"Arsea, Crocetta difende | lobby economico-burocratica" - Live Sicilia

“Arsea, Crocetta difende | lobby economico-burocratica”

Il deputato regionale Toti Lombardo

L'attacco dei deputati del Partito dei siciliani: "Il governo ha preso un abbaglio. Attorno all'agenzia stanziamenti per oltre un miliardo e mezzo di euro. E sui costi sono state dette tante bugie: quell'ente è finanziamento con Fondi europei".

 

Di Mauro e Lombardo (Mpa)
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – “Vi sono nel comportamento del Governo e dell’Assessore delle evidenti anomalie nella gestione della vicenda Arsea; anomalie che rischiano di arrecare un danno gravissimo al già provato comparto agricolo siciliano”. L’attacco è di Roberto Di Mauro e di Toti Lombardo, deputati regionali del Partito dei Siciliani Mpa.

“L’incoerenza ed incompletezza delle risposte fornite in Aula dall’Assessore all’Agricoltura, – proseguono i parlamentari – che speriamo siano del tutto disinteressate, non fanno che alimentare dubbi e gettare ombre su questa vicenda, nonché su quelli che sono i reali motivi che guidano l’azione dell’esecutivo, che sembra orientato a garantire e tutelare una lobby economico-burocratica.”

I deputati regionali, preso atto dei contenuti dell’intervento di giovedì dell’Assessore all’Agricoltura Cartabellotta, hanno annunciato la presentazione di atti ispettivi all’Assemblea Regionale Siciliana “perché le domande cui l’Assessore non ha voluto rispondere siano formalizzate e per far luce – dicono – sui punti oscuri di questa vicenda, su quelle che appaiono come delle volute dimenticanze da parte del Governo, che evidentemente fa finta di ignorare la corposa legislazione in materia”.

L’Arsea, ricordano infatti i due parlamentari, è stata prevista già dal 1999 con un regolamento comunitario e con il successivo DL 165/99, in quadro di interventi legislativi che hanno IMPOSTO la creazione di organismi pagatori regionali.

I compiti di questi enti vengono quindi chiaramente elencati (dal controllo della ammissibilità delle domande e delle procedure di concessione degli aiuti al pagamento ai destinatari degli aiuti; dall’esecuzione dei controlli all’applicazione di sanzioni) e persino la Corte dei Conti ha più volte sollecitato la loro istituzione ed entrata in funzione. Dagli Enti pagatori dipendono poi i pagamenti per i contributi diretti agli agricoltori che rappresentano, attraverso la “Domanda Unica” (contributo ettaro/coltura), il perno portante della Politica Agricola Comunitaria.

“L’Arsea – affermano quindi Di Mauro e Lombardo – non è nata da una volontà arbitraria dell’autorità siciliana, ma da un preciso adempimento di legge per l’applicazione della Politica Agricola Comunitaria e il cui funzionamento è fondamentale per garantire i pagamenti agli agricoltori ed un articolato sistema di controlli e vigilanza utile ad un’efficace utilizzo dei fondi europei.”

Sciolto il nodo della legittimità dell’Agenzia, i due parlamentari affrontano però in modo più diretto gli aspetti pratici della vicenda: “I contributi che l’Arsea dovrà gestire ammontano a circa un miliardo e cento milioni di Euro – affermano – e oggi queste somme transitano dall’Agenzia nazionale in attesa che l’Arsea diventi operativa, con enormi complicazioni di tipo pratico e burocratico. E’ noto a tutti – ricordano Di Mauro e Lombardo – che oggi i tempi di pagamento agli agricoltori raggiungono se non addirittura superano i sei mesi, quando un’Agenzia basata in Sicilia e che operi soltanto per gli agricoltori siciliani potrebbe avere una operatività di pochi giorni.”

Infine, i due parlamentari del Partito dei Siciliani affrontano il nodo della odierna questione: “Attorno ai costi veri e presunti, attuali e futuri dell’Arsea – affermano – è stato sollevato, forse ad arte, un polverone mediatico, dimenticando che l’Agenzia non ha in sé alcun costo, in quanto pagata con fondi comunitari e fornita di personale regionale che andrebbe comunque remunerato ed opportunamente valorizzato e dimenticando che è proprio l’attuale situazione che determina un aggravio per le casse pubbliche.”

Lombardo e Di Mauro affermano infatti che l’Agenzia ha anche compiti di controllo e quindi il suo mancato funzionamento, non addebitabile all’Agenzia stessa, richiede il ricorso a ditte e tecnici esterni. Per altro, ricordano i parlamentari del PdS, il numero di personale assegnato all’ARSEA è enormemente inferiore a quello assegnato alle altre Agenzie italiane: mentre nelle altre regioni il rapporto fra dipendenti e popolazione è di 1/1.500, per l’ARSEA sarebbe di 1/3.000, pur in presenza di una realtà agricola particolarmente complessa ed articolata.”

A determinare il blocco della situazione, secondo quanto affermano i due parlamentari, sarebbero altri Uffici e non certo l’Agenzia stessa. “Da luglio del 2012 – denunciano Di Mauro e Lombardo – l’Agenzia attende il visto di legittimità sul Regolamento di organizzazione generale, uno dei documenti propedeutici al definivo riconoscimento e quindi all’operatività. Solo in parte, nonostante i solleciti, l’Agenzia è stata dotata della necessaria dotazione tecnica come i computer e il mobilio.”

Insomma, per Di Mauro e Lombardo, “siamo di fronte o ad un palese abbaglio del Governo o ad una precisa volontà di impedire che l’Arsea, con tutti i suoi benefici per l’siciliana, diventi operativa” “Di fronte a questi inoppugnabili dati – è la conclusione dei due parlamentari – Crocetta e i suoi Assessori, invece di lanciare campagne mediatiche contro ipotetici e fantomatici enti fantasma che per altro non hanno alcun costo diretto per l’Amministrazione regionale, dovrebbero attivarsi per il rispetto della legge e perché gli agricoltori siciliani siano messi in condizione di operare e avere una interlocuzione e dei riscontri veloci alle proprie esigenze.”

“Per quanto ci riguarda riproporremo all’Ars una mozione impegnativa per il Governo e siamo pronti, insieme a migliaia di agricoltori, anche ad azioni clamorose, perché siano riconosciuti in Sicilia gli stessi diritti riconosciuti agli operatori agricoli delle altre regioni italiane.”

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Quando verrà cambiata la normativa e, quindi, verranno chiuse anche le agenzie aperte nelle altre regioni d’Italia (difficile, però, perché laddove sono state create funzionano benissimo), allora potrà essere chiusa anche ARSEA. Altrimenti, FACCIAMOLA FUNZIONARE SUBITO!

    FINALMENTE SULL’ ARSEA SI DICONO LE COSE PER COME STANNO.

    GRAZIE DI CUORE A LIVE SICILIA E AI DEPUTATI CHE STANNO GIUSTAMENTE LOTTANDO AFFINCHE’ SI FACCIA CHIAREZZA SULL’ARSEA LA QUALE E’ INDISPENSABILE PER TUTTI GLI AGRICOLTORI SICILIANI!

    SECONDO IL PRESIDENTE E L’ASSESSORE, DI FRONTE AD UNA SITUAZIONE IN CUI C’E’ UN ENTE IMPORTANTISSIMO ED UTILISSIMO MA CON QUALCHE PROBLEMA NELLO START UP, SI PENSA AD ELIMINARLO?!, MA E’ UNA FOLLIA?!
    COSI’ FACENDO ELIMINANO NON SOLO IL “PROBLEMA” MA ANCHE TUTTI GLI INFINITI ASPETTI POSITIVI CHE NE CONSEGUIREBBERO SE INVECE PARTISSE!
    SI PREFERIREBBE QUINDI L’AGEA CHE SI E’ DIMOSTRATA UN VERO E PROPRIO DISASTRO PER L’ITALIA E CHE E’ COMMISSARIATA..

    NELLE ALTRE REGIONI QUESTI ORGANI FUNZIONANO BENISSIMO.

    NOI AGRICOLTORI VOGLIAMO TUTTI MA DICO TUTTI L’ A.R.S.E.A.

    Si capisce benissimo che nella terra del Gattopardo, è meglio lasciare le cose come stanno così il nostro Assessore & C. continueranno a lavorare nel torbido. Ci sono interessi grossi che le cose restino così perchè il sistema è collaudato con il bene placido di tutti. Mi sorprende come le organizzazioni di categoria in questa vicenda stiano in silenzio a guardare senza intervenire con qualche dichiarazione.

    Spero per il bene di tutti noi che il buon senso in questa storia prevalga, dando anche alla Sicilia il suo Organismo pagatore Arsea.
    L’Arsea è stata troppo infangata inutilmente senza nessun briciolo di dignità, ma in verità è un agenzia troppo importante che forse i siciliani non meritano. I politici non vogliono capire che hanno in mano la possibilità di aiutare veramente l’agricoltura. Fatela partire.

    Arsea subito.. Crocetta subito a casa.. Raffaele Lombardo nuovamente presidente del popolo siciliano!

    Chi può dire che se questo ente funzionasse in Sicilia, i pagamenti sarebbero immediati come dicono i due parlamentari regionali? sappiamo come vanno le cose in Sicilia e quanto siamo bravi a rovinare ciò che in altri posti funziona. Sarebbe disastroso tornare in dietro, quindi, bisogna stare molto attenti a come si ci muove. Mi auguro, per il bene degli agricoltori siciliani che si faccia in fretta, visto che la nuova programmazione comunitaria 2014/2020 é alle porte, come dicono i due politici possa essere una grande opportunità.
    Chi conosce l’Assessore Dario Cartabellotta, sa che è stato, da sempre, un abile dirigente e un validissimo tecnico, ma da quando ha indossato l’abito del politico è diventato un pessimo amministratore e aggiungerei anche squallido personaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.