Si dimette il delegato di lista | "Non ho responsabilità, lo faccio per 'Amo Palermo'" - Live Sicilia

Si dimette il delegato di lista | “Non ho responsabilità, lo faccio per ‘Amo Palermo’”

Mafia e politica
di
6 Commenti Condividi
L’arresto di Vincenzo Ganci crea scompiglio all’interno della lista Amo Palermo, a sostegno della candidatura a sindaco di Marianna Caronia. Nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta in mattinata all’Astoria Palace di Palermo, il delegato della lista Giuseppe Scozzola ha rassegnato le sue dimissioni.
L’incontro con i giornalisti è servito a Scozzola anche per entrare nel dettaglio della vicenda che ha coinvolto Ganci: “Ho chiesto a tutti i candidati di firmare un documento, l’allegato n.6 bis, al cui interno viene riportata un’autocertificazione sulle norme antimafia. Naturalmente anche Ganci lo ha sottoscritto, con tanto di autenticazione redatta dal consigliere provinciale Bartolomeo Di Salvo, consegnandolo successivamente nelle mie mani. Oltre a questo – precisa Scozzola – i candidati hanno siglato un dichiarazione in cui affermano di essere stati edotti dalle disposizioni di legge”. Il riferimento è alla normativa che vieta lo svolgimento di propaganda per persone sottoposte a misura di prevenzione (cd legge Lazzati) e il voto si scambio.
Detto questo – continua Scozzola – il 26 marzo scorso ho ricevuto una e-mail da un contatto sconosciuto, tale GIGGI, in cui veniva segnalata a Marianna Caronia la presenza nelle sua lista di un tale Ganci vicino ad ambienti mafiosi. Il giorno stesso la stessa candidata a sindaco di Palermo sporgeva una denuncia-querela preventiva contro ignoti e lo stesso Ganci si recava presso un ufficio di Polizia postale dove gli veniva comunicata l’impossibilità di presentare una denuncia dato che, non essendo state ancora presentate le liste, non era possibile dedurre se le generalità del Ganci corrispondevano o meno alla sua stessa persona”.
Subito dopo l’annuncio delle dimissioni da delegato, “pur essendo esente da qualsiasi responsabilità – precisa Scozzola – ritengo doveroso e responsabile lasciare la carica per salvaguardare l’onorabilità e la credibilità dei candidati di Amo Palermo”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Ma mi faccia il piacere, se ne dovrebbero andare tutti a casa per non destare altri sospetti.

    Ho chiesto a tutti i candidati di firmare un documento, l’allegato n.6 bis, al cui interno viene riportata un’autocertificazione sulle norme antimafia. Naturalmente anche Ganci lo ha sottoscritto, con tanto di autenticazione redatta dal consigliere provinciale Bartolomeo Di Salvo, consegnandolo successivamente nelle mie mani.
    Se le dichiaro che le mie misure sono 90, 60, 90 lei ci crede? Basta guardarmi per capire che ho imbrogliato! Se aveste voluto capire, sarebbe bastato guardarvi intorno.

    Sei un signore, le persone distinte si distinguono sempre, in bocca al lupo dottr scozzola.
    francesco de santis

    Nulla da eccepire sul comportamento dello staff di Marianna Caronia e nello specifico del Dott. Scozzola.
    Una sola mela marcia non può e non deve infangare una intera lista.

    è a controllato tra i candidati alla 4° circoscrizione??? lì forse qualche altro lo trova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.