"Troveremo una soluzione,| c'è l'impegno del ministro" - Live Sicilia

“Troveremo una soluzione,| c’è l’impegno del ministro”

La protesta dei precari della scuola
di
2 Commenti Condividi

Il ministero dell’Istruzione “sta studiando tutte le soluzioni per garantire posti di organico aggiuntivi per la scuola siciliana”. Lo assicurano a Viale Trastevere. Il ministro Gelmini “sta seguendo con grande attenzione la situazione” tramite il sottosegretario Pizza che oggi a Palermo ha incontrato una delegazione dei precari invitando i lavoratori in sciopero della fame a sospendere la loro protesta. Non appena il direttore scolastico regionale avrà completato le assegnazioni di incarichi annuali, il Ministero e la Regione Sicilia – spiegano a viale Trastevere – “potranno fornire le risposte per i lavoratori che hanno ricoperto incarichi annuali nei due precedenti anni scolastici e che non saranno riconfermati”. Nella dinamica della riorganizzazione, dei pensionamenti e delle misure ‘salva-precari’, secondo i calcoli dei tecnici ministeriali, potrebbero non essere riconfermate circa 1500 persone tra insegnanti e personale Ata e non 5.000 “come erroneamente comunicato dalla stampa”. Ma con le misure adottate dal Ministero e dalla Regione – assicura viale Trastevere – dovrebbe essere possibile riconfermare tutti i perdenti incarichi annuali. Il ministero di viale Trastevere ricorda, inoltre, che sono state confermate le misure, adottate nel precedente anno scolastico, in favore degli insegnanti e del personale Ata precario di tutta Italia che hanno ricoperto incarichi annuali negli anni 2008-2009 e 2009-2010 e che non potranno avere uno stesso incarico annuale per l’anno scolastico 2010-2011. A gennaio, infatti – spiega – è stata rinnovata nel decreto mille proroghe, la norma ‘salva-precari’ “che già l’anno scorso ha consentito di dare risposte in tutte le Regioni che hanno sottoscritto un accordo con il Ministero, estendendola sia agli insegnanti e Ata che hanno avuto un incarico annuale nell’anno scolastico 2008-2009, sia agli insegnanti e Ata che hanno avuto un incarico annuale nell’anno scolastico 2009-2010”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Mah! Che avranno bevuto?

    magari la ministra potrebbe iniziare con un provvedimento a costo zero che ridarebbe un pizzico di dignità ai precari della scuola: a partire dall’anno scolastico 2010-2011 il punteggio per il servizio prestato si fa soltanto nella scuola pubblica o in quelle scuole private che accettano di assumere il personale rispettando l’ordine delle graduatorie provinciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *