Gli evasori scovati | Il miliardo da recuperare è virtuale - Live Sicilia

Gli evasori scovati | Il miliardo da recuperare è virtuale

Riscossione Sicilia ha solo il compito di recuperare le evasioni segnalate dall'Agenzia. Ma gli incroci operati dalla società regionale favorirebbero gli incassi. Crocetta si è intestato la battaglia: ma il riciclaggio di denaro, i prestanome, la presenza della mafia e anche l'entità da recuperare sono ancora tutti da dimostrare.

La scheda
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – Al presidente Crocetta non è sembrato vero. Potersi intestare la “scoperta” di 800 grandi evasori siciliani era una tentazione ghiotta, ghiottissima. E così, nella solita conferenza stampa, ha vestito il pennacchio antimanciugghia, ripescato dall’armadio dove da un po’ prendeva polvere. “Ma almeno questo non è un annuncio”, precisava ieri il governatore, a Palazzo d’Orleans. Quasi a discolparsi per il passato.

Forse non è un annuncio. Peccato che, a volerla dire tuttta, non è la società Riscossione Sicilia, tecnicamente parlando, ad aver scovato chi elude le tasse. La partecipata regionale, semmai, stando alle spiegazioni del suo presidente, Antonio Fiumefreddo, avrebbe introdotto delle novità nel tracciare l’identikit del presunto evasore. Aggiungendo dettagli utili a recuperare le somme.

È l’Agenzia delle entrate, infatti, a registrare l’evasione dall’imposta. È a quel punto che la somma contestata al presunto evasore viene “iscritta a ruolo”. L’elenco viene quindi inviato all’agente di riscossione. A quest’ultimo non spetta, appunto, che questo atto: incassare, riscuotere.

E lì, stando al racconto del presidente della società regionale, Antonio Fiumefreddo, in passato si inceppava la macchina. Si bloccava tutto. “Faccio fatica a comprendere – spiega oggi Fiumefreddo – come si potessero ignorare alcune situazioni. Come, insomma, potesse essere così difficile recuperare somme facilmente recuperabili sia dal punto di vista patrimoniale, sia su eventuali indennità o pensioni di cui godono i presunti evasori”.

La novità, insomma, starebbe tutta lì. Nella possibilità, da parte di Riscossione Sicilia, di accedere (un accesso consentito proprio in questi giorni) ai cosiddetti “rapporti finanziari”. A dati riguardanti, insomma, le spese dei presunti evasori e il possesso di immobili o beni di lusso intestati a nullatenenti o a siciliani che non dichiaravano un reddito “coerente” con quelle proprietà.

“A quel punto – spiega sempre Fiumefreddo – la legge ci impone di consegnare tutto a Procura e Guardia di finanza”. Saranno loro, al di là degli annunci del governatore e dell’amministratore di Riscossione, a verificare gli altri dubbi sollevati in conferenza stampa. Se, insomma, dietro a quelle dichiarazioni dei redditi incompatibili con yacht e addirittura aerei, si nascondano dei “prestanome” utili a riciclare il denaro sporco.

Non a caso, lo stesso Fiumefreddo ha “rinforzato” il discorso facendo riferimento alla storica presenza di Cosa nostra in alcuni dei settori nei quali lavorano i presunti evasori: dall’Ortofrutticolo alle onoranze funebri, passando per il “movimento terra”. Anche questo, però, sarà tutto da dimostrare. E ci penseranno altre istituzioni, cioè le Procure siciliane.

E difficile, oggi, è quantificare il possibile recupero. Mentre il governatore Crocetta ha puntato al “miliardo totale di evasione”, che corrisponde all’1,25% del Pil regionale, una cifra che addirittura consentirebbe di aprire al reddito di cittadinanza e al credito alle imprese, Fiumefreddo ha usato percentuali assai più “prudenziali”, parlando di un possibile recupero del 20 per cento delle somme. Duecento milioni, se tutto andrà bene. “Ma prima non veniva fatto nemmeno questo”, precisa Fiumefreddo.

“Almeno questo non è un annuncio”, diceva ieri, quasi a sua discolpa per qualche roboante precedente il governatore. Ma al momento è poco di più. Gli evasori sono stati scoperti da altri, come del resto la legge impone. Se Riscossione Sicilia riuscirà a fare quello che in passato altri non hanno fatto, sarà un bene per i siciliani. Sarà un atto di giustizia, contro uno dei più odiosi, tra i comportamenti “sociali”. Ma siamo nel campo delle ipotesi. Del futuro. Degli “annunci”, al momento. O poco più.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Ah ho capito…tipo stiamo sperimentando un nuovo tipo di farmaco che salverà milioni di vite umane….o tipo sucato 30 anni fa che aveva scoperto il metodo per fare arricchire tutti….benissimo,evviva sicuramente alle prossime elezioni non si può che votarlo…anche in chiave antimafia ci mancherebbe!

    L’ Avv. Fiumefreddo si rivolge alla Procura e alla Guardia di Finanza per riscuotere le tasse?
    Ma nessuno gli ha detto che riscuotere le tasse è compito e dovere di Riscossione Sicilia?

    E Crocetta aveva già aumentato il PIL della Sicilia, vallo a trovare questo miliardo.Vattene a casa sei un commissariato incompetente.

    Solita figura..di colui che ha scoperto l’acqua calda

    Complimenti esposizione lucida. Riscossione Sicilia,si chiama perché deve riscuotere. Il resto tocca ad altri e la comunicazione pubblica di beni posseduti può avvantaggiare gli evasori. Piuttosto i due sceriffi della conferenza stampa abbiano il pudore di spigare quanto perde la gestione della società e quale sarà il prossimo buco di bilancio sempre sanato dalla Regione coi soldi dei contribuenti. Saranno sceriffi ma con la stella di cartone e la Sicilia grazie a loro sta affondando.

    evasione da un miliardo a un miliardo virtuale?odore flop in vista

    Ma il presidente della Regione Sicilia, non può limitarsi a fare il Presidente della Regione, che tra parentesi ne ha tanto bisogno. Se deve cercare un motivo per restare nel ruolo dove sta mi dispiace ammetterlo ma non ha capito un bel niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *