La beffa della stabilizzazione - Live Sicilia

La beffa della stabilizzazione

Era solo di due giorni fa l'annuncio in pompa magna del governatore Raffaele Lombardo. "La parola precariato non dovrà più fare parte del vocabolario dell’amministrazione pubblica in Sicilia" aveva detto presentando il disegno di legge “Misure urgenti a sostegno dell’occupazione” a sindaci e amministratori locali delle province di Trapani e Palermo. Ma arriva una brusca frenata per il percorso di stabilizzazione di 22.500 precari negli Enti Locali dell’Isola
Precari, nella finanziaria solo una proroga
di
21 Commenti Condividi

Era solo di due giorni fa l’annuncio in pompa magna del governatore Raffaele Lombardo. “La parola precariato non dovrà più fare parte del vocabolario dell’amministrazione pubblica in Sicilia” aveva detto presentando il disegno di legge “Misure urgenti a sostegno dell’occupazione” a sindaci e amministratori locali delle province di Trapani e Palermo. Ma arriva una brusca frenata per il percorso di stabilizzazione di 22.500 precari negli Enti Locali dell’Isola.

Il presidente dell’Ars, Francesco Cascio è stato chiaro: nella finanziaria, da approvare entro l’anno, è inserita la proroga di un anno, il resto è “fumo negli occhi”. E a stretto giro di posta è giunto l’appoggio dichiarato di Gianpiero D’Alia, coordinatore dell’Udc in Sicilia, che ha sottolineato l’importanza di approvare la finanziaria prima di pensare alle stabilizzazioni.

Nell’annosa questione precari, la prossima scadenza è fissata al primo dicembre prossimo, quando 4.800 lavoratori in servizio negli uffici dell’amministrazione regionale dovrebbero firmare i contratti a tempo indeterminato.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

21 Commenti Condividi

Commenti

    bene!!!!!!!!!!!! questi “lavoratori” con queste regole e in questo modo non hanno alcun diritto di scavalcare politicamente tutti gli altri giovani che cercano lavoro. Ma massima attenzione ai collaboratori dei politici , agli enti di bonifica e ai collaboratori esterni come la monterosso che potrebbero sfugire al controllo e per magia essere stabilizzati.

    Continua a fare figure di cacca a ripetizione. poveri noi

    Un’altra impostura del grande Inpostore

    secondo me questo presidente di politica e amministrazione non ne capisce un tubo, sa solo improvvisare, nella speranza di indovinare.

    Rispondo al signor CARLO!
    Ricorda che 22.500 sono dentro e lì resteranno….questione di tempi!
    Tutto il resto………..FUORI!

    Rispondo a Dadolo, anch’io sono una dei 22.500 ma per pochissimo ho vinto un concorso che mi dara’ “titolo” per accedere alla pubblica amministrazione. Molti di noi sono di una ignoranza immane e non hanno nessun diritto di avere un posto riservato a gente che si deve sudare con lo studio un posto di lavoro. Essere stati per 20 anni in questa situazione non vuole dire avere dei vantaggi a danno degli altri. Io andrò a fare il Segretario Comunale e ti giuro che non permetterò mai che un precario acceda alla pubblica amministrazione se non dopo aver superato con merito un concorso.

    non preoccupatevi.
    So che a Sicilia e Servizi entro Dicembre procederanno all’assunzione di almeno 150 tecnici così come previsto dal piano di ripopolamento mai attuato da oltre 4 anni.

    Non pensate però che serva il curriculum per l’assunzione, basta essere segnalato.
    Mi è arrivata voce che Lombardo abbia assegnato al PD la possibilità di segnalare un congruo numero.

    Mi chiedo ma una società pubblica, può assumere a tempo indeterminato personale e DIRIGENTI senza alcuna procedura di evidenza pubblica ma lasciando la scelta solo per motivi politici.

    Chi è che dovrebbe controllare che Sicilia e Servizi non diventi (grazie all’MPA) l’ennesimo carrozzone pubblico zeppo di persone incompetenti e non tecnici (avvocati, laureati in filosofia, lettere, geologia, fratelli dei dirigenti del Bilancio, figli degli autisti dei dirigenti del Bilancio, mogli di dirigenti generali della Regione, amici del Presidente di Sicilia e Servizi).

    Io ritengo che una società pubblica non possa procedere così, MA CHI DEVE CONTROLLARE ??????

    Emiria ti faccio i miei complimenti per la tua onestà intellettuale… Secondo voi nel privato potrebbero mai assumere dei lavoratori che non servono alla produttività della propria azienda???
    Il concorso (regolare e senza raccomandazioni) è l’unico modo per poter premiare il merito di chi con tanti sacrifici e con caparbietà ha raggiunto il titolo di studio!!!

    Raffaele Lombardo sarebbe il perfetto protagonista de “Le menzogne della notte (e del giorno)”.

    il solito bluff!!!!

    redazione perchè avete cassato i miei commenti?
    l’unico modo per evitare questa stortura legislativa è appunto che anche tutti quelli che si sentono danneggiati da questo disegno di legge prima che venga approvato, è rivolgersi e scrivere al commissario dello stato per la regione siciliana, i numeri, la via, le email che ho inserito sono reperibilizzimi al sito di cui al link
    http://www.comstasicilia.it/

    non ho offeso nessuno, non ho infranto alcuna legge, ho rispettato il Disclaimer, ho rispettato la netiquette, convengo che tre commenti uguali in tre articoli duversi sembra spam, ma gli articoli in questione riguardavano un unico argomento, al limite almeno un commento potevate lasciarlo.
    ho cercato solo di manifestare il mio disappunto.
    se lo volete pubblicare fatelo, altrimenti fa lo stesso.

    Rispondo al sig. Carlo: secondo lei gente cinquantenne che dopo venti anni di precariato viene “licenziato”, cosa dovrebbe fare? Caro sig. Carlo, li mandiamo da lei o li mandiamo a rubare? Ma sù, sia realista e non parli per partito preso.

    Faccio i miei auguri ad Emiria per il suo nuovo lavoro ed apprezzo la sua onestà intellettuale.

    22.500 parassiti, arroganti e raccomandati, che senza un concorso pubblico (art. 97 della nostra Costituzione calpestata) vogiono accedere all’impiego pubblico. E i nostri figli laureati dove devono andare a lavorare? Non abbiamo politici all’altezza di questa metropoli, che va sempre al fondo giorno dopo giorno e ci ritroviamo negli uffici pubblici 80% di dipendenti precari ignoranti. Purtroppo questa è l’immagine della Regione, Comune e Provincia. Buonanotteeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    Antonietta e molti altri fanno la guerra dei poveri!
    Il pesce puzza dalla testa e non si guarda nel piatto degli altri!

    Chiedo alla signra EMIRIA: Lei che concorsa ha fatto?
    Ci illumini!

    Sig. Dadolo io non ho alcuna voglia di pagare tasse in più per gente che non serve alla pubblica amministrazione ma che serve solo alla politica.

    Continuo a non capire come sia possibile che la gente continui a perseguire l’impostazione del “Tanto peggio Tanto meglio”. Io condivido senz’altro che sarebbe giusto accedere alla Pubblica Amministrazione per concorso, ma è anche vero che dopo anni di Art. 23, Lavori socialmente utili, PIP, PUC ecc. oggi le strade sono due o mettere tutti in mezzo alla strada o dare un lavoro sicuro a tempo indeterminato a questi 22.500 precari che certamente non ha creato Lombardo. Mi sembra che quì prevalga la prima soluzione. Ma in tutta coscienza, vi sembra giusto?

    che i precari dopo anni di servizio presso un’amministrazione abbiano dei diritti è sacrosanto e nessuno credo voglia metterlo in dubbio, compreso chi è già in ruolo dopo aver superato un concorso pubblico, la stortura è farlo alla chetichella e senza che anche questi lo facciano; la Legge, anzi la COSTITUZIONE è chiara nessuno può accedere alla pubblica amministrazione senza aver superato un concorso pubblico, la soluzione? la riserva nelle piante organiche di una percentuale a coloro che hanno i requisiti normativi per accedervi e farne un concorso così come avviene nel resto d’Italia. se questa non è una via percorribile, essendo la più logica e legale, si spieghi a me e a coloro che sono in regola con le norme, quale sarebbe e perchè dovrebbe essere approvata una legge che crei una corsia, oltre che preferenziale, unica per l’assunzione di personale che hanno si già svolto servizio nella pubblica amministrazione, ma non hanno ottenuto il diritto di lavorarvi a tempo indeterminato così come recitato dalla, e sottolineo, COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA;

    Credo che Emiria sia stata “assunta” come precaria, non per meriti personali bensì dalla POLITICA. Mi fà piacere che ora ha vinto un concorso, ma non può permettersi di generalizzare quando prende tutti gli altri per ignoranti. Conosco personalmente gente laureata che non sa scrivere due parole di fila o che compie grossolani errori di ortografia. Legga gli errori fatti dai candidati al concorso per NOTAIO: allorcuando, habbiamo etc. Conosco altresì, Segretari Comunali di ignoranza abissale, bravi solamente a dire sempre si al Sindaco di turno per essere gratificati con una piccola dirigenza di almeno 30.000,00 €uro annui. Non mettendo in dubbio la Sua preparazione, la invito a non mettere in dubbio quella degli altri

    chiedo alla signora emiria perche non si licenziava prima anzicche aspettare di aver vinto il concorso be certo e facile parlare dopo aver vinto un concorso se era cosi moralista doveva dimettersi gia da un pel pezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.