Centro storico, ecco 90 milioni| Dai palazzi alle pavimentazioni - Live Sicilia

Centro storico, ecco 90 milioni| Dai palazzi alle pavimentazioni

Il Cipe stanzia fondi per il Collegio San Rocco, ex conventi e piazza del Parlamento

PALERMO
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Novanta milioni di euro in tre anni per restaurare palazzi storici come l’ex convento della Gancia o quello delle Carmelitane scalze, rifare i pavimenti storici di piazza Kalsa, Porta Reale, via Divisi, via Garibaldi e piazza del Parlamento, intervenire sullo Spasimo, sul Museo Riso o sull’ex Collegio del Giusino. Palermo si prepara a una nuova infornata di lavori pubblici grazie al Piano operativo cultura e turismo, messo a punto insieme ai tecnici del ministero dei Beni culturali e finanziato grazie ai fondi Cipe destinati a rafforzare in tutta Italia, e quindi anche nel capoluogo siciliano, l’offerta culturale e i sistemi di promozione turistica.

Palazzo delle Aquile da mesi è al lavoro su un programma molto ambizioso che coinvolge diverse realtà del centro storico di Palermo, redatto insieme alla Regione e all’Archivio di Stato e messo a punto qualche giorno fa con il capo di gabinetto del ministero e i suoi tecnici. Il finanziamento è diviso in due parti: 80 milioni di euro serviranno per riqualificare beni e spazi pubblici con 39 interventi, a cui aggiungere manutenzioni straordinarie e pavimentazioni di strade e piazze storiche; altri 10 milioni invece saranno spesi sul sistema dei musei e della cultura. Il prossimo appuntamento adesso è per metà luglio, quando il Comune dovrà integrare alcuni documenti e attendere così l’approvazione definitiva degli interventi.

“I nostri uffici, in sinergia con quelli della Regione – dice l’assessore alle Opere pubbliche Maria Prestigiacomo – hanno svolto un lavoro egregio individuando una serie di interventi grandi e piccoli che nel complesso rispondono appieno a quanto richiesto dal Cipe e che potranno in modo consistente contribuire ad accrescere l’interesse per la nostra città, oltre che l’offerta di servizi culturali legati alla fruizione di importanti spazi pubblici”. Per il sindaco Leoluca Orlando si tratta di “un piano di interventi di quella che io amo definire ‘l’edilizia che fa bene’. Un piano di messa in sicurezza e valorizzazione del nostro straordinario patrimonio artistico ed architettonico che avrà anche, già durante la sua attuazione, un’importante ricaduta sul tessuto economico e produttivo della città”. “Questo intervento che riguarda tutti e quattro gli antichi mandamenti si va a sommare ai 25 milioni del Pon Metro complementare e agli 80 dell’Agenda urbana – aggiunge l’assessore al Bilancio Roberto D’Agostino – alla quale lavoriamo in collaborazione con la Regione: in totale 200 milioni di risorse extracomunali che porteranno nuovi posti di lavoro in un momento di difficoltà economica”.

Andiamo al dettaglio dei progetti. Il programma prevede 5,8 milioni di euro per il restauro dell’antico monastero delle suore Carmelitane scalze a piazza Kalsa, detto “delle Artigianelle”; un milione e mezzo per il secondo stralcio del restauro dello Spasimo; 3,5 milioni per il collegio della Sapienza alla Magione e cinque milioni per il restauro dell’ex convento di Santa Maria degli Angeli, detto “Gancia”, sede dell’Archivio di Stato. Ben 12,5 milioni andranno al restauro dell’ex Collegio di San Rocco, sede della Facoltà di Scienze politiche, 5,04 per l’ampliamento degli spazi del Museo Riso e l’adeguamento agli standard europei ma anche 960 mila euro per il completamento della scala ovale del museo.

Poi ci sono le infrastrutture urbane: tre milioni per le pavimentazioni di piazza Kalsa, via Cervello e piazzetta Porta Reale; 300 mila euro per il guardino sul bastione dello Spasimo; 1,9 milioni per le pavimentazioni di via Santa Teresa, via dello Spasimo e piazza Vittoria allo Spasimo; 2,1 milioni per le pavimentazioni di via Butera e piazza del Cavalluccio marino e 250 mila euro per via Castrofilippo; un milione per la pavimentazione di piazza dello Spasimo e 600 mila euro per gli spazi a verde delle mura di Santa Teresa. E ancora 5,8 milioni per la manutenzione straordinaria delle pavimentazioni di piazza Marina (1,35 milioni), via Paternostro (800 mila euro), via Lungarini (55 mila), piazza Rivoluzione (50 mila), via Garibaldi (2 milioni), via Divisi (60 mila euro). Altri 3,5 milioni serviranno per il restauro di Palazzo Marchesi, 630 mila euro per il rifacimento di piazzetta Brunaccini, 360 mila per piazza dei Santi 40 martiri e 1,2 milioni per piazza Casa Professa.

Rifare il pavimento di piazza del Parlamento costerà quattro milioni, mentre per via del Bastione e piazza della Pinta ne basteranno 1,3, per Porta Montalto 1,7, per piazza San Giovanni Decollato e via Biscottai 1,65 e 900 mila euro per via Albergheria. L’ex convento di San Basilio sarà rimesso a nuovo con 5,2 milioni per diventare la Casa delle Culture, 2,2 milioni verranno usati per completare il restauro di Palazzo Gulì, un milione per i pavimenti di via Bandiera, piazzetta San Basilio e via Trabia, 900 mila euro per via San Antonino, piazzetta Parlatorio, vicolo e piazzetta delle Vergini e salita Castellana. Un milione servirà per completare i locali comunali tra via Maqueda, discesa dei Giovenchi, discesa delle Capre e via Sant’Agostino; 1,5 milioni per la manutenzione straordinaria di piazza Sant’Onofrio; 310 mila euro per piazza Sett’angeli; mezzo milione per via Sant’Agostino; 900 mila euro per via Beati Paoli, piazzetta Sant’Agata alla Guilla e piazza Sant’Isidoro alla Guilla; due milioni per via Papireto e piazza Peranni (Mercato delle pulci).

Infine, come detto, ci sono 10 milioni per percorsi “immateriali”: 6,5 per il sostegno alle imprese dei servizi culturali e dell’industria creativa; un milione per i percorsi didattici “Gioca Museo” con animazioni e realtà aumentata per il web; 1,5 milioni per una mostra itinerante sulla Magna Grecia e 520 mila euro per il Museo City, ossia il sistema museale integrato del centro storico.


6 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

    Ok il TAR ha accolto la richiesta di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato ma si dovrà pur sempre esprimere nel merito. Siano sicuri che alla fine la sentenza sarà favorevole per l’impresa??? Non so se conviene, ad oggi, la prosecuzione dei lavori.

    In questo senso hai ragione, ci vuole un poco di prudenza anche se la legge citata lascia pochi dubbi.

    Ma perchè in questa terra quando si tratta di sviluppare l’economia ai burocrati gli viene l’allergia?Secondo me scatta l'”odio sociale”! Nessuno deve guadagnare quel tanto che gli consenta di sopravvivvere!

    Sentenza saggia.
    Visto che il Tar ha dato ragione ai coniugi ristoratori avendo impostato la questione su lucrocessate e danno emergente, come mai quando i commercianti del centro storico per la questione ZTL hanno fatto ricorso lo stesso Tar non ha ritenuto di sospendere l’ordinanza motivando che in quel momento non si vedeva il dolo?
    A distanza di alcuni anni le conseguenze sono ben visibili a tutti e sono gravi.
    Basta andare a vedere via Roma con più di cento negozi chiusi con conseguenza di almeno 500 posti di lavoro persi, per non parlare della zona dei grossisti (piazza S. ANNA, FIERA VECCHIA VIA LATTARINI ECC.) quasi del tutto scomparsa( ne sono rimasti 4 /5 al massimo) e gli stessi non si sa per quanto tempo possono resistere.
    Ricordo ai signori Giudici che il danno oggi è visibile ed è calcolabile e la causa continua nel merito. Spero tanto che questi commercianti o ex leggano questo commento e cerchino di ricompattarsi.

    la sospensione non è automatica,il fondamento legale ci deve essere .Ovvio che ci potrà essere ricorso da parte del comune etc…

    invidia ,brutta bestia!

    perchè questa è terra di mafia, ma non quella che ci fanno vedere in tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *