Crocetta: "Al lavoro fino alla fine | Lascio una Sicilia migliore" - Live Sicilia

Crocetta: “Al lavoro fino alla fine | Lascio una Sicilia migliore”

"L'autonomia? E' stata un'occasione mancata".

Parla il governatore
di
13 Commenti Condividi

PALERMO – “La Sicilia di oggi è una Sicilia migliore che non può rimpiangere gli anni trascorsi. I risultati di oggi sono il frutto del lavoro di un popolo in cammino che non si è mai totalmente piegato al sistema oppressivo che si è consolidato. La mafia non ha soltanto controllato la società, ma è entrata anche in settori delle istituzioni, turbando gli incanti e imponendo il pizzo, controllando il voto, bloccando una vera partecipazione democratica alla vita sociale e politica e il libero esercizio delle imprese”. Lo ha detto il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, parlando dal palco del teatro Politeama, a Palermo, dove è in corso la festa per il 71/o anniversario dell’autonomia siciliana.

Per il presidente della Regione “l’autonomia per tanti anni è stata un’occasione mancata, non garantita sufficientemente dallo Stato e molto spesso abusata dai suoi governanti che, in qualche caso, hanno contribuito, nello scenario nazionale e internazionale, a dare una immagine distorta dell’isola”. Crocetta ha ricordato “la Sicilia degli sprechi, delle clientele, la Sicilia che non faceva una lotta netta e chiara contro il sistema mafioso, anzi in qualche caso, manifestava collusioni, complicità, corruttele”. “Sono stati anni difficili – ha aggiunto il governatore – di parassitismi, di clientele, di complicità col sistema criminale, che hanno impedito che la Sicilia librasse per tanti anni il suo volo”.

“Vi assicuro che fino all’ultimo giorno saremo al lavoro perché vogliamo fare ripartire la nostra isola, a cominciare dal pieno utilizzo dei 3,2 miliardi del Patto per la Sicilia e dei fondi europei – ancora il governatore -. Occorre andare avanti senza fermarsi, ponendosi l’obiettivo di diventare una delle regioni più sviluppate in Italia e d’Europa. La nostra isola, una delle più belle del mondo, deve diventare anche una delle più ricche, per dare certezza del futuro ai ragazzi e alle ragazze di Sicilia, agli uomini e alle donne oneste di Sicilia, che non si sono mai rassegnati”. E infine: “Sarà la storia a giudicare le contraddizioni emerse sul fronte dell’antimafia, ma non posso non ricordare l’impegno del mondo delle imprese nella lotta al racket delle estorsioni. Prima a Palermo, a Gela e a Messina tutti pagavano il pizzo, oggi non è così”. Parole pronunciate fuori dal discorso ufficiale e senza fare riferimenti espliciti agli imprenditori.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

13 Commenti Condividi

Commenti

    I disperati di Sicilia degli sportelli multifunzionali presi per l ennesima volta per i fondelli maledicono il giorno in cui ti hanno votato hai coraggi di parlare di una Sicilia migliore vergognati ma lo sai che per uccidere un uomo basta semplicemente togliergli il lavoro ed hai pure il coraggi di rilasciare interviste

    Presifente Saro, la sua convinzione di lasciare una Sicilia migliore non corrisponde con quella dei siciliani che la ricordetanno per inefficienza, immobilità e incocompetenza.

    Esalazioni preagoniche di fine amministrazione

    No dai non ci credo…ma vero dice?

    Vabbé migliore o peggiore basta che la lasci la sicilia

    non ci sono parole,delirio di onnipotenza,caso umano

    E’ convinto di quello che dice? no non è possibile il “rivoluzionario” da Gela sta facendo satira da quel cabarettista che è. Alle prossime elezioni i siciliani sapranno ben cosa fare mandarlo a casa assieme a tutti coloro che lo hanno appoggiato.

    Mi ha convinto…ovunque sarà candidato, dalle elezioni condominiali in su fino a quelle galattiche, avrà il mio voto senz’altro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Ma come si può? Sono sempre stato un elettore del centro destra, cinque anni fa ero disorientato non vedevo alternative, ed ecco apparire all’orizzonte “Renzi il rottamatore” non mi sembrò vero andai a votare a pagamento ma ecco che in sicilia spunta “Crocetta il rivoluzionario ” incredibile mi sono detto stavolta cambierà in Italia ed in Sicilia, ma nessuno dei due fece nulla e la situazione peggiorò. Ed allora nel mio disorientamento mi appare ” Grillo con 5 stelle” movimento del web ci ricasco, credo che possa essere la soluzione ma ahimè ennesima delusione . Non ci crederete ma ogni notte sogno Andreotti, Craxi, Moro, Saragat, La Malfa, Spadolini, Nilde Iotti, Pertini, Cossiga ,Rumor, Segni, etcc.. insomma “la prima repubblica” vuoi vedere che si stava meglio perchè la sapevano fare veramente la politica?

    Presidente la cosa importante è CHE LASCI….per il resto non ci pensi !!

    Di sicuro si facevano gli affari loro personali ma almeno coniugavano ai loro interessi personali anche la dimostrazione tangibile di occuparsi un poco della cosa pubblica , gli attuali politicanti fanno esclusivamente gli interessi loro di qualche familiare amante e del resto se ne fregano alla grande , tentano di arraffare quel che si può sino alla fine della loro ultima legislatura provando a tenere sulla corda i disperati di Sicilia come gli sportelli multifunzionali

    Il fatto è che non esistono solo gli sportelli multifunzionali (che non sò a cosa servono), la formazione professionale (che aumenta “professionalmente” la disoccupazione) o la forestale ( che con 101 giorni dovrebbero prevenire gli incendi); In Sicilia non esistono infrastrutture (strade e ferrovie inefficienti), non esiste una sanità equilibrata sul territorio (ospedali che vengono dismessi) e soprattutto non esiste la parola COLLETTIVITA’.
    Crocietta è un vero incompetente e a dato il colpo finale alla Sicilia; ma VOI categoria PRIVILEGIATA, dovresti lamentaVI con chi VI HANNO INSERITI IN QUESTI INUTILI CONTENITORI.

    Perdonami pulce ma almeno puoi dire che i 5 stelle ad oggi non hanno rubato anzi articolo di oggi Niente vitalizio ai grillini Ars, firmata la rinuncia e si SONO DIMEZZATI GLI STIPENDI
    Sicuramente hanno sbagliato in tante anzi tantissime cose MA IN BUONAFEDE
    Dobbiamo vedere la CREDIBILITA’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.