Il caso è chiuso per il figlio e il padre morto suicida - Live Sicilia

Palermo Calcio, archiviazione per il giudice Vincenti e il figlio

L'inchiesta fu segnata dal tragico suicidio del magistrato
L'INCHIESTA
di
0 Commenti Condividi

CALTANISSETTA – Il caso è chiuso. Il giudice per le indagini preliminari di Caltanissetta ha archiviato l’indagine avviata nel 2018 dalla Procura sul giudice palermitano Cesare Vincenti, morto suicida nel 2019, e sul figlio Andrea, avvocato.

Non fu Vincenti il responsabile della fuga di notizie sull’indagine che riguardava il fallimento del vecchio Palermo Calcio. L’ipotesi era che dal magistrato fosse partita la soffiata che avrebbe consentito a Maurizio Zamparini, all’epoca componente del consiglio di amministrazione del Palermo, di evitare la misura cautelare chiesta dalla Procura di Palermo che lo indagava per falso in bilancio e autoriciclaggio.

Cesare Vincenti, allora presidente dell’ufficio Gip di Palermo, avrebbe fatto sapere a Zamparini che era pendente nei suoi confronti una richiesta di arresti domiciliari. Il patron rosanero, recentemente scomparso, a quel punto si dimise, facendo venire meno le esigenze cautelari ed evitando così l’arresto.

In cambio l’avvocato Andrea Vincenti avrebbe ottenuto, alcuni mesi dopo, un incarico nell’organismo di vigilanza del Palermo Calcio con un compenso di seimila euro l’anno, peraltro mai corrisposto. L’ipotesi poggiava sulle intercettazioni di conversazioni di un magistrato dell’ufficio Gip di Palermo.

Il giudice avrebbe rivelato ad altri colleghi la convinzione che la “talpa” fosse il presidente Vincenti o il figlio avvocato. Vincenti è scomparso tragicamente nel 2019, ma le indagini sono andate avanti nei confronti del figlio.

Al termine dell’indagine, la Procura ha chiesto l’archiviazione della posizione del legale, anche con riferimento al secondo filone che riguardava l’acquisto di un appartamento a Palermo. Ipotesi investigativa ritenuta dai pm infondata ed archiviata dal Gip.

“Che i teoremi accusatori si sarebbero conclusi con una archiviazione è un fatto di cui sono sempre stato convinto, come sa bene tutta Palermo – spiega l’avvocato Vincenti – e sono contento che le indagini siano proseguite su di me dopo la scomparsa di papà in modo da fugare qualunque assurda ombra sul suo e mio operato”.

“Mio padre era un uomo perbene”, aveva detto Andrea Vincenti in una intervista rilasciata a Livesicilia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *