Protesta dei lavoratori Coinres,| ma non c'è alcuna garanzia - Live Sicilia

Protesta dei lavoratori Coinres,| ma non c’è alcuna garanzia

Sit-in dei lavoratori Coinres, da quattro mesi senza stipendio, davanti la sede della presidenza della Regione. Il presidente della commissione Bilancio dell'Ars, Riccardo Savona (nella foto), spinge per l'accelerazione nella creazione delle società che sostituiranno gli Ato.

Palermo
di
0 Commenti Condividi

Protestano per avere risposte, ma ancora non c’è alcuna garanzia per i circa duecento lavoratori Coinres in attesa degli stipendi arretrati di febbraio, marzo, aprile e maggio. I dipendenti del consorzio che si occupa della gestione dei rifiuti nella provincia di Palermo hanno organizzato un sit-in davanti alla sede della presidenza della Regione che è andato avanti fino al primo pomeriggio, in attesa della conclusione degli incontri con le sigle sindacali e coi sindaci dei comuni di Bagheria, Casteldaccia, Villabate, Ciminna, Ficarazzi, Baucina e Bolognetta. Il primo incontro è terminato senza alcuna garanzia nei confronti dei dipendenti, mentre la commissione Bilancio dell’Ars, presieduta da Riccardo Savona ha ritenuto necessario ribadire la necessità di utilizzare le risorse previste dal dirigente generale del dipartimento Rifiuti, Enzo Emanuele, pari a 3,4 milioni di euro.

“E’ necessario un tavolo tecnico – dice Savona- per individuare soluzioni percorribili che risolvano le questione nella sua interezza, consapevole che la Regione non ha opportunità di intervenire su attività che esulano dai suoi poteri, e pertanto l’impegno politico è rivolto alla tutela dei diritti dei lavoratori. Credo – conclude Savona – che bisogna accelerare i tempi per la creazione delle società di raccolta dei rifiuti che dovranno sostituire gli Ato, secondo quanto previsto dalla legge di riforma approvata nel 2011”.

Una situazione, quella dei duecento dipendenti in attesa dello stipendio, che la scorsa settimana ha provocato l’ira dei dipendenti del consorzio che fanno capo a Misilmeri: alcuni di loro, infatti, al termine di una riunione dei sindaci che si è tenuta a Villabate, hanno inseguito e aggredito il primo cittadino di Bagheria, Vincenzo Lo Meo.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *