Nuovo prefetto dopo il caso Saguto | A Palermo arriva Antonella De Miro - Live Sicilia

Nuovo prefetto dopo il caso Saguto | A Palermo arriva Antonella De Miro

Il nuovo prefetto del capoluogo (nella foto) arriva da Perugia. Prende il posto di Francesca Cannizzo, "costretta" a trasferirsi a Roma in seguito allo scandalo sulla gestione dei beni confiscati alla mafia. Cambio anche alla prefettura di Ragusa: Maria Carmela Librizzi sostituisce Annunziato Vardè.

la decisione del consiglio dei ministri
di
14 Commenti Condividi

PALERMO –  La città di Palermo ha un nuovo prefetto. È Antonella De Miro che arriva da Perugia. A lei l’onore e l’onere di ricoprire un incarico vacante dal 6 novembre scorso. Da quando Francesco Cannizzo decise di farsi da parte, chiedendo il trasferimento a Roma prima che qualcuno, probabilmente, decidesse per lei. La Cannizzo, oggi al gabinetto del ministero, chiese di lasciare l’incarico dopo che il suo nome era comparso, a più riprese, nelle carte giudiziarie sullo scandalo dei beni confiscati alla mafia. Il prefetto, seppure non indagato, è coinvolto nella bufera che ha travolto l’intera sezione delle Misure di prevenzione. A cominciare dall’ex presidente Silvana Saguto, sospesa dal Csm.

Il suo nome fa capolino nelle intercettazioni dei finanzieri della Polizia tributaria che svelano la grande amicizia con la Saguto, tanto da metterle a disposizione Villa Pajno, residenza privata ma istituzionale del prefetto, per festeggiare i 60 anni del magistrato. Nei nastri magnetici è rimasta pure traccia di una cena a casa Saguto nel corso della quale il prefetto si complimentò per la bontà del pesce – ventresca di tonno – messo a disposizione da un amministratore giudiziario. Una volta il giudice spedì, pure, la sua scorta a ritirare in lavanderia “la casacca del prefetto”.

Gli accertamenti sul ruolo del prefetto ruotano soprattutto attorno al rafforzamento della scorta al magistrato decisa a seguito della notizia che la mafia voleva morta la Saguto e un altro magistrato. C’è poi il capitolo delle presunte raccomandazioni per piazzare personale nelle amministrazioni giudiziarie dei beni confiscati e assegnare incarichi prestigiosi. Ci sarebbe, infatti, la partecipazione della Cannizzo, invocata dalla Saguto, nel tentativo di piazzare al Cara di Mineo Carmelo Provenzano, il docente universitario che avrebbe spinto la carriera del figlio della Saguto, fino a organizzare, sostiene l’accusa, una laurea farsa.

Oggi al suo posto arriva la De Miro. Lascia Perugia dove, anche lì, intervenne in un momento difficile per prendere il posto di Antonio Reppucci, defenestrato dal governo per un scivolone: usando parole molto poco istituzionali, attribuì il problema della tossicodipendenza dei giovani al mancato controllo dei genitori.

La De Miro, nata a Catania nel 1955, a Palermo c’è giù stata come prefetto vicario a. Nel suo curriculum una sfilza di incarichi in giro per la Sicilia con ispezioni in tanti comuni per stoppare le infiltrazioni mafiose nelle pubbliche amministrazione e negli appalti. È stata anche responsabile dell’Accordo di Programma Quadro “Carlo Alberto Dalla Chiesa”, sottoscritto dai ministeri dell’Interno, dell’Economia e delle Finanze e dalla Regione Siciliana per diffondere la legalità nell’Isola.

Il Consiglio dei ministri ha nominato anche il nuovo prefetto di Ragusa. Annunziato Vardè è stato trasferito alla prefettura di Brindisi, e al suo posto arriva Maria Carmela Librizzi. Anche lei è catanese, 57 anni, ed è stata capo di gabinetto e dirigente dell’Ufficio immigrazione della Prefettura di Ragusa fino al 2007, anno in cui fu trasferita a Venezia.

“Porgo il benvenuto a Palermo a Antonella De Miro, nuovo Prefetto della città, la cui grande esperienza sarà certamente utile per affrontare un incarico tanto prestigioso quanto gravoso, che vedrà sempre la massima collaborazione del Sindaco, della Giunta e di tutta l’Amministrazione”. Lo dice il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    Tranquilla peggio di chi l’ha preceduta non potra’ fare!!

    APPOSTO SIAMO ADESSO RICOMINCIANO GLI SBARCHI A PALERMO DEI PROFUGHI.

    Una domanda immediata: figli da assumere ne ha? è venuta nel posto giusto.

    grande servitrice dello Stato (appunto quello con la S maiuscola), donna di altissimo spessore professionale e umano, da sempre impegnata nella lotta al malaffare, ha diretto gli accessi ispettivi di comuni eccellenti, ha egregiamente e con sapienza governato Castellammare del Golfo dopo lo scioglimento, grande maestra di legalità e di vita per chi ha avuto l’onore di lavorarle accanto, grande conoscenza della macchina amministrativa , soprattutto quella dei Comuni. Era ora che Palermo avesse un Prefetto del suo spessore. Era ora finalmente che Le venisse riconosciuto il suo merito.

    speriamo sia vegana e nubile.

    Spero che non si lasci “affascinare ” dal nostro sindaco e che sia allergica al tonno.

    …dai commenti che leggo e che ho letto in precedenti artcoli, credo sia legittimo in uno Stato democratico che ogni cittadino possa esprimere la propria opinione, ma è innegabile che la Prefettura di Palermo in toto lavora quotidianamente con grande senso del dovere e del servizio al cittadino. E’ altresì innegabile che ha svolto e svolge un ruolo fondamentale nell’affermazione dei principi cardine della nostra Costituzione con partcolare attenzione all’Accoglienza, alla Soilidarietà, alla capacità istituzionale di catalizzare tutte le Forze dell’Ordine e dello Stato valorizzando e responsabilizzando ogni singolo attore di ogni ordine e grado. Donne e Uomini che hanno servito e servono lo Stato quotidianamente con alto senso del dovere. Benvenuta Eccellenza e Buon Natale. Cordialmente, Vincenzo Prestianni

    Il miglior funzionario della Repubblica

    Tranquilli, il Prefetto De Miro è una donna intelligente e preparatissima, al di sopra di tutto e di tutti.

    Speriamo che quando avra’ finito il mandato la possiamo ricordare per aver estirpato i posteggiatori abusivi.

    Signora Prefetto per poter capire meglio i problemi della citta’ le consiglio di non ascoltare nessun politico, in questi primi giorni dovrebbe girare in citta’ in anonimato vedere come siamo ridotti guardare un po’ tutto in tutte le zone e poi cominciare ad operare.Si ricordi che l’amministrazione comunale ha portato la citta’ nella classifica del Sole 24 ore 106/110 quindi ha tanto ma tanto da lavorare le auguro tantissimi auguri e speriamo di capovolgere la classifica, andrebbe bene fra le prime trenta.

    gli 11 pollici rivolti verso il basso…di chi sono ?

    Solo per curiosità, ma da quale libro è tratto?

    lei è dipendente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *