Galvagno: "FdI ha le carte in regola per indicare il sindaco" - Live Sicilia

Galvagno: “FdI ha le carte in regola per indicare il sindaco”

Il presidente dell'Ars lancia un messaggio agli alleati.
CATANIA
di
6 Commenti Condividi

CATANIA – Nel centrodestra la lotta a livello carsico per la primazia sul candidato sindaco di Catania è iniziata da un pezzo. Fratelli d’Italia, Lega e Movimento per l’Autonomia non sembrano al momento disposti al passo indietro. Sono soprattutto i meloniani a rivendicare lo scanno che fu di Salvo Pogliese prima della sospensione e delle successive dimissioni. Le argomentazioni da portare al tavolo delle trattative non sono poche. Anche il presidente dell’Ars Gaetano Galvagno, uomo forte dei meloniani sotto il Vulcano, tiene la posizione del partito. 

“Ritengo che, se si facesse un ragionamento nazionale, Fratelli d’Italia potrebbe rivendicare la posizione perché è il primo partito a livello nazionale ma non ha un sindaco nelle prime dieci città italiane”, dice ai microfoni di Live Sicilia. “Se noi dovessimo fare un ragionamento su base regionale, FdI lo potrebbe rivendicare sulla base del passo indietro fatto da Musumeci per salvaguardare l’unità del centrodestra. Lo stesso vale per quello che è accaduto in occasione delle amministrative di Palermo per quanto riguarda Carolina Varchi e potrebbe essere un criterio valido”, argomenta Galvagno. E allarga ulteriormente il ragionamento. 

“Se si volesse, invece, fare un ragionamento su base provinciale nel quadro del centrodestra, il discorso andrebbe intavolato sulla base dei comuni che andranno al voto, ma ritengo che Fratelli d’Italia abbia le carte in regola per avanzare la richiesta”, spiega il presidente dell’Ars. E lancia un monito agli alleati per scongiurare una nuova estenuante odissea come a tempi delle amministrative palermitane della scorsa primavera. 

“Mi auguro che non avvenga come è accaduto in passato, cioè che non ci debba essere necessariamente la presentazione di qualcuno da parte di tutti i gruppi solo per ottenere qualcosa in fase di trattativa perché stiamo parlando di una città importante che oggi più che mai ha bisogno di avere una politica forte in grado di dare risposte concrete nel più breve tempo possibile”, dice Galvagno lanciando la palla nella metà campo degli alleati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    è difficile immaginare che FDI possa nuovamente pretendere un sindaco. A parte gl’incubi di Galvagno, ma un sindaco viene eletto e gli elettori devono essere convinti e devono essere tanti. Non mi pare che Pogliese abbia lasciato un bel ricordo, anzi è stata la peggiore sindacatura degli ultimi 20 anni.In questo modo si spalancano le porte nuovamente a Bianco che, a differenza di altri, già è attivo sulla città mentre il centro destra ancora riflette come al solito

    Senza vergogna, siete il peggio di questo paese

    Questi ragionamenti andrebbero fatti dal segretario regionale di Fratelli d’Italia, non dal presidente dell’assemblea regionale!
    Cose dell’altro mondo..

    Ma questi Patrioti Post-Fascisti che continuano imperterrito ogni giorno ad avanzare pretese su pretese, non si rendono conto che il Sindaco uscente della città di Catania, l’adesso Sen. Salvo Pogliese, addirittura Coordinatore di Fratelli d’Italia per la Sicilia Orientale, è stato il PEGGIOR SINDACO DELLA CITTA’ DI CATANIA DI SEMPRE??? Si è permesso di lasciare per anni la città abbandonata a se stessa a causa delle sue personali condanne per “Spese Pazze all’ARS”, delle quali se esiste una giustizia, sarà condannato, ed i suoi compagni di partito continuano a voler proporre una alternativa di Fratelli d’Italia??? Ma vergognatevi di quello che siete e della Vostra Arroganza che mai nella storia era arrivata a questi livelli. Mi auguro che l’elettorato non abbia le bende agli occhi ed inverta la tendenza cominciando a mandarli tutti a casa, questi PATRIOTI DI DUBBIE CAPACITA’.

    Galvagno? Ah Galvagno… Galvagno… Battuto nel suo Comune pensa di poter dettare legge a Catania? Si goda la poltrona all’Ars e lasci perdere la Politica, specialmente la politica delle alleanze, che non è per lui.

    Di arroganza in arroganza, si finisce col cadere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *