Processo agli 'scappati' |Due condanne e due assoluzioni - Live Sicilia

Processo agli ‘scappati’ |Due condanne e due assoluzioni

Da sinistra: Giovanni Bosco (condannato a 9 anni), Alfonso Gambino (condannato a quattro anni e mezzo), Matteo Inzerillo e Ignazio Mannino (entrambi assolti)

Condannati due dei quattro 'scappati' della guerra di mafia degli anni Ottanta. Giovanni Bosco ha avuto 9 anni. Quattro anni e mezzo ad Alfonso Gambino. Matteo Inzerillo e Ignazio Mannino sono stati assolti.

4 Commenti Condividi

PALERMO – Non solo sarebbero rientrati in Italia, avrebbero pure ottenuto un posto di rilievo nella nuova Cosa Nostra palermitana. Condannati due dei quattro ‘scappati’ della guerra di mafia degli anni Ottanta, sotto processo a Palermo. Giovanni Bosco ha avuto 9 anni. Quattro anni e mezzo ad Alfonso Gambino. Matteo Inzerillo e Ignazio Mannino sono stati assolti. Erano stati tutti arrestati nel 2011 nel corso di un’operazione dei carabinieri del Ros su richiesta dei pubblici ministeri Vania Contrafatto, Caterina Malagoli e Francesca Mazzocco. Avrebbero fatto parte della folta schiera dei perdenti della guerra di mafia costretti all’esilio negli Usa dai corleonesi di Totò Riina, ma che, secondo l’accusa, sarebbero tornati per diventare esponenti della cosca di Passo di Rigano.

In particolare Bosco, parente di Salvatore Inzerillo, boss ucciso nell’81, avrebbe guidato le redini del clan. Mentre Inzerillo sarebbe stato incaricato di mantenere i rapporti con altri esponenti del mandamento che incontrava utilizzando anche mezzi dell’Amat, l’azienda municipalizzata dei trasporti di cui era dipendente. Un accusa che, pero’, nel suo caso non ha retto. Così come per Mannino. Erano difesi dagli avvocati Ninni Reina, Antonio Sottosanti e Angelo Barone. I quattro, secondo la ricostruzione degli investigatori, erano presenti al summit mafioso di Villa Pensabene del febbraio 2011 in cui furono decise le strategie della nuova mafia. La sentenza è del giudice per l’udienza preliminare Vittorio Anania. Il rito alternativo ha consentito agli imputati condannati di ottenere lo sconto di un terzo della pena.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    I mafiosi con il loro “pizzo”, hanno bloccato la crescita della Sicilia diffondendo povertà anzicchè ricchezza.

    che facce……..

    il bello che molta gente ancora oggi è convinta del contrario…..mah!!!!!!!

    Si insieme ai Politici….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *