"La mafia non c'entra" | Dissequestrati i beni di Lena - Live Sicilia

“La mafia non c’entra” | Dissequestrati i beni di Lena

Francesco Lena

Il patrimonio comprese l'Abbazia Santa Anastasia di Castelbuono.

PALERMO - MISURE DI PREVENZIONE
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – Una cosa è il disordine contabile, la mancata tracciabilità del denaro investito. Altra cosa è l’accusa di mafiosità. Sette anni e mezzo dopo il sequestro chiesto e ottenuto dalla Procura di Palermo vengono restituiti tutti i beni all’imprenditore Francesco Lena.

Il patron dell’azienda “Abbazia Santa Anastasia” di Castelbuono, nato a San Giuseppe Jato 82 anni fa, era stato pure arrestato con l’accusa di essere un prestanome dei mafiosi, un riciclatore di soldi sporchi per conto dei clan. Il processo penale si è concluso con l’assoluzione ormai definitiva.

Restava in piedi la misura di prevenzione patrimoniale e personale. Ora il Tribunale per le Misure di prevenzione di Palermo (presidente Giacomo Montalbano, giudice relatore Luigi Petrucci, giudice estensore Giovanni Francolini) ha dato ragione all’imprenditore e ai suoi legali, gli avvocati Andrea Dell’Aira e Rosario Vento.

Il nome di Lena era stato associato a boss del calibro di Bernardo Provenzano (secondo l’accusa, il defunto padrino corleonese era il vero proprietario dell’Abbazia), Salvatore Lo Piccolo, Nino Madonia e Antonino Rotolo. Si partiva da alcune intercettazioni in cui i boss parlavano di favori resi da Lena. Secondo il collegio, però, “non è possibile comprendere in cosa sia consistito il favore”, né i pentiti hanno saputo aggiungere ulteriori elementi.

In più, ci sono i risultati della perizia disposta dai giudici sul patrimonio di Lena. “I dati rassegnati dai periti, pur evidenziando anomalie contabili e il fatto che Lena abbia disposto di denaro contante la cui tracciabilità non può affermarsi – scrivono i giudici – non consentono di confermare la prospettata appartenenza a un’associazione di tipo mafioso”.

Anomalo è stato considerato il pagamento in contanti di 10 miliardi di lire da parte dei padri rogazionisti all’impresa di Lena, “ma non vi sono elementi per per assumere la provenienza illecita. Per il resto non è possibile in alcun modo individuare la fonte delle somme utilizzate da Lena già dagli anni Ottanta, ma al contempo nel disordine contabile e dalla disponibilità di esse non si traggono elementi che depongano per la loro riferibilità alle attività illecite in seno a Cosa nostra”. Ed ancora: “Né sulla base dei dati contabili può affermarsi che le attività imprenditoriali di Lena abbiano tratto vantaggio da rapporti da lui intrattenuti con l’organizzazione criminale”.

Da qui il no alla richiesta della Procura della Procura di applicare a Lena la sorveglianza speciale e e la restituzione delle seguenti imprese: Abbazia Sant’Anastasia, Lena Costruzioni, Cosistra, Saices, Lena Edilizia 2000, Lena 2009, Feudo Zurrica, Ata, Led Italia.

Dell’Abbazia, che comprende una tenuta e un hotel di lusso, si è parlato anche nello scandalo che ha travolto l’ex presidente delle Misure di Prevenzione, Silvana saguto, radiata dalla magistratura. Sotto processo a Caltanissetta c’è anche l’ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, indagata per concussione in concorso con Saguto. Saguto avrebbe imposto all’amministratore Alessandro Scimeca l’assunzione nelal struttura del figlio di un amico della Cannizzo, Richard Scammacca.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Finalmente un po’ di legalità.

    Chi ha diretto l’inchiesta? Chi deve ringraziare il Sig. Lena per i suoi patimenti?

    …. “Secondo il collegio, però, “non è possibile comprendere in cosa sia consistito il favore”, né i pentiti hanno saputo aggiungere ulteriori elementi.”….. e dopo oltre sette anni la “giustizia” ammette di non aver capito …. che giornata amara!

    ——————————————–
    IL MARCHESE DEL GRILLO

    SCENA 11
    Il Marchese dal Papa
    Marchese: “ M’inchino Santità e sono pronto a passare, il resto dei miei giorni a Castel
    S’Angelo a meditare, soltanto vorrei sapè su cosa devo meditare Santità?”
    Cardinale: “ Sulla mancanza d’opportunita di uno scherzo del genere in un momento come questo!”
    Marchese: “ Non non è stato uno scherzo, Eminenza”
    Papa: “ Come? fà suonare tutte le campane di Roma, come se fosse morto il Papa, non è uno scherzo? Sono forse morto io?”
    Marchese: “ No Santità è morto qualcuno forse più importante della Santità vostra!”
    Papa: “ Ah! e chi sarebbe…..”
    Marchese: “ E’ morta la giustizia!”

    Sicuramente qualcuno che mette i piedi sulla scrivania.

    La sorvegianza speciale la dovrebbero dare a tutti quelli che con il loro comportanto hanno alimentato il sistema Saguto offendendo la Giustizia.

    In Sicilia pensiamo che tutti siano mafiosi o quasi. Solo quelli che stanno simpatici a noi non consideriamo mafiosi.

    E QUESTO DANNO CHI LO PAGA??????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.