Cara Santuzza ti scrivo | La peste è ancora qui - Live Sicilia

Cara Santuzza ti scrivo | La peste è ancora qui

Da quando sei acclamata non ci sono novità: l’Orlando vecchio è infinito, ma qualcosa ancora non va

DALI' A QUI
di
11 Commenti Condividi

Cara Santuzza ti scrivo, così ti distraggo un po’
e siccome sei palermitana, di Palermo ti scriverò.
Da quando sei acclamata non ci sono novità:
l’Orlando vecchio è infinito, ma qualcosa ancora qui non va.
Si esce molto la sera e i locali fanno festa,
ma c’è qualcuno che certo s’arrabbia per la chiusura imposta.
E si sta senza lavoro per intere settimane
e a quelli che hanno niente da fare oltre a te cosa rimane?
Ma se c’è fede e passione non è detto che il nuovo governo
non porterà trasformazione, tutti quanti stiamo qui aspettando.
Per Salvo, Rosa o Natale, col reddito ogni giorno,
fare la spesa non sarà una croce, un viaggio al mese andata e ritorno.
Ci sarà da mangiare e lustru tuttu l’annu,
quota cento e flat tax: semu a mare; ma almeno i neri qui non verranno.
E si potrà votare ognuno come gli va,
Musumeci potrà confermarsi, anche se lui ha una certa età.
E se non ti disturbi, qualcuno sparirà,
io ti prego: fai fuori i furbi e i cretini d’ogni età.
Vedi mia Santuzza, cosa ti scrivo e ti dico
e come sono scontento di vivere nel tormento…
Vedi come siamo a piedi …
in mezzo alla munnizza, che la vediamo bruciare
per poter viverci sopra, anche senza respirare….
E se stu danno poi passasse in un istante,
vedi Santuzza mai, saresti troppo
importante …
spiramu a tia e al buon Dio …
Palermo sta morendo, un semu chiu’ mancu in serie A
qualcuno qui ti sta pregando, la peste è ancora tutta qua.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Anna Conti
    14 luglio 2014 alle ore 20:38 ·
    Palermo è come una bellissima donna Violentata, continuamente Maltrattata.Sicula Palermo,formosa ,con le tue montagne che d’estate ti infiammano,Solare ma bruci dentro di RABBIA, Splendente e azzurra come il tuo mare. La guerra tante ferite ti ha lasciato, nessuno dei tuoi ominicchi li ha curate.Le tue culture vogliono annientare, tu Palermo alza la testa e fatti RISPETTARE.L’aquila del malaffare è sempre in agguato pronta a sopraffarti. Arriva un sindaco e ti vorrebbe cambiare, ti rimette il vestito nuovo, tinge i tuoi capelli bianchi per poi trascurarti lasciandoti sporca , scolorita e lacerata, adesso sei vecchia è stanca…ma i giovani Onesti è forti non vogliono abbandonarti, lottano per risanare le ferite del tuo corpo, Curarti, Rispettarti,Amarti per L’ ETERNITA’. Anna Conti

    Mitica
    Anche il mai dimenticato Lucio ne gioirebbe

    grande, bellissima e soprattutto molto attuale

    Cerchiamo di fare qualcosa per la Nostra Amata Palermo siamo alla deriva

    Il sindaco Orlando Cascio e l’arcivescovo Lorefice, chissà se, dopo averla letta e meditata, riusciranno a uscire dalla loro obnubilazione ideologica.

    Colpa nostra

    Città senza speranza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.