È morta Mariarita Sgarlata | Fu un assessore regionale - Live Sicilia

È morta Mariarita Sgarlata | Fu un assessore regionale

Aveva 57 anni. Poco tempo fa aveva scoperto un tumore.

IL LUTTO
di
6 Commenti Condividi

SIRACUSA – E’ morta l’ex assessore regionale ai Beni culturali, Mariarita Sgarlata. Aveva 57 anni. Nelle ultime settimane ha combattuto contro un tumore. Professoressa associata di archeologia cristiana e medievale, già ispettrice della pontificia commissione di archeologia sacra, ultimamente aveva ricoperto l’incarico di consulente del ministro Bonisoli ed era consigliere delegato della Fondazione Inda. Da assessore e poi successivamente era stata protagonista di una battaglia a difesa del paesaggio, con la consapevolezza della necessità di recuperare la vocazione turistico-culturale del territorio attraverso scelte sostenibili. Non a caso ha condiviso le linee guida del piano paesaggistico della provincia di Siracusa. Ha scritto “L’eradicazione degli artropodi. La politica dei beni culturali in Sicilia”, un libro-denuncia sui siti storici in Sicilia. I funerali saranno celebrati a Siracusa nei primi giorni della prossima settimana.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    In memoria di una assessore competente e in gamba, non la sola del governo Crocetta, che però fu mediaticamente massacrata e quindi costretta alle dimissioni per un’accusa -farsa (archiviazione senza rinvio a giudizio). Il tutto perchè non garantiva i “padroni del vapore”. Il tutto con l’eco dei soliti beceri cori da tastiera.

    Condoglianze a chi le era vicino, da parte di una persona comune.

    Donna solare e professionista competente e onesta nello svolgimento delle sue mansioni di dirigente e amministratore, sdoganata anzitempo nello svolgimento del ruolo di servitrice dell’Istituzione pubblica ipocritamente dai becchini di turno della distruzione della Sicilia.
    R.i.P.

    usare espressioni più delicate vi costa molto? se ne è andata, ci ha lasciato, si è spenta….ce ne sono tante……

    Se si potesse dimostrare, quanto può incidere un forte stress emotivo, (quale immagino sia stato finire nel tritacarne mediatico crocettiano) inteso come causa scatenante di malattia, ecco io penso che chiunque ci penserebbe due volte prima di inscenare farse mediatiche per il raggiungimento di fini trasversali.
    Immagino il dolore e la rabbia della famiglia che solo il tempo potrà lenire.
    R.i.p.

    Era una brava donna che avrebbe meritato non tifosi, ma estimatori meno polemici con chi la pensa diversamente rispetto al modo con cui ha svolto il ruolo pubblico.

    Ha mostrato libertà di pensiero, e grande vivacità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *