Furto di carburante all'Atm| Emesse 11 misure cautelari - Live Sicilia

Furto di carburante all’Atm| Emesse 11 misure cautelari

L'accusa a vario titolo è di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti di carburante ai danni dell'azienda di trasporto municipalizzata di Messina. La banda in circa un anno ha ricavato oltre 180 mila euro e prodotto danni economici all'Atm per 250 mila euro.

comune di messina
di
2 Commenti Condividi

MESSINA – La polizia ha eseguito a Messina 11 misure cautelari nei confronti di altrettante persone, emesse dal Gip di Messina su richiesta della Procura, con l’accusa a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti di carburante ai danni dell’azienda di trasporto municipalizzata di Messina (Atm) e ricettazione. La custodia cautelare in carcere è scattata per due indagati, tra cui un dipendente dell’Atm, due sono agli arresti domiciliari, un altro dipendente dell’azienda ha avuto notificato un obbligo di dimora, mentre obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per gli altri sei.

In carcere sono finiti Placido Fumia, 56 anni dipendente Atm al servizio di guardia, e Giovanni Batessa, 49 anni. Domiciliari per Giuseppa Urbino, moglie di Batessa, di 47 anni, e Vennero Rizzo, 51 anni. Obbligo di dimora nel Comune di Messina per Rosario Allegra, 53 anni, altro dipendente dell’Atm addetto all’impianto di distribuzione. Obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria per Antonino Siracusano, 40 anni; Antonino Pandolfino, 49 anni; Letterio Lucà, 34 anni; Mohamed Jarib, marocchino di 36 anni. Dalle indagini è emerso che Fumia e Batessa rubavano benzina dai mezzi dell’Atm e la rivendevano all’esterno.

La banda in circa un anno ha ricavato oltre 180 mila euro e prodotto danni economici all’Atm per 250 mila euro. Gli altri indagati collaboravano con Fumia e Batessa per coprirli durante l’attività illecita e rivendere il carburante. Il costo, per litro di benzina, oscillava tra 1 euro ed 1,20 euro. L’Atm acquistava il carburante a 1,60 euro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    SE’..TUTTO QUESTO E VERO, spero che rimborsino e vengono licenziati subito. Ce gente onesta che farebbero il loro lavoro x 700, 800€

    Veroooooooo oooooooo? ?
    Accipicchilina aaa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *