Dopo la rottura col partito forzista, l'ex sindaco Giambrone passa alla Lega - Live Sicilia

Dopo la rottura col partito forzista, l’ex sindaco Giambrone passa alla Lega

Insieme all'ex primo cittadino di Cammarata, aderisocno alla Lega anche una quarantina tra consiglieri e assessori
AGRIGENTO
di
6 Commenti Condividi

Vincenzo Giambrone, sindaco di Cammarata ed ex coordinatore provinciale di Forza Italia, aderisce alla Lega di Matteo Salvini dopo la rottura consumatasi con i vertici del partito forzista all’indomani della nomina di Marco Zambuto ad assessore regionale agli Enti Locali. Giambrone, figura politica di spicco nel territorio agrigentino, lascia Forza Italia dopo venticinque anni di militanza. Con Giambrone aderiscono alla Lega anche una quarantina tra consiglieri comunali e assessori della provincia di Agrigento che fanno riferimento proprio all’ormai ex coordinatore di Forza Italia.

Trovano, dunque, riscontro le indiscrezioni che nelle ultime settimane erano circolate su una possibile adesione di Giambrone al partito guidato da Matteo Salvini. Lo strappo con i vertici di Forza Italia, e in modo particolare con il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè e con il deputato Riccardo Gallo, si è consumato nel dicembre scorso quando gli venne preferito Marco Zambuto, ex sindaco di Agrigento ma anche ex presidente del Partito Democratico in Sicilia, quale assessore regionale agli Enti Locali in quota forzista: “Come può un uomo come me, con una lunga militanza in Forza Italia, essere sostituito da uno che è stato presidente del Pd regionale e ha cambiato più partiti che mutande” aveva tuonato Giambrone. L’adesione del politico agrigentino viene commentata così dall’onorevole Nino Minardo, segretario regionale della Lega: “Accolgo con soddisfazione ed entusiasmo l’adesione di Vincenzo Giambrone alla Lega. Da un punto di vista politico si aggrega a noi un uomo di grandi capacità ed esperienza amministrativa e parlamentare che, assieme al suo gruppo, consente alla Lega un radicamento ancora maggiore in provincia di Agrigento. Da un punto di vista personale rinnovo i sentimenti di amicizia e stima reciproca. Da oggi la Lega – continua Minardo – può lavorare con ancora maggiore forza in un’area della Sicilia la particolarmente esposta al fenomeno dell’immigrazione incontrollata e in profonda crisi economica e sociale. Con l’onorevole Giambrone aderiscono al progetto della Lega circa 40 tra assessori e consiglieri comunali in carica nell’agrigentino e tantissimi ex amministratori e dirigenti di partito che si erano allontanati dalla politica attiva e che hanno ritrovato entusiasmo. Assieme a Vincenzo – conclude il segretario regionale dell Lega – ci muoveremo a tutti i livelli politici e istituzionali con parecchi obiettivi e due parole d’ordine: lavoro per gli agrigentini e stop all’immigrazione.”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Che triste personaggio. Non è che quello accanto è meglio. Anzi direi che è più inguardabile.

    Di triste non ha proprio nulla anzi coerente fino in fondo

    Che ne pensa Miccichè?? Salvini gratta gratta qua’ e là

    Ottimo ha fatto bene Forza Italia è al capolinea

    Verso la lega un altro che non tiene alla poltrona!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.