Sì al super green pass, la decisione del Governo e tutte le nuove regole - Live Sicilia

Sì al super green pass, la decisione del Governo e tutte le nuove regole

La conferenza stampa del ministro Speranza. Draghi: "Così salviamo il Natale"
CORONAVIRUS
di
2 Commenti Condividi

ROMA – “La durata del Green pass sarà di 9 mesi”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, alla conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri che ha dato il via libera al decreto sul Super green pass.

“Nel decreto ci sono 4 ambiti affrontati: l’obbligo che è già vigente per alcune categorie e lo estendiamo a ulteriore categorie: al personale non sanitario che lavora nel resto del comparto salute, alle forze dell’ordine e ai militari, e a tutto il personale scolastico. L’estensione dell’obbligo interesserà anche la terza dose”.

“Il messaggio di fondo è un rafforzamento del Green pass per evitare chiusure e riduzioni di capienze, proviamo ad avere disciplina più rigida ma bilanciamo questo col ridurre le restrizioni”.

Green pass anche per alberghi e trasporto locale

Il Green pass “è esteso agli alberghi, ed è un modo per aiutare le strutture ricettive; al trasporto ferroviario regionale e interregionale e al trasporto pubblico locale, anche agli spogliatoi delle attività sportive” ha sottolineato il ministro Speranza.

Le reazioni della politica

“Bene la decisione di non ricorrere alle chiusure indiscriminate nelle zone gialle e arancioni, garantendo così prospettive e opportunità di lavoro alle attività produttive, e di non introdurre il green pass obbligatorio per gli under 12. Esprimiamo però perplessità per le restrizioni in zona bianca, ancorché limitate al 15 gennaio e dunque legate a una temporaneità che risulta rassicurante”. Lo afferma il presidente del FVG e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga. “Il lavoro della Lega a tutela della salute pubblica, della ripresa economica e della tenuta sociale del Paese sta evidentemente dando i suoi frutti”.

“Un decreto per tenere aperto il paese”

“Il decreto punta ad evitare qualsiasi interruzione della ripresa ed a tenere aperto il Paese. Non vogliamo tornare al lockdown ed ai ristori, ma sostenere l’economia in questo mese particolarmente importante, con il Natale e la stagione sciistica”. Così il ministro per gli Affari regionali Mariastella Gelmini, in conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo l’approvazione del decreto sul super green pass. “Il momento è delicato e non dobbiamo concedere vantaggi al virus”, ha aggiunto.

Draghi: “Così salveremo il Natale”

“Spero che questo sia un Natale normale. Per i vaccinati spero sia un Natale normale”. Lo ha detto il premier Mario Draghi concludendo la conferenza stampa spiegando che se si mettono restrizioni, se prosegue la campagna vaccinale è perchè “un Natale normale è quello che vogliamo riconquistare per tutti”. “Sullo stato di emergenza non mi azzardo a dire niente a un mese dalla scadenza, sennò Cassese mi sgrida, valuteremo la situazione man mano che si presenterà” precisa il premier. “Ma a noi cosa interessa? Prolungare l’emergenza o avere a disposizione tutta la struttura di mobilitzione sanitaria che ci ha permesso sinora di combattere l’epidemia? Credo che la risposta sia la seconda”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Poichè Draghi nella conferenza stampa di poco fa ha più volte ringraziato i presidenti di regione a cominciare dal friulano Fedriga per le proposte avanzate da loro e che lui ha subito precisato di avere accolto tutte mi chiedo anche se abbia ascoltato l’accorato appello formulato con forza dal nostro Nello Musumeci che da giorni proponeva di introdurre in Italia l’obbligo vaccinale. Per Draghi contano solamente le parole dei governatori leghisti del nord?

    Caro (nel senso di costoso) Draghi, salvate il vostro Natale e di altri eletti dalle ricche pensioni, tutti, tutti gli altri tra cartelle esattoriali, bolli auto ed altri ladrocini politici, i senza lavoro (troppi) dubito che passeranno un buon Natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *