Pdl, la spaccatura | Lupi: "Nessuna scissione" - Live Sicilia

Pdl, la spaccatura | Lupi: “Nessuna scissione”

Lupi con Letta e Napolitano

Ore frenetiche in casa del Pdl, dopo lo strappo. Si consumerà la rottura definitiva fra le due anime del partito?

Verso Forza Italia
di
1 Commenti Condividi

ROMA- Il giorno dopo la riunione del consiglio di presidenza del Pdl che ha sancito il ritorno a Forza Italia e ufficializzato la spaccatura fra Berlusconi e Alfano, le ‘colombe’ del partito non provano a ricucire, evidenziando come quella di ieri è solo un primo passo vero il Consiglio nazionale dell’8 dicembre. Il ministro Lupi chiarisce: “Non ci sarà nessuna scissione. Noi lavoriamo da sempre per un partito unito intorno a Berlusconi e Alfano”. Cicchitto ribadisce: “Per sciogliere il Pdl servono i due terzi del Consiglio nazionale e non è detto che ci siano”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Forse Letta e Alfano si fanno troppe illusioni. Non è per niente certo che riusciranno a disinnescare tutte le trappole che i loro competitor all’interno di propri partiti approntano in gran quantità. Detto ciò, e lasciando a Renzi il compito di triturare tutto il vecchio del Pd (che poi è quasi per intero il Pd), a tutti i capi e capetti lealisti o filogovernativi del Pdl andrebbe ricordato almeno tre volte al giorno che, nel bene e nel male, l’ imponderabile cordone ombelicale che unisce Berlusconi alla sua vastissima platea di elettori, non è ereditabile. Forza Italia o Pdl, si chiami come si voglia, è per sua natura un partito liquido: una volta che si rompe il contenitore, il contenuto si disperderà in mille rivoli. E chi non lo capisce farà la fine di Fini. E’ innegabile,poi, che per tutti i politici nostrani, nessuno escluso, le poltrone, le stanze e le scrivanie prestigiose sono tutto. Come è innegabile che l’unico trittico al quale si accostano per propiziarsi le carriere è quello che rappresenta l’allegoria della loro vita, e che tradotto in linguaggio comune indica le tre cose che per loro valgono veramente: “Mangiare carne, comandare carne, futtiri carne”. In questo quadro desolante, di tanto in tanto un inginocchiamento davanti alla nicchia del buonsenso, non guasterebbe. Ma farglielo capire è cosa difficile, però. Così, si va avanti per emergenza. La emergenza che questo governo ha sposato e l’immigrazione. In Sicilia, mentre la disoccupazione, il degrado sociale e istituzionale e la fame galoppano ventre a terra, dovunque è un fiorire di case di accoglienza per i venienti dall’Africa. E sono così tante che, dopo aver occupato tutte le case occupabile delle periferie, ora anche nelle vie centralissime, gli appartamenti che i siciliani lasciano non essendo più in grado di pagare l’affitto o perché sfrattati, vengono presi in locazione dalle cosiddette associazioni umanitarie, che di umanitario hanno soltanto il business fiorente. Un’attività redditiva che sen’altro andrebbe messa sotto una buona lente d’ingrandimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *