Fiumedinisi, il sacco edilizio | De Luca rinviato a giudizio - Live Sicilia

Fiumedinisi, il sacco edilizio | De Luca rinviato a giudizio

Un albergo e alcune villette a Fiumedinisi. Lo spettro di un sacco edilizio. Cateno De Luca (nella foto), ex sindaco, e altri diciassette sono stati rinviati a giudizio. Lui: "Non sono sorpreso, è il risultato della trappola politica che mi hanno teso".

La decisione
di
3 Commenti Condividi

L’ex deputato regionale Cateno De Luca, attuale sindaco di Santa Teresa Riva, è stato rinviato a giudizio nell’inchiesta nata dall’indagine sul sacco edilizio al comune di Fiumedinisi. Insieme a lui sono stati rinviati a giudizio altre 17 persone compreso il fratello Tindaro. Al leader del movimento Sicilia Vera vengono contestati i reati di abuso d’ufficio, tentata concussione e falso. Il provvedimento ha riguardato tra gli altri anche il componente della giunta comunale di Fiumedinisi Pietro Bertino, l’ex vice sindaco Grazia Rasconà, l’ex l’assessore Paolo Crocé, il funzionario Pietro D’Anna e il presidente della Commissione edilizia, Benedetto Parisi. Ci sono poi componenti della commissione edilizia comunale Renzo Briguglio, Angelo Caminiti, Roberto Favosi, Fabio Nicita, Francesco Carmelo Oliva e il sindaco di Alì Carmelo Satta, coinvolto nella vicenda perché presidente del Cda della Fenapi, la struttura d’assistenza creata da De Luca.

Al centro delle indagini della polizia Municipale i lavori per la costruzione di un albergo con annesso centro benessere della società ‘Dioniso srl’, l’edificazione di 16 villette da parte della coop ‘Mabe”, e la realizzazione di muri di contenimento del torrente Fiumedinisi. Secondo l’accusa gli indagati avrebbero agevolato l’ex sindaco De Luca, mediante l’approvazione della variante al Prg, per la realizzazione dell’albergo di contrada Vecchio con i finanziamenti per la messa in sicurezza del torrente.

Non mi coglie di sorpresa l’odierno rinvio a giudizio in quanto la trappola politica che ha generato il procedimento penale che ha causato anche il mio ingiusto arresto, per come già sentenziato dalla Suprema Corte di Cassazione, è stata ordita con sapiente dovizia da una confraternita rappresentata anche da illustri personaggi dell’alta burocrazia e della politica regionale, che ho sempre contrastato”. Cateno De Luca così commenta la notizia del suo rinvio a giudizio. “Ho sempre combattuto tutte le forme di mafie – ha aggiunto – nella sempre più convinta consapevolezza che la Sicilia possa essere salvata soltanto da quei veri siciliani disposti a sacrificare la propria vita politica e professionale per spezzare la cupola politico-affaristica che ha rubato le risorse di tutti i siciliani ed ha contaminato anche apparati dello Stato, distraendoli dai loro compiti di salvaguardia di quei giovani siciliani in contrasto con questo sistema politico-mafioso”. I legali dell’ex deputato regionale, Carlo Taormina e Tommaso Micalizzi dicono: “Il Gup con una motivazione singolare ed anomala, dopo aver riconosciuto la mancanza di una prova d’accusa, non ha prosciolto De Luca per la incomprensibile ragione della ‘mancanza della prova di insostenibilita’ dell’accusa in dibattimentò. Attraverso questa ‘perla’ giurisprudenziale si è obliterato il dovere di comparazione tra prova di accusa e di difesa, consumando un’autentica violazione di legge processuale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    miskinu … n’altra TRAPPOLA politica… ma tutti vittime sono….

    Poverino, mi fa pena lo stanno tartassando. Lui si era solo fatto un albergo e il costruttore era solo suo fratello e i soldi erano solo pubblici. Povero, anche la pensione di deputato nni frigo’ stu servitore della patria!

    Solo chi é stato partorito con i paraocchi ,non vede al di la del proprio naso ….purtroppo é risaputo che quando si lotta contro la mafia …le serpi sono sempre in agguato …Se qualcuno vuole risollevare un paesino e investe i propri capitali ,non c’é niente d’illegale …Creare lavoro e produrre strutture ,non sono un illecito , volete continuare a mangiare le pietre ….?Volete che i vostri figli emigrino in altre regioni e Stati per costruirsi un futuro ? Invece di cercare il marcio in un territorio dove il più pulito …ha la rogna ,evitate di combattete le persone che portano l’acqua per lavarsi …Se volete cambiare la Sicilia dovete cambiare per primi Voi !Imparate a contare e a informarvi bene prima di parlare e scrivere, cosi evitate di fare delle figure barbine …Certo capisco che per certi papaveri di catania e palermo il fatto che un piccolo On. messinese si voglia ribellare alle mafie …senza cedere i soldi che sono sempre stati nelle casseforti del comune 150 milioni .. possa rappresentare una sfida ardua …quei soldi servono a far risorgere un paesino e a dare un futuro ai suoi cittadini ,se a Taormina avessero pensato che costruire delle strutture alberghiere fosse stato un illecito ,oggi non esisterebbe ,per migliorare il territorio bisogna investire , prima lo capirete e quanto prima ne beneficerete …impedite al vostro orgoglio di distruggere una persona e le speranze di molti per ignoranza , vi esorto a riflettere ….la nostra Sicilia merita una rinascita …fuori i parassiti e burattini manovrati dalla destra e dalla sinistra …ben vengano gli uomini che hanno degli ideali e progetti per la ricostruzione economica ,supportiamoli e aiutiamoli ,contribuite con il vostro voto a cambiare il volto della nostra amata terra ,che non deve rimanere come sempre stato il fanalino di coda delle altre regioni , noi abbiamo un patrimonio inestimabile che se sarà amministrato in modo saggio ,potrebbe trasformare un disastro economico ,in una gloriosa rinascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *