Maniscalchi: 'Il Covid è subdolo, più terze dosi in ospedale'

Maniscalchi: ‘Il Covid è subdolo, più terze dosi in ospedale’

La situazione al pronto soccorso Covid dell'ospedale 'Cervello'.
PALERMO, INTERVISTA AL PRIMARIO
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Tiziana Maniscalchi, primario del pronto soccorso Covid dell’ospedale ‘Cervello’, ha imparato a conoscere il mostro da vicino, dopo lunghi mesi di battaglia. E, nella mutevolezza dei contesti, la sua posizione non è cambiata: “Il Covid è un nemico subdolo, insidioso. Gli diamo forza quando lo sottovalutiamo, quando lo prendiamo sottogamba. Allora diventa pericolosissimo. I contagi stanno risalendo. Bisogna tenere d’occhio la situazione”.

Dottoressa Maniscalchi, è preoccupata per il numero infezioni? Oggi è più basso, ma abbiamo toccato picchi importanti.
“La preoccupazione, in ospedale, è un lusso che non possiamo permetterci. Stiamo con gli occhi aperti. Dal punto di vista del pronto soccorso, la situazione non è cambiata molto”.

In che senso?
“Abbiamo sempre trenta-quaranta accessi al giorno. Un numero stabile. Ci sono i non vaccinati e restano sempre gravissimi. Ci sono anche più vaccinati con terze dosi che hanno magari delle polmoniti, ma con una possibilità di protezione e di ripresa molto forte, perché si sono protetti”.

Omicron è una variante più leggera?
“Per i vaccinati con tre dosi, credo che si possa dire di sì. Per i non vaccinati no. Ma l’aumento dei contagi, via via che il booster si allontana nel tempo, ci suggerisce che, presto, dovremo organizzare le quarte dosi per tutti o per quasi tutti. Fino a quando non avremo un vaccino aggiornato e potremo programmare la campagna con più serenità”.

Chi sono i nuovi pazienti, se si può dire così?
“Arrivano più sanitari, cioè persone che hanno una terza dose già distante. Non stanno malissimo, anche se i fragili hanno bisogno di una assistenza tempestiva. Ci sono tanti colleghi, perché in corsia stanno aumentando i cluster. E anche questo conferma la grande diffusività del Covid, adesso. Maggiore rispetto al passato”.

E poi?
“Per quello che possiamo osservare, ci sono molte più famiglie, con una schema tipico: i ragazzi, che vanno a scuola, contagiano il resto dei componenti. E se i genitori o i nonni hanno patologie preesistenti o condizioni particolari, spesso, vengono qui”.

L’emergenza allora non è finita?
“Sì, invece. Ma soltanto nel senso che non possiamo più definirla un’emergenza. Il Covid rimarrà come un fatto strutturale per molti anni e, a poco a poco, con i vaccini e con l’attenzione, dovremo adeguare il nostro stile di vita alla novità”.

Significa che non riavremo più la nostra normalità?
“Significa che la riavremo, ma, come dicevo, con gli occhi aperti”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.