Meno dirigenti e più poteri al segretario generale| Palazzo delle Aquile, da oggi si cambia - Live Sicilia

Meno dirigenti e più poteri al segretario generale| Palazzo delle Aquile, da oggi si cambia

La burocrazia comunale cambia volto. Una delibera firmata dal commissario Luisa Latella taglia 15 posti da dirigente e aumenta sensibilmente le prerogative del segretario generale.
COMUNE DI PALERMO
di
3 Commenti Condividi

Rivoluzione in vista per la burocrazia di Palazzo delle Aquile. Il commissario Luisa Latella, infatti, ha approvato una delibera che ridisegna gli uffici comunali e in particolare, oltre a tagliare 15 posti da dirigente, rafforza e non poco la posizione del segretario generale della quinta città d’Italia.

Sia il segretario generale che il direttore generale infatti (incarichi al momento ricoperti da Fabrizio Dall’Acqua) potranno delegare le loro funzioni, creando di fatto una sorta di staff dirigenziale dagli amplissimi poteri. Il segretario, nel creare la propria “area”, potrà anche distaccare presso l’ufficio i dipendenti senza chiedere alcuna autorizzazione ad alcuno, nemmeno al sindaco, divenendo di fatto l’uomo-chiave dell’intera amministrazione comunale. Un piano ben più incisivo rispetto a quello elaborato dagli uffici e dietro cui ci sarebbe proprio Dall’Acqua, che ha però scatenato il malcontento di sindacati e burocrati e che non ha nemmeno ricevuto il parere degli uffici competenti.

Una riorganizzazione che costerà quattro milioni di euro e a cui seguirà una rotazione dei dirigenti. Ava precisato, però, che i 15 posti da dirigente tagliati erano già vacanti e, dato il blocco delle assunzioni, non era nemmeno possibile riempirli, ma l’atto formale mette nero su bianco quanto piazza Pretoria comunque risparmierà: 1,2 milioni di euro, facendo scendere la spesa da 8,3 a 7,1 milioni l’anno per i vertici della burocrazia. I dirigente, quindi, scendono da 103 a 88. Tra le novità, il dimezzamento dei dirigenti per le circoscrizioni (ci sarà un burocrate ogni due quartieri), l’accorpamento dei settori Verde e Ambiente e la nascita dell’ufficio Mobilità umana. All’appello manca, però, il servizio per la riscossione dei tributi. Per legge, infatti, da dicembre i comuni non potranno più affidarsi a terzi per riscuotere Tarsu o multe, ma dovranno farlo direttamente e arrivare impreparati a tale data rischierebbe di far venire meno introiti ad oggi vitali per la tenuta dei conti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    da dipendente comunale non posso non accogliere favorevolmente la scelta del coomissario latella
    finalmente !!!
    la qualità dei dirigenti in media è davvero scarsa; quelli più capaci (perchè ci sono) sono stati “allascati” durante l’amministrazione cammarata per dare spazio a coloro che a qualcuno “appartenevano”: il risultato è sotto gli occhi di tutti; dipendenti vessati e senza alcun entusiasmo, malpagati e obbligati ad eseguire lavori palesemente inutili – sia economicamente che qualitativamente.
    e campagna, il presidente del consiglio, che fa ? si lamenta….!!!
    ma non sia ridicolo, lui da ex dipendente comunale (non lo dimentichi) ha evidentemente perso qualiasi contato con la realtà: è vero allora che la pltica gioca brutti scherzi e rende tutti uguali… non ci voglio credere
    grazie dello spazio

    Ovunque meno dirigenti e più lavoratori.
    E soprattutto pagare i dirigenti in proporzione alla loro produttività e non quella degli altri.

    è finalmente tempo di fare pulizie…. questo potrebbe essere solo l’inizio di una lunga disinfestazione che si dovrebbe fare, i nostri cari dirigenti vedono lievitare la loro bella busta paga a spese di noi poveri impiegati soprattutto quei pochi LSU che siamo rimasti che diventiamo IMPIEGATI solo per LAVORARE….ma per il resto siamo gente di poco conto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *