Covid, aumentano i ricoverati negli ospedali siciliani

Covid, aumentano i ricoverati negli ospedali siciliani

Boom di nuovi casi a Catania e Palermo
CORONAVIRUS
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – In Sicilia tra sabato e domenica sono emersi 3.964 casi Covid su una platea di 22.832 tamponi processati. Il tasso di positività è al 17,4% (ieri era al 10%, con 5.764 casi). La provincia con l’incremento maggiore registrato è Catania, con 797 nuovi positivi, seguita da Palermo (701). Il report quotidiano del ministero della Salute segnala anche 13 morti e 420 guarigioni.

Sesto posto in Italia per contagi

Gli attuali positivi sono quindi 51.296 (+3.531 rispetto a ieri). I ricoverati negli ospedali dell’Isola sono 918 (48 più di ieri), di cui 107 in terapia intensiva. La Sicilia, intanto, si appresta a entrare in zona gialle: ecco le regole da seguire. L’isola è al sesto posto per contagi. Questi i contagi nelle altre sette province: Messina 604, Siracusa 313, Trapani 377, Ragusa 404, Caltanissetta 177, Agrigento 575, Enna, 16. “Se c’è la possibilità di un rinvio del rientro a scuola alla fine delle vacanze natalizie? In questo momento no”, dice l’assessore regionale alle Pubblica istruzione Roberto Lagalla.

I dati nazionali

I dati nazionali, invece, parlano di 61.046 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 141.262). Le vittime sono 133, mentre ieri erano state 111. Sono 1.070.537 gli attualmente positivi al Covid in Italia, 48.744 in più rispetto a ieri. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 6.328.076 e i morti 137.646. I dimessi e i guariti sono invece 5.119.893, con un incremento di 12.164 rispetto a ieri


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Vaccino obbligatorio per tutti. Questo deve fare lo stato se così vuole farsi chiamare, perché le persone non hanno un minimo di buon senso ne se loro stessi ne per gli altri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *