Rete ospedaliera, c'è il decreto| Basta deroghe per i punti nascita - Live Sicilia

Rete ospedaliera, c’è il decreto| Basta deroghe per i punti nascita

L'assessorato regionale alla Sanità

Razza firma il documento. Ecco il cronoprogramma: restano 138 reparti da tagliare.

Sanità
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – “Come richiesto dal Ministero della Salute, con nota trasmessa lo scorso dicembre, ho adottato questa mattina il decreto sulla programmazione della Rete ospedaliera della Regione”. Lo annuncia su Facebook l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza.

L’annuncio di Razza

“Il documento, esattamente come avvenuto in previsione della rete approvata nel maggio del 2017, recepisce, con un cronoprogramma, le richieste formulate dal Ministero in relazione alla riduzione delle unità complesse, secondo la previsione di rete, nonché sulla rete emergenziale e sui punti nascita. Con riferimento a questi ultimi, avendo il tavolo tecnico rimandato al Comitato del percorso nascita nazionale, lo stesso Comitato si è pronunciato il 18 dicembre 2018 concedendo alla nostra Regione una ulteriore deroga, con verifica da attuare a sei mesi e poi ad un anno”.

Razza aggiunge: “Alcune indiscrezioni di stampa, riportate nei giorni scorsi, hanno probabilmente indotto il ministro Grillo a ritenere che la Regione potesse eludere il parere trasmesso. Non è così, come da me dichiarato già nei giorni scorsi, e non potrebbe mai esserlo: siamo stati educati alla cultura delle istituzioni e riteniamo che la collaborazione con il Ministero, fino ad oggi proficua, sia posta nell’interesse esclusivo dei cittadini, che tutti riteniamo imprescindibile. La prossima settimana, il 23 febbraio, vorrò incontrare le parti sociali per proseguire nel dialogo avviato e per iniziare ad affrontare i criteri per la redazione dei nuovi atti aziendali”.

La polemica del ministro

Razza interviene così dopo le dichiarazioni del ministro della Salute, la siciliana Giulia Grillo. “Apprendo dalla stampa – aveva scritto Grillo – che la Regione Siciliana avrebbe ottenuto da questo ministero e dal ministero dell’Economia un via libera incondizionato al Piano ospedaliero presentato dall’assessore alla Salute, Ruggero Razza, in attuazione del DM 70 (il cosiddetto decreto Balduzzi, ndr). Mi spiace non confermare queste notizie”. Grillo, parlando di “baldanzosi annunci” del governo regionale, aggiungeva: “Il nostro parere positivo è condizionato all’adempimento di una serie di azioni fondamentali che riguardano per esempio i pronto soccorso, i punti nascita e la rete dell’emergenza territoriale, senza le quali non può esserci alcun via libera, perché sono condizione fondamentale per la qualità del servizio e la sicurezza delle cure per i cittadini. Non parliamo di dettagli ma di sostanza”.

Il cronoprogramma

Il piano adottato dall’assessore e firmato da Razza e dal dirigente generale Mario La Rocca, prevede come richiesto da Roma dei cronoprogrammi dettagliati per aderire alle osservazioni mosse da Roma allo schema di rete ospedaliera proposto dalla Regione. Per quanto riguarda le unità operative, quelle in eccesso rispetto agli standard sono 168. Una trentina sono state già “rinfuzionalizzate” entro il primo step del 31 agosto scorso. Ne restano 138. Si interverrà su altre 11 entro il 31 marzo di quest’anno, 25 entro il 30 giugno, 44 entro il 31 dicembre di quest’anno, e 58 entro il giugno del 2020. Gli interventi numericamente più consistenti si avranno sui reparti di oculistica, neonatologia e di recupero e riabilitazione funzionale. Quali unità chiuderanno? Lo si saprà valutando i fati di produzione delle unità del 2018. Saranno chiuse le meno performanti, in ragione dei criteri già individuati (tasso di occupazione dei posti letto, peso medio delle prestazioni e indice di inappropriatezza delle prestazioni). La Regione, inoltre, si impegna a chiudere alcuni Pte (presidi territoriali d’emergenza), otto al 31 dicembre 2019, e una quindicina a giugno 2020. L’altra osservazione più significativa mossa da Roma riguarda i punti nascita. Il 2019 sarà l’ultimo anno di deroghe. Alla fine dell’anno si procederà al monitoraggio dei parti e i punti con meno di 500 nascite dovranno essere chiusi.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Con questo provvedimento si è visto il vero volto dei CINQUE STELLE un partito peggio degli altri perché anche se sono al Governo fanno opposizione ad un ipotetica intreccio di interessi degli altri partiti, risultato: i cittadini sempre più dovranno rivolgersi ai privati e allora qual è la differenza tra FI, PD e CINQUE STELLE ? nessuna anzi quest’ultimi hanno dimostrato una vera e propria incompetenza nel risolvere i problemi (dare soldi ai fannulloni con il reddito di cittadinanza perché è così che va a finire – riportare l’Italia al medio evo perché non vogliono le grandi opere). Elezioni subito prima che facciano altri danni perché è chiaro che le prese in giro e le bugie hanno le gambe corte e che sicuramente pian piano la gente comincia a capire le prese in giro fatte in campagna elettorale, non a caso i provvedimenti promossi da SALVINO hanno l’approvazione popolare e quelli loro vengono osteggiati da tutti.

    Continua ancora la grossa presa in giro di potenziare (a parole) il pronto soccorso riducendo ulteriormente i reparti di degenza che sono gli unici posti dove i pazienti possono essere adeguatamente seguiti e curati. Il risultato è aumentare a dismisura la presenza di gente nei vari locali dei PS sperando che si libera uno dei pochi e preziosissimi posti di degenza. Fa ridere che i cinquestelle facciano ispezioni come quello di VIlla Sofia dell’altro ieri e contemporaneamente perseguino nel piano di distruzione sistematica del SNN. Il problema è che non esiste nessuna opposizione che dica queste cose. Anche perchè non esiste nessun politico che abbia il coraggio di dire in faccia la realtà.- E che cioè il SSN gratuito vuole essere smantellato!

    Le prescrizioni richieste dalla Ministra siciliana alla salute 5stelle Grillo, tanto sostenute dai deputati siciliani pentastellati, prevedono:
    – La chiusura di altri 138 reparti nei vari ospedali siciliani (30 reparti erano già stati tagliati nella proposta Razza)
    – La chiusura di 23 punti territoriali di emergenza (i pronto soccorso territoriali)
    – La deroga ai punti nascita prorogata solo fino al 31.12.19
    I 5S in campagna elettorale avevano detto che, se fossero andati loro al governo, in Sicilia non sarebbe stato chiuso nemmeno un reparto e si sarebbero incrementati i presidi territoriali.
    Ora la loro Ministra ne pretende la chiusura per approvare il piano della rete ospedaliera.
    Quando, entro l’anno prossimo, i siciliani vedranno che nei loro ospedali si chiudono reparti di medicina, chirurgia, cardiologia, ecc, si chiudono i punti nascita e i PTE, sapranno chi devono ringraziare.

    La distruzione della sanità pubblica, iniziato con il disastroso duo lombardo e russo, prosegue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *