Le motivazioni dei consiglieri: |"Non ci venderemo a Roma" - Live Sicilia

Le motivazioni dei consiglieri: |”Non ci venderemo a Roma”

Riccardo Pellegrino e Tuccio Tringale, eletti all'interno dell'ex Pdl, spiegano a LivesiciliaCatania le motivazioni che hanno spinto i consiglieri eletti nel partito di Berlusconi a creare un gruppo consiliare "non allineato". Domani, intanto, si terrà la presentazione ufficiale.

Area centrodestra
di
14 Commenti Condividi

CATANIA – “San Cristoforo non tradisce Berlusconi e io non tradisco chi mi ha votato”. Il consigliere comunale Riccardo Pellegrino, eletto nel popolare quartiere di Catania, vuole sottolineare le motivazioni che lo hanno portato, con l’implosione del Pdl, ad optare per il passaggio al gruppo consiliare Area Centrodestra. “Il nuovo gruppo che abbiamo creato e che presenteremo domani – spiega Pellegrino a LivesiciliaCatania – rivendica autonomia dalle beghe dei nostri rappresentanti, e rimane fedele al Cavaliere che, a giorni, ci riceverà a Roma. Io sono stato eletto nel Pdl – prosegue – e non mi importa delle beghe nazionali”.

Una questione di coerenza, dunque, e di rispetto verso gli elettori. “I cittadini hanno votato un partito che, sotto il simbolo, recava la scritta Berluscono presidente” – aggiunge Pellegrino – e io rimarrò con il Cavaliere fino a quando rimarrà in campo”. Un atteggiamento condiviso anche dal consigliere e vice presidente del Consiglio comunale, Tuccio Tringale. “Da una parte è vero che non vogliamo tradire gli elettori – evidenzia Tringale – ma, al momento, la questione non è seguire Berlusconi o scegliere di stare con Alfano. Attualmente, c’è una presa di posizione da parte dei consiglieri che prima componevano i gruppi Pdl e Tutti per Catania che hanno voluto dare un messaggio forte ai nostri riferimenti siciliani perchè, negli anni, i consiglieri comunali, che poi sono quelli a contatto con il territorio e sono investiti continuamente dai problemi della città e dei cittadini, si sono riuniti e hanno deciso di non vendersi le proprie posizioni a Roma”.

Tringale contesta la mancata attenzione della deputazione nazionale nei confronti della Sicilia e di quella siciliana nei confronti di Catania. “Cosa hanno fatto a favore della città? – prosegue – Non è arrivato alcun segnale nè  noi, con questa legge, conosciamo i deputati che sono eletti a Roma. Per questo abbiamo voluto fare un atto forte – evidenzia – e abbiamo deciso di dialogare direttamente con Roma. Se nessuno ci vorrà ascoltare, vorrà dire che grideremo più forte. Loro si strappano – conclude – e noi, di tutta risposta, ci uniamo ancora di più”. Motivazioni ribadite anche dal capogruppo del fu Pdl, Manlio Messina – probabile prossimo capogruppo di Area centrodestra: “Noi – ha affermato all’esordio in Consiglio di giovedì scorso – siamo per Catania. Siamo per la nostra città”.

Una scelta più che ponderata, quindi che però, potrebbe aver già fatto registrare i primi pentimenti.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    ma Riccardo Pellegrino che ha fatto in tutti questi mesi al consiglio comunale? solo ora si sente parlare di lui

    …vabbè Tringale si allinea sempre dove si garantisce il posto seduto….poi come l’altro è un personaggio scadendente….

    Non ha mai preso la parola

    Ecco la politica di oggi.. Senza Parole…

    Stanno lì seduti al Consiglio…..ma non hanno mai fatto un intervento…..
    Sono molto scadenti…gli interessa solo la poltrona

    Si sente? Sono gli altri che parlano di lui (livesicilia), se non fosse così, sarebbe, anzi lo è, un personaggio anonimo al Consiglio Comunale

    È una farsa! Veramente questi consiglieri pensano di prendere ancora una volta in giro gli elettori? Manlio Messina, dunque, avrebbe rotto con l’On. Pogliese e l’On. Catanoso? State solo cercando di riciclarvi! Caro consigliere Manlio Messina risponda ad una semplice domanda, se ne ha il coraggio ci dica ufficialmente se ha rotto definitivamente con i suoi riferimenti politici locali. Lei non fa più parte della segreteria dell’on. Pogliese???? La domanda, sono sicuro, non riceverà risposta. A chi prendete in giro?!?

    Ma perché rosicate , finalmente qualcuno si alza e ha il coraggio di rompere gli equilibri e subito a criticare mah mah

    Mi rivolgo a coloro che criticano, L’invidia è una brutta bestia. Anziché parlare informatevi bene.

    @Samuele
    Allora vada a farsi una passeggiata al Municipio e si “senta” il Consiglio..vedrà che pena.. siamo bene “informati”

    Questi fanno il gioco delle “tre carte”…..dove siamo qui? Lì? Oppure un po’ di qua e un po’ di là….Chissà chi lo sa?…

    MANDIAMOLI TUTTI A CASA!!!

    Vediamo quello che succede, se i ragazzi di destra o sinistra o di quello che è … POrtano e riescono nel difficilissimo compito di aiutare la popolazione a creare aziende, fare fatturato… aumentare il turismo
    aumentare le tasche dei Siciliani.

    Può solo essere qualcosa di positivo. La storia comanda se i risultati ci saranno, saranno documentabili, ci saranno lavoratori, aziende che nasceranno, e saranno li, a raccontare la propria esperienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.