Rapinò la banca con un complice| In manette un giovane bolognese - Live Sicilia

Rapinò la banca con un complice| In manette un giovane bolognese

Giovanni Montagnino, 21 anni (nella foto), aveva fatto da "palo" al complice, Antonino Fragali, diciottenne palermitano già arrestato. I due erano scappati con un bottino di 18mila euro.

Via Notarbartolo
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Ad incastrarlo è stata un’impronta digitale. Le manette sono scattate per Giovanni Montagnino, bolognese di 21 anni, accusato di aver partecipato alla rapina del 10 agosto 2012 all’agenzia Monte Paschi di Siena di via Notarbartolo. Un colpo messo a segno insieme ad un complice, che fruttò diciottomila euro. L’anno scorso era stato arrestato il giovane che si era fatto materialmente consegnare i soldi dai cassieri: sotto minaccia era riuscito a farsi consegnare il denaro.

Antonino Fragali, 18 anni, era stato individuato dopo minuziose indagini, arrivate ad una svolta grazie alle immagini del circuito di telesorveglianza della banca, agli elementi raccolti grazie al sistema antirapina e alle testimonianza dei presenti, dai dipendenti dell’istituto bancario ai clienti. Montagnino, finito in manette oggi, aveva fatto da “palo” al suo complice.

L’indagato è stato individuato grazie a un’impronta digitale rilevata nella banca dalla polizia scientifica: all’epoca Montagnino era incensurato e dunque le sue impronte non erano inserite nella banca dati delle forze dell’ordine, dove sono state solo di recente classificate, per un’altra vicenda.

Questo ne ha permesso la comparazione con quella relativa alla rapina di Palermo e ha portato all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa a carico di Montagnino dal Gip Aiello ed eseguita oggi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *