Furbetti del cartellino all'ospedale di Gela: sette misure cautelari - Live Sicilia

Furbetti del cartellino all’ospedale di Gela: sette misure cautelari

Diciotto indagati nell'ambito di una inchiesta in cui sono state contestate diverse accuse
CALTANISSETTA
di
1 Commenti Condividi

GELA – Furbetti del cartellino all’ospedale di Gela, scattano sette misure cautelari. La polizia di Gela (Caltanissetta) ha scoperto sette assenteisti. Sono dipendenti dell’ospedale Vittorio Emanuele, sospesi per un anno dal lavoro e con l’obbligo di firma. I poliziotti del Commissariato, su delega della Procura di Gela, hanno eseguito l’ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal Gip del Tribunale, nei confronti di sette dei diciotto indagati nell’ambito di una inchiesta in cui sono state contestate diverse condotte di truffa aggravata, connotate dall’abuso di prestazione d’opera e in violazione dei doveri inerenti all’esercizio di un pubblico servizio, unite dal vincolo della continuazione del reato.

I dipendenti sono stati ripresi e seguiti dopo aver timbrato il badge per l’ingresso e poi uscire a fare incombenze personali, come recarsi al supermercato. La denuncia di un utente che ha lamentato inefficienze ha fatto scattare l’indagine che copre i mesi gennaio e febbraio 2020.

“Si mescolano soddisfazione per il risultato investigativo e tristezza perche’ ha riguardato impiegati pubblici infedeli e che avrebbero mancato al proprio dovere di servizio verso i cittadini – afferma il questore di Caltanissetta, Emanuele Ricifari -. Esprimo apprezzamento per gli investigatori perche’ fare indagini in un contesto pubblico non e’ facile tantomeno a Gela”. (ITALPRESS)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    i sindacati in tutto questo…..mutiiii
    Tutti nessuno escluso, hanno rovinato l’italia, con pretese assurde, e faziose.
    Difendono l’indifendibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *