Pannella su Ingroia: | "Un personaggio da commedia" - Live Sicilia

Pannella su Ingroia: | “Un personaggio da commedia”

Marco Pannella

Per il leader dei radicali: "Sarebbe uno splendido personaggio della commedia all' italiana, peccato solo che non sia napoletano".

Napoli
di
24 Commenti Condividi

NAPOLI – “Ingroia? E’ un personaggio da commedia all’ italiana, come Di Pietro e De Magistris”. Così Marco Pannella, parlando con i giornalisti alla no-stop dei radicali italiani in piazza Plebiscito per il via alla raccolta di firme sui 12 referendum radicali. Commentando l’abbandono della magistratura da parte dell’ex pm di Palermo, Pannella ha detto: “sarebbe uno splendido personaggio della commedia all’ italiana, peccato solo che non sia napoletano. E con lui lo sarebbero Tonino Di Pietro e De Magistris, che è un altro Ingroia”. “Fanno parte tutti e tre parte della Commedia all’ italiana”, ha concluso Pannella.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

24 Commenti Condividi

Commenti

    Apprendo, e mi scuso per la mia ignoranza, che Pannella e i Radicali stanno promuovendo (altri) dodici referendum. Ma la notizia per Live Sicilia à ovviamente un’altra …

    Sei grande Marco!

    Pannella chi? quello che è contro il finanziamento pubblico dei partiti e si fa finanziare da decenni radio radicale?

    ah beh, detto da uno che fa uno sciopero della fame (inutile) al mese e che s’è alleato col berlusca alla bisogna risulta molto credibile, sì sì!

    Effettivamente una notizia su questi referendum sarebbe stata più interessante e utile…

    Capisco e mi stupisco della telenovena Ingroia che Live Sicilia porta avanti da un po’ di tempo.
    Oggi penso sia piu’ importante notiziare con approfondimenti sui referendum .
    Di questo “Ingroia” se ne scritto e detto piu’ di quanto meriti.
    Siete un buon giornale , meritate argomenti diversi.
    Grazie

    I soldi riconosciuti a Radio Radicale sono il corrispettivo di un servizio pubblico reso, non un finanziamento alla politica. I primi a voler mettere a gara il medesimo servizio siamo proprio noi radicali. Solo che nessuno la vuole questa gara perché non sarebbero in grado di garantire una frazione del servizio garantita da Radio Radicale con 8,33 milioni.
    Ricordo che tutti i contenuti di Radio Radicale sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione 2.5, che permette la libera e gratuita riproduzione, distribuzione e modifica del materiale, col solo obbligo dell’attribuzione della paternità dei file e della citazione della licenza stessa.

    Luigi Recupero
    Segretario dell’associazione Radicali Catania aderente a Radicali Italiani

    Detto da mister finto “sciopero della fame” è un complimento!

    E Pannella un personaggio da farsa. Lui con le sue pseudoideologie e pseudobattaglie.
    Ma vattinni.

    La dichiarazione del vice presidente del CSM Vietti
    “Ingroia lascia la magistratura per la politica? Ce ne faremo una ragione”, non so perchè, mi ha fatto rifiorire
    quella cinica battuta di Andreotti su Ambrosoli:
    ” Come si dice a Roma ” era uno che se la andava cercando “

    Detto da Pannella, che non ha mai rappresentato i principi di buon padre di famiglia in questa società, è uno schiaffo morale molto profondo che merita un approfondimento molto serio da parte di Ingroia .

    Cavolo, detto da Pannella lo ritengo un complimento. Ormai chiunque è in grado di dare fiato alle trombe. Raramente, però, viene fuori qualcosa d’interessante.

    povero Pannella i tanti scioperi cosiddetti “della fame” gli hanno dato alla testa! evitate, per favore, questo strazio finale….fate che ci lasci il ricordo delle sue battaglie migliori!!

    Pannella merita solo di andare a fare compagnia ad un altro suo coetaneo con cui sta molto bene e lo ha dimostrasto nel passato: la peggiore destra di berlusconi. Ed intanto lo Stato deve smetterla di finanziare una radio privata come Radio Radicale. Questi sono aiuti di Stato vietati dall’Europa.

    Riportatelo all’ospizio, dove potrà dare fiato alle sue trombe … quelle trombe posteriori, data l’età

    Con tutta l’antipatia che posso avere per Ingroia sentire Pannella definire commediante il prossimo mi fa morire dal ridere. Con i suoi farseschi scioperi della fame e della sete con cui ci atturra da anni crede di attirare l’attenzione pubblica non riusciendovi in altro modo. E in un periodo in cui la delinquenza, gli stupri, la violenza, i femminicidi ecc. abbondano, lui che fa? Lo sciopero della fame per chiedere amnistie, indulti e quant’altro…..cioè svuotare le carceri. Delle vittime e della gente che dai delinquenti ha la vita rovinata a questo pupazzo non gliene frega nulla. Adesso è rispuntato più di prima perchè gli esponenti di questo finto governo gli si addicono, sono fatti su misura per lui.

    Caro Luigi Recupero, con le vostre battaglie pseudo-gandhiane ancora non avete capito che siete i migliori alleati e i migliori complici dei delinquenti e dei farabutti d’ogni estrazione e nazionalità. Mai che vi avessi visto intraprendere un’iniziativa a favore delle vittime della delinquenza. Pannella con i suoi scioperetti più o meno veri è diventato patetitico, francamente vi reputo un movimento di inutili predicatori di aria fritta.

    E chi sostiene questo?IL PRIMO COMMEDIANTE D’ITALIA
    Ma và chiuriti|||||

    @Prince :
    Da mo’ che l’hanno capito di essere i migliori alleati dei carcerati !! Con le richieste continuate di amnistia cercano di pescare voti tra i detenuti, perché nella società civile non se li fila più nessuno, dopo tutte le porcherie che hanno combinato, non ultime i vari salvataggi dell’ultimo governo Berlusconi e i continuati incassi di denaro pubblico per Radio Radicale, che resta una radio PRIVATA !!!

    I carcerati sono ormai gli unici referenti elettorali dei Radicali. Lascio immaginare la cristallina coscienza politica e l’impegno per il bene comune dei primi.

    Io non sono d’accordo con Ingroia, in quanto, Lui doveva rimanere magistrato è portare a termine il suo compito, ma sentire dire, come ha fatto Pannella che Ingroia è da commedia, francamente mi disgusta.Infatti, considero marco panella e la sua pletora di radicali, che per nostra fortuna sono pochini, una specia di Circo barnum, sempre pronti ad elemosinare dai potenti qualche posticino!!!!!

    Luigi recupero voi eravate i garantisti ad oltranza che attaccavate Giovanni Falcone ed avete contribuito ad isolarlo assieme a tanti altri … Si vergogni

    radicali siete come scilipoti siete la peggiore categoria

    Viva Ingroia. UN GRANDE MAGISTRATO

    CIRCA 80ANNI DI CHIACCHIERE ; E L’ITALIA AFFOGA.IN SENSO FIGURATO E REALE.!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *