Pd, tutti i nodi da sciogliere | I gazebo non servono più - Live Sicilia

Pd, tutti i nodi da sciogliere | I gazebo non servono più

Faraone sarà segretario. Ma restano i dubbi sul regolamento. Oggi la commissione regionale.

Il congresso dem
di
16 Commenti Condividi

PALERMO – E adesso? Che succede nel Pd siciliano a pezzi? Davide Faraone è già segretario? Le primarie si fanno o no? Come si eleggono i membri dell’assemblea del partito? Tante le domande a cui rispondere dopo l’uscita di scena di Teresa Piccione. La candidata zingarettiana si è ritirata dalla corsa contestando una serie di decisioni assunte dagli organismi del partito che avrebbero a suo avviso compromesso la libertà e la regolarità delle primarie, trasformandole nell’atto costitutivo del “partito di Renzi”. I cui seguaci a loro volta contestano Piccione e i suoi sponsor, tra cui Giuseppe Lupo, la cui poltrona di capogruppo è nel mirino di Sammartino e compagnia. In mezzo a questo caos totale, con fratture che si riproducono anche a livello territoriale, il partito dei separati in casa deve adesso completare alcuni passaggi formali.

Non essendo più in corsa Piccione, c’è un solo candidato alla segreteria regionale, Davide Faraone. E il regolamento congressuale votato in direzione dice che in questo caso le primarie non si fanno. E aggiunge che in questo caso lo stesso regolamento preveda il da farsi. Solo che parrebbe, a sentire un po’ di dirigenti dem, che questa previsione sul da farsi manchi. C’è anche il problema dell’assemblea. Una parte la si sarebbe dovuta eleggere alle primarie, in base alle liste collegate ai due sfidanti. Ma senza la sfidante Piccione, che fine fanno le sue liste? Decadono, verosimilmente. E allora restano solo le liste di Faraone, che si prenderebbe tutto il 60 per cento dei delegati che si eleggono alle primarie. Ma è proprio così? Su questo fronte si potrebbe aprire l’ennesimo scontro sulle regole. La commissione regionale del congresso si riunirà nel pomeriggio per assumere le decisioni del caso. Non ci sarà Lillo Speziale, che si è dimesso in aperta polemica con Raciti, che presiede l’organismo, e con le decisioni assunte anche dalla commissione nazionale di garanzia a maggioranza renziana.

Ma primarie o non primarie, Davide Faraone diventerà in ogni caso segretario di un partito imploso, leader riconosciuto solo dai suoi. La convivenza dei dem siculi sotto un unico tetto, dopo lo scontro di queste settimane, appare veramente difficile. E il futuro del partito quanto mai incerto.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

16 Commenti Condividi

Commenti

    peccato mi volevo fare quattro risate a vedere la folla che avrebbe partecipato hahahahaha

    Prima di esprimere giudizi basati sul nulla sarebbe giusto vederlo all’opera. Il Sen. Davide Faraone è l’uomo giusto che serviva per fare ripartire in Sicilia il Partito Democratico e da renziano vi posso garantire che ci riuscirà in quanto ha tutta l’esperienza e la saggezza politica necessaria per riuscirci. Gli altri? avrebbero solo finito per fare del male al PD.

    Mi sembra inevitabile una scissione, stare tutti insieme è pietoso.
    Gli avversari non si rispettano, chi pensa di perdere fugge prima del confronto e chi ha vinto si accolla questo genere di successo.

    Alla fine Renzi ha vinto, ha fatto andare via tutti i fondatori del partito, bersani e d’alema su tutti. Adesso si va al rinnovo delle segreterie regionali e fa piazza pulita, in pratica è proprietario del PD così come Berlusconi lo è di Forza Italia.
    Solo che lui è riuscito a non fondarlo il partito, se lo è proprio preso! Quindi complimenti, un artista!

    eppure sarei stato curioso di sapere quanta affluenza potevano avere i Gazebo, peccato che non si facciono…..

    Solo così Faraone può diventare segretario pazienza

    Viva Davide Faraone, segretario di se stesso.

    Farneticazioni, pensi che ci sia qualcuno pronto a seguire un perdente nato, uno che distrugge tutto quello che tocca. Finita sta farsa, si andrà a votare nei circoli e li si vedranno i veri numeri.

    e sara la fortuna dei 5s

    Certo che è un partito democratico, di comunista non ha nulla. Andatevene in Siberia da Putin.

    Dice un proverbio :
    Vuoi fare il re, ti faccio ma se poi il re non lo sai fare che re sei?
    Solo i renziani sono bravi, onesti, educati, simpatici, graziosi, intelligenti, ecc. gli altri no.
    Bene un capo su un popolo di , io , mammete e tu.

    Faraone è il niente, espressione del nulla. Presenzialista, buono a sparare slogan privi di contenuto e sempre in cerca di folle davanti alle quali piazzarsi per sostenerne la causa (della quale ovviamente non sa niente)…sempre che ci siano sufficienti garanzie di successo.
    In questo è assolutamente nella media dei politici siciliani.

    amici del pd un consiglio,tenete un gazebo vi servira’per il prossimo lavoro,vendere bibite e panini

    chiamate il 118 prestoooooo

    PD =Partito Disperati

    Il segretario di se stesso

    Bravo Faraone hai messo fine alPD . Presto accadrà a livello nazionale. Segretario di un partito che di fatto è morto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *