Caro energia, il ministero fissa le temperature massime per i termosifoni - Live Sicilia

Caro energia, il ministero fissa le temperature massime per i termosifoni

Ecco come il Mite punta a risparmiare 5,3 miliardi di metri cubi
CRISI ENERGETICA
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Una riduzione di un grado nel riscaldamento degli edifici, da 17 con più o meno 2 gradi di tolleranza nelle attività industriali, da 19 con più o meno 2 gradi di tolleranza per gli altri edifici.

L’indicazione per risparmiare sul caro-gas arriva con il Regolamento pubblicato dal Mite, che stima così risparmi per 5,3 miliardi di metri cubi. Previsti 15 giorni in meno di accensione degli impianti (posticipo di 8 giorni e stop anticipato di 7) e un’ora in meno al giorno di utilizzo.

Il Mite fa sapere che all’1 settembre l’Italia ha raggiunto un livello di riempimento degli stoccaggi di circa l’83%. Il gas in forte calo ad Amsterdam, 218 euro a megawattora.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Naturalmente negli edifici pubblici e negli uffici perchè non vedo chi possa controllare casa per casa le abitazioni private degli italiani sul rispetto di questo grado in meno. Provvedimento tipico all’italiana, forse per avere più successo avrebbero dovuto dire di farlo solo per Mario Draghi e non per risparmiare in bolletta…….

    …..tranquilli….per quel che mi riguarda abbasserò il riscaldamento di parecchi gradi perché non l’accenderò affatto, meglio di così!! I costi dell’energia sono arrivati ad essere da pura follia, insostenibili per la gente normale, solo i ricchi possono infischiarsene. Ho superato il caldo infernale di questa estate senza accendere il clima, posso superare l’inverno senza accendere il riscaldamento (per fortuna non abito in Norvegia). Poi cosa c’è dietro questi spropositati aumenti dell’energia e del gas (giusto giusto di cose di cui non si può fare a meno) non si capisce bene….la guerra??? Mah!!! Certo è che gli stati hanno speso tanto, ma tanto, durante la pandemia e in qualche modo ci deve essere un rientro!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *