Realmonte, imbrattarono la Scala dei Turchi: due a giudizio

Realmonte, imbrattarono la Scala dei Turchi: due a giudizio

La vicenda risale al 2002
SICILIA
di
0 Commenti Condividi

REALMONTE (AG) – La Procura di Agrigento ha disposto la citazione diretta, per deturpamento di cose altrui e deturpamento di bellezze naturali, dei due che, nella notte fra il 6 e il 7 gennaio del 2022, imbrattarono, con una sostanza chimica rossa, la Scala dei Turchi di Realmonte, in provincia di Agrigento.

Si tratta di Domenico Quaranta, 49 anni, condannato in passato per gli attentati terroristici dimostrativi alla Valle dei Templi e alla metropolitana di Milano e Francesco Geraci, 46 anni, entrambi di Favara, in provincia di Agrigento.

A identificare, e denunciare i due, furono, pochi giorni dopo lo scempio della marna bianca famosa in tutto il mondo, i carabinieri di Agrigento, coordinati dal maggiore Marco La Rovere. Ad agire materialmente sarebbe stato Quaranta mentre Geraci avrebbe fatto da autista del furgone Ford Transit e da “palo”. Il processo si celebrerà a partire dal 3 luglio davanti al giudice monocratico Rossella Ferraro.


0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

    Direi che oltre “al controllo H24” ( che pagherà per il resto della sua vita l’autore dello sfregio, lavorando come e peggio di un mulo con la palla al piede), lo Stato deve introdurre pene più severe ed esemplari. Se trovano l’autore o gli autori questi dovrebbero essere condannati a pulire con la lingua i piedi dei fruitori del sito da esse danneggiato. Senza se e senza ma. Una pena esemplare. Stop!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *