Immunità, vaccini e terza dose: ecco le risposte degli esperti

Immunità, vaccini e terza dose: ecco le risposte degli esperti

La terza dose e la protezione del vaccino. Cosa c'è da sapere.
COVID 19
di
0 Commenti Condividi

Dal venti settembre prossimo si partirà con la terza dose del vaccino. Ma solo per determinate categorie.  E’ stato deciso ieri nel corso di una riunione alla quale hanno partecipato il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario per l’Emergenza Francesco Figliuolo. Ma cosa sappiamo in tema di immunità e protezione vaccinale? Abbiamo interrogato, sul punto, due esperti spesso consultati da LiveSicilia.it: il professore Antonio Cascio e il dottore Massimo Farinella, esponente del nostro Comitato Tecnico Scientifico.

Quanto dura l’immunità?

“Ogni discorso – dice il dottore Farinella – dipende fortemente da fattori individuali. Sappiamo che l’immunità al Covid, indotta dal vaccino, nell’arco di nove mesi-un anno, tende a decrescere. E’ dunque opportuno organizzare un richiamo per i soggetti che potrebbero avere maggiori difficoltà a livello di anticorpi. Se sarebbe meglio avere un prodotto aggiornato contro le varianti? Al momento non c’è e sappiamo che, comunque, i vaccinati non presentano quasi mai dei quadri clinici ingravescenti e non vanno a finire in rianimazione. Adesso osserviamo sempre più vaccinati che affrontano una infezione sintomatica, lieve o moderata, mai grave”.

Il ‘vaccino-vaccino’

“L’ideale – prosegue il dottore – sarebbe, certo, avere il prima possibile un vaccino che possa coprire anche le varianti, aggredendo il virus nella sua parte costante. Una sorta di vaccino-vaccino, se posso definirlo così. Ancora una volta lancio l’appello alla vaccinazione. Qualcuno sostiene che si punta poco sulle cure e di più sui vaccini e che questo sarebbe sbagliato. A parte il fatto che non è vero, mi sembra una posizione illogica: se devo curarmi significa che sono già ammalato ed è sempre meglio prevenire”.

Massimo Farinella

Gli anticorpi in calo

“Più passa il tempo, più cala il titolo anticorpale – dice il professore Cascio -. Man mano che ci si allontana dalla seconda dose, la protezione tende a ridursi, anche se non dobbiamo sottovalutare la nostra memoria immunitaria. Penso che, a poco a poco, faremo tutti la terza dose e magari pure una quarta aggiornata. Sappiamo comunque che chi è stato vaccinato, se si contagia, difficilmente andrà in terapia intensiva perché la protezione è buona”.

Quale vaccino

“Pure io ritengo – conclude il professore Cascio – che finché non ci sarà un vaccino aggiornato, bisognerà fare quello che c’è. Quando saremo tutti vaccinati gran parte dei nostri problemi saranno risolti perché non ci saranno più gli ospedali affollati di pazienti Covid. Comunque, una cosa dovremmo averla imparata: non possiamo prendere il virus sottogamba”.

Antonio Cascio

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *