Asp, accolta l'istanza al Tar | Spiraglio per i precari - Live Sicilia

Asp, accolta l’istanza al Tar | Spiraglio per i precari

Si attende il giudizio di merito.

La nota
di
4 Commenti Condividi

PALERMO- Il Tar di Palermo ha sostanzialmente accolto l’istanza cautelare nel ricorso di 150 precari dell’Asp di Palermo che avevano impugnato il piano del fabbisogno del personale dell’azienda. Il documento di fatto aveva cancellato 550 posti di amministrativo in pianta organica, negando ogni possibile stabilizzazione. I giudici, a sensi dell’articolo 55 del Codice del processo amministrativo, hanno ritenuto fondata le richieste cautelari dei ricorrenti, e fissato l’udienza pubblica per decidere nel merito la questione il prossimo 8 ottobre 2020. La Fials, che aveva seguito la vicenda che interessa in tutto 650 lavoratori precari dell’Asp, per voce dei segretari Enzo Munafò e Giuseppe Forte si riserva eventuali azioni la prossima settimana alla luce della decisione del tribunale.

“Con questa decisione – spiega l’avvocato Francesco Russo Bavisotto – anche se non è stato emesso un provvedimento esplicito sospensivo, è certo che l’amministrazione non potrà fare conto liberamente sul nuovo piano di fabbisogno, con riferimento al ruolo amministrativo, a meno di non volere aprire ulteriori contenziosi immediati e di violare i principi di logica e buona amministrazione nel governo dell’Asp”

Sono due le ordinanze della prima sezione del Tar Sicilia, presidente Calogero Ferlisi, consigliere Roberto Valenti, estensore Sebastiano Zafarana. La prima sul ricorso contro la modifica del piano del fabbisogno che negava le stabilizzazioni. La seconda sulla richiesta dei precari contro un pronunciamento dell’Asp che negava il diritto all’assunzione perché appartenenti a un bacino assistenziale.

“Col venir meno dei posti in pianta organica – spiega l’avvocato Francesco Russo Bavisotto – era venuto meno il requisito della Madia per la stabilizzazione che è quello della sussistenza dei posti in organico. Alla luce delle due ordinanza, i posti di lavoro e i profili professionali dei ricorrenti possono considerarsi congelati sino alla data del giudizio di merito, che scavalca quella di scadenza naturale della proroga dei contratti, mentre all’amministrazione è sostanzialmente impedito ogni provvedimento che possa mettere in pericolo, ulteriore, i posti medesimi”.

L'avvocato Russo Bavisotto

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Hanno fatto bene a bloccare il piano del fabbisogno aziendale. Vogliono togliere il lavoro a chi da anni ha acquisito il diritto all’assunzione per liberare posti ad amici, figli e parenti.

    E ‘ da più di venti anni che all’ASP Palermo si discute solo di contrattisti, bloccando l’intera organizzazione amministrativa

    Se loro avessero, nel tempo, stabilizzato i lavoratori la macchina amministrativa adesso sarebbe una F1.

    Vorrei proprio sapere chi è il grande stratega aziendale che ha consigliato al DG di mettersi contro circa 650 dipendenti precari che tengono in piedi L’ASP di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *