'Le favole dell'uccello' | Ed è polemica - Live Sicilia

‘Le favole dell’uccello’ | Ed è polemica

Luxuria (foto d'archivio)

Scontro Lega-M5S su Luxuria con parole sopra le righe.

4 Commenti Condividi

ROMA- Scontro politico M5s-Lega dopo la partecipazione di Luxuria al programma di Rai3 ‘Alla Lavagna!’. Il Carroccio attacca con Pillon: ‘inaccettabili lezioni di gender a una classe di bambini. Luxuria vada a raccontare le ‘favole dell’uccello’ da qualche altra parte’. Interviene il sottosegretario 5Stelle Spadafora: ‘su Luxuria surreale continuare ad avere atteggiamenti omofobi, bene la Rai sulla messa in onda della puntata’. Intanto Luxuria: ‘Salvini in una puntata precedente ha parlato di sovranismo, anche lui voleva indottrinare o semplicemente ha espresso la sua opinione?’. (ansa)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    E’ stata una delle lezioni più belle di questa già bella trasmissione. I bambini erano attenti e interessati. Più di quando si sono presentati politici e ministri, che anche davanti ai bambini non hanno smesso un minuto di autoincensarsi e di fare campagna elettorale. Ma i bambini sono molto più intelligenti degli adulti ed hanno capito anche questo.

    in italia abbiamo toccato il fondo,che insegnamo ai nostri figli che gli spinelli sono terapeurici,che tornare alle tre del mattino dalla discoteca e’normale,che ormai si puo fare sesso con chiunque e ovunque siamo al tracollo totale

    Ha ragione la Lega.

    In Italia abbiamo toccato il fondo, è vero. Ma di questi insegnamenti ai nostri figli, in modo così generico e generalizzato, non mi risulta. Vi è una indubbia crisi di valori morali e l’etica (tanto amata dagli antichi filosofi) rimane un pensiero lontano. Il “fondo” toccato, quindi non ha età, anche se è chiaro che i più giovani, avendo ereditato il peggio dalla nostra generazione, sono i più “poveri”, per quanto questi non valori rappresentano la triste eredità che gli abbiamo lasciato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *