Corsa clandestina di cavalli ai Monti Rossi: 9 denunciati VIDEO

Corsa clandestina di cavalli ai Monti Rossi: 9 denunciati VIDEO

E' accaduto l'altro ieri. Al vincitore sarebbero andati 200 mila euro.
L'INTERVENTO DEI CARABINIERI
di
1 Commenti Condividi

NICOLOSI. Nove persone denunciate in quella che è stata una gara clandestina di cavalli organizzata all’interno del perimetro del Comune di Nicolosi. All’alba di giovedì i militari della Compagnia di Paternò hanno filmato e bloccato un vero e proprio “evento fuorilegge” che avrebbe messo in palio per il vincitore la cospicua somma di 200 mila euro.

La gara è partita e si è snodata lungo i tornanti della Strada provinciale 92, in Contrada San Leo che porta dritti alla Pineta dei Monti Rossi.

Per i nove denunciati, l’ipotesi di reto è quella di “maltrattamento di animali”, “spettacoli o manifestazioni vietate”, “divieto di combattimento tra animali” e “interruzione di pubblico servizio”. 
All’arrivo dei carabinieri c’era diverse centinaia di persone che si erano assiepati sul ciglio della strada per assistere alla corsa clandestina.  
I militari hanno bloccato uno dei due furgoni utilizzati per il trasporto dei cavalli, con all’interno uno dei due equini in gara. In particolare, si tratta di un purosangue inglese soprannominato “Lampo”, noto nell’ambiente dell’ippica per aver partecipato a competizioni a livello nazionale.
L’animale è stato affidato in custodia al Centro per l’Incremento Ippico per la Sicilia e sarà sottoposto alle analisi biologiche, farmacologiche e per la ricerca di sostanze dopanti da parte dell’Asp di Paternò.
Comminate ai denunciati sanzioni amministrative per oltre 7 mila euro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    A parte il maltrattamento dei poveri cavalli che non possono correre sull’asfalto occorrerebbe che qualcuno informi tutti questi grandi amanti dell’ippica che malgrado abbiano gli smartphone sono evidentemente molto disinformati che in Sicilia esistono sale corsa gestite da Snai o altri soggetti nonchè grandi ippodromi a Palermo e Siracusa sui quali scommettono non solo da tutta Italia ma anche dall’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *