Belmonte Mezzagno, ha offerto uno spaccato desolante dell’Edilizia privata del Comune di Palermo.

Il suo racconto ricostruisce “un quadro palesemente sovrapponibile – scrive il giudice per le indagini preliminari Michele Guarnotta – a quello emerso nel corso della presente indagine”. L’indagine è quella dei finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria e dei carabinieri del Reparto operativo che ha portato all’arresto di sette persone. Ai domiciliari sono finiti anche il funzionario comunale Mario Li Castri e l’architetto Fabio Seminerio.

Bisconti li ha conosciuti in occasione di alcuni lavori che stava eseguendo a Pollina. Il boss frequentava lo studio dove Li Castri e Seminerio avrebbero lavorato in società. Uno studio che fungeva da succursale dell’ufficio pubblico dove Li Castri riceveva gli imprenditori: “… lì le cose funzionano che i funzionari si fanno… si fanno tornare di pomeriggio nei propri studi professionali gli utenti e quindi le pratiche che dovrebbero trattare in ufficio, anche se la pratica resta in ufficio, la trattano direttamente nei loro uffici, ovviamente con i compensi del caso”.

Quali funzionari? “Ma in passato devo dire che buona parte degli ingegneri e dei geometri che orbitavano là dentro – mette a verbale Bisconti – dico un po’ l’80% quasi tutti facevano… usavano questa pratica. Per esempio ultimamente mi risulta che lo facesse l’architetto Li Castri, il quale ha uno studio con l’architetto Seminerio. L’architetto Li Castri mi risulta essere persona di Orlando nella persona di Emilio Arcuri”.

La domanda del pubblico ministero è diretta: “E lei sa che c’era in giro mazzette? “Certamente se una pratica la trattava l’edilizia privata e di pomeriggio se ne andava allo studio privato, dico non ci vuole molto a capire… non lo vedevo io che c’era un passaggio di mazzette, ma pure che era un incarico professionale, dico la logica è quella”.

Biscionti, dunque, non ha assistito a passaggi di denaro, li dà per scontati. Così come ritiene scontato che Li Castri e Seminerio “si dividevano i progetti e si scambiavano i favori sia all’interno dell’ufficio, che come approvazione, che praticamente di mattina se li riceveva… quando c’era l’amministrazione… l’amministrazione precedente, il sindaco Cammarata… lui era dirigente al Comune di Palermo… in quel caso Li Castri non aveva molte opportunità all’interno del Comune di Palermo, perché tutti sapevano che era l’uomo di Orlando e lo mettevano un pochino in disparte…”.

In disparte, ma sempre attivo. Stando alle parole di Bisconti secondo cui, “allora faceva riferimento all’architetto Monteleone (Giuseppe Monteleone, pure lui da ieri ai domiciliari), il quale approvava le pratiche, se le approvava a suo modo e consumo”. Da qui si intuisce che prosegue il lavoro del procuratore aggiunto Sergio Demontis, e dei sostituti Andrea Fusco, Giovanni Antoci e Francesco Gualtieri. Ci sono altre pratiche da controllare. E sono tante.

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

26 Commenti Condividi

Commenti

    Dispiace apprendere e dovere desumere che è sempre e solo questione di tempo. Tutto sale a galla.

    Quindi, stavolta, la passata gestione non c’entra….

    Complimenti vivissimi……

    E meno male che Orlando dice di essere per la legalità ci sono più delinquenti nella sua giunta che negli anni passati e criticava mo tanto Cammarata

    PHOTOFINISH

    Amunì, ca un ci fù nenti. Ora manciamunni i cannuola cavuri cavuri e pigghimunni un cafè.

    NEMMENO E FINITA LA STORIA CIMITERI E SI PARLA DI ALTRE STORIE.

    Un sincero “GRAZIE” alla Procura della Repubblica, ai Finanzieri e a quanti altri hanno contribuito al buon esito di queste indagini che hanno finalmente aperto una finestra sulla gestione e il funzionamento di alcuni uffici sensibili del comune di palermo. Negli ultimi trent’anni non ricordo, a memoria d’uomo, alcuna inchiesta che abbia scosso Palazzo di Città per come è avvenuto ieri. Speriamo che questo sia solo l’inizio di un più lungo percorso di investigazioni giudiziarie esplorative da condurre con la stessa incisività e a più vasto spettro.

    ……..e poi , passeggiando per Palermo, ci guardiamo intorno e comprendiamo sempre di più perchè questa città è invivibile.

    Il professionista dellantimafia, della legalità e dellanticorruzione. Dai tempo al tempo ma cu avi tempu non aspetti tempo.

    Se non ricordo male,altri Comuni sono stati sciolti per molto meno.

    Volenti o nolenti occorre prendere atto che l’uomo è una creatura generata alla fine di una settimana di lavoro in cui Dio era già troppo stanco.

    Tante cose che non vanno ,prima la condanna del capo di gabinetto adesso le dichiarazioni del pentito Bisconti e gli arresti eccellenti, addirittura due capigruppo di maggioranza in consiglio comunale di cui uno ex capogruppo del movimento di Orlando 159, caro Sindaco grazie di tutto per tutti questi anni nel bene e nel male,lei e’ stato tanto amato dai Cittadini Palermitani ,e’ giunta l’ora di dimettersi,non puo’ piu’ rappresentare la citta’ di Palermo.

    …e magari sul “caso Lombardo” apprenderemo presto novità interessanti.

    Purtroppo sono metodi, usi ed impostazioni vecchie come la notte dei tempi. Cambiano soltanto i nomi dei soliti disonesti- arrivisti, ricattatori che si succedono di generazione in generazione. Gente senza mestiere la cui unica maniera di esistere è violare ogni norma tecnica, etica, culturale.

    La morale, caro Orlando, vale sempre … ma per gli altri …

    Orlando Orlando…….

    Io credo a Orlando, a Italia Vira e a Sicilia Sutura….

    Quindi adesso ritornerà a chiamarsi Leoluca Orlando Cascio?

    sssssssss…….un pò di silenzio perche il sindaco sta pensando il comunicato da fare oggi.

    “Il sospetto è l’anticamera della verità” (Leoluca Orlando Cascio).

    E ora?????????????????????

    Mio nonno mi ha insegnato che i veri purosangue si misurano sulle lunghissime distanze. Auspico, oggi, che la storia di Palermo nell’ultimo trentennio non debba essere completamente riscritta.

    Io direi era un uomo di Trump no di Orlando.

    Si é visto , anzi si é proposto come modello di professionista di successo , in alcuni lezioni nella facoltà di architettura di Palermo. Mea culpa di qualche professore prestato alla politica ? Giammai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *