"Verde a posto entro un anno| Oppure mi dimetto" - Live Sicilia

“Verde a posto entro un anno| Oppure mi dimetto”

L'impegno è stato preso dall'assessore al Verde Francesco Maria Raimondo nel corso di un servizio della trasmissione di Canale 5, firmato da Stefania Petyx.

l'assessore raimondo a striscia la notizia
di
10 Commenti Condividi

PALERMO – Un impegno preciso: verde a posto entro un anno, oppure dimissioni. A prenderlo è stato l’assessore del comune di Palermo Francesco Maria Raimondo, durante un servizio della trasmissione televisiva di Canale 5 “Striscia la Notizia”, firmato da Stefania Petyx. Il tema era per l’appunto la scarsa cura del verde nella quinta città d’Italia. “Se da qua a un anno percepisco che in effetti non si è imboccata la via giusta, non sarò in grado di assicurare l’impegno che mi sono assunto – ha detto Raimondo ai microfoni della Petyx – questo è il mio intendimento”.

CLICCA QUI per vedere il servizio di Striscia la Notizia


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    Sarebbe meglio ” verde a posto entro l’anno “e oltre a dimettermi restituisco i denari che mi hanno dato.

    È vergognoso che questi politici cercano di prendere tempo solo per mantenere la poltrona per quanto più tempo possibile!questo tizio ha bisogno di un anno?? Mandatelo a calci via subito, e trovate qualcuno che in pochi mesi sistemi la cosa. Il personale non manca, al contrario di quello che dice lui è pure altamente specializzato, quindi basta solo ridare dignità lavorativa a questi dipendenti ! Peccato che questa verità non la ha raccontata a striscia, c’è qualcuno che lo vuole fare? Magari anche voi redazione di live???

    Non sprecare sto tempo. E soprattutto non lo fare sprecare a noi. Dimettiti subito. Tra un anno ci sarà lo stesso “verde” inesistente di ora.

    E dire che siamo gemellati con Düsseldorf ……..che magnifica ed incommensurabile figura di merda 700 addetti contro 130 di Milano ( nannu tuortu chiddi Rà Lega!)

    Ho seri dubbi che tra un anno tutto sarà a posto.
    Senza mezzi adeguati con personale de qualificato e con il rimpallo di competenze allo smaltimento degli stralci di potatura e del diserbo.
    Certo l’assessore è un temerario.

    Ma poi chi e’ costui ? eletto da chi? un professore come Ollando? eh si vede come sanno insegnare,basta girare per Palermo

    Un’affermazione disarmante e scoraggiante , chi l’ha vista non può che rassegnarsi allo stato attuale delle cose e provare profonda vergogna di essere palermitano!
    L’imbarazzo e la vuotezza delle sue parole ci fa capire in che mani siamo!
    Diceva mio nonno :A Palermo non cresce ne erba ne lavoro.
    saluti

    Quello che fa arrabbiare è, la presa per i fondelli che subiamo pure da chi ci governa, cioè un assessore che non ha voce in capitolo, cosa ci sta a fare se non riesce ad organizzare un lavoro, poi, l’ assurdo, 2 squadre di operai addetti alla potatura, però, una pota le piante fino a mt. 2,5 da terra, l’ altra invece, per piante oltre i 2,5 in su….bohhhhh !!!

    SI VEDE CHE MANCA LA GESIP – VERGOGNA
    TUTTI ACCANITI CONTRO LA GESIP, MA LA VERITA’ FINALMENTE VIENE A GALLA.
    e che sia chiaro in questo momento chi gestisce gli ex Gesip è il comune.
    nn credo che debba aggiungere altro.

    Ma come mai prima c’era un verde dignitoso e adesso fa schifo? Prima gli operai lavoravano anche se non siamo mai stati Svizzera e adesso e’ tutto proprio tutto abbandonato? Forse il dirigente del verde e l’assesore non fanno nulla per far lavorare gli operai? Forse che anziche’ stimolarli li demotivano, insultandoli? Forse non hanno capito che non bisogna solo parlare ma lavorare con loro, dando l’esempio che purtroppo queste persone non sanno dare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *