La Trattativa da Riina a Berlusconi | "L'Italia subì la tracotanza mafiosa" - Live Sicilia

La Trattativa da Riina a Berlusconi | “L’Italia subì la tracotanza mafiosa”

In oltre 5mila pagine i giudici della Corte d'assise spiegano le ragioni delle pesanti condanne

Le motivazioni della sentenza
di
14 Commenti Condividi

PALERMO – Un lavoro titanico lo definisce la stessa Corte di assise nelle motivazioni. Più di cinquemila e duecento pagine che attraversano una lunga stagione, di certo la più violenta, della storia italiana.

Il collegio composto dal presidente Alfredo Montalto, dal giudice a latere Stefania Brambille e da sei giudici popolari non ha dubbi: lo Stato trattò con la mafia, si piegò alla tracotanza dei boss. Mostrò segni di cedimento che accelerarono la condanna a morte di Paolo Borsellino.

È la mafia corleonese che i giudici hanno “fotografato”, analizzandone la parabola “dall’egemonia al declino, alla sostanziale chiusura della stagione criminale come previsto da Giovanni Falcone”. Quella mafia non esiste più. La sua fine è rappresentata dal fallito attentato allo stadio Olimpico di Roma del 1994. Se fosse andato in porto lo Stato non si sarebbe più rialzato. Lo scorso aprile sono stati condannati a dodici anni di carcere gli ex carabinieri del Ros Mario Mori e Antonio Subranni. Stessa pena per l’ex senatore Marcello Dell’Utri e Antonino Cinà, medico fedelissimo di Totò Riina. Otto gli anni di detenzione inflitti all’ex capitano dei carabinieri Giuseppe De Donno, ventotto quelli per il boss Leoluca Bagarella. Prescritte le accuse nei confronti del pentito Giovanni Brusca. Assolto dall’accusa di falsa testimonianza perché il fatto non sussiste l’ex ministro della Dc Nicola Mancino. Massimo Ciancimino, invece, è stato condannato a otto anni per calunnia nei confronti dell’ex capo della Polizia Gianni de Gennaro.

La Corte accoglie la ricostruzione dei pubblici ministeri Vittorio Teresi, Antonino Di Matteo, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene. Innanzitutto spiega perché è stato possibile contestare e condannare gli imputati per il reato di attentato a corpo politico, amministrativo o giudiziario dello Stato. “È politico un organo che svolge funzioni politiche” e quella del governo della Repubblica è “un’attività indubbiamente politica”. Gli esecutivi minacciati furono tre tra il 1992 al 1994. Quelli di Giuliano Amato, Carlo Azeglio Ciampi e infine di Silvio Berlusconi. Nel caso dei primi due a veicolare la minaccia furono i carabinieri del Ros. Quando andò al potere Berlusconi fu Dell’Utri a fare il lavoro sporco.

La motivazione boccia tutta la linea difensiva. Servirà tempo per studiare e comprendere a pieno il ragionamento dei giudici. Si può provare a mettere dei punti fermi leggendo le motivazioni. Nel gennaio 1992 Totò Riina, capo indiscusso della mafia, convoca le commissioni regionale e provinciale di Cosa nostra “per fare recepire e ratificare a quegli organismi la sua volontà di sferrare un violento attacco allo Stato”. Parte la “resa dei conti contro tutti coloro che avevano assicurato che si sarebbero potuti evitare gli ergastoli” del maxi processo. Riina aveva intuito l’esisto nefasto. Decide di eliminare, nel marzo 1992, l’eurodeputato Salvo Lima, cerniera fra gli interessi della politica e della mafia. La decisione di ucciderlo “matura alla vigila della sentenza della Corte di Cassazione sul maxi processo quando è ormai chiaro con la sostituzione del giudice Carnevale che l’esito sarebbe stato negativo per i mafiosi”. È il pentito Giovanni Brusca a dire che “Lima si poteva salvare se portava un risultato positivo per i mafiosi”.

La Trattativa inizia con l’intervento dell’ex ministro Calogero Mannino. Mannino, processato a parte perché ha scelto l’abbreviato, è stato assolto, ma la Corte di assise non ha dubbi: “Ben consapevole della vendetta che Cosa nostra poteva attuare anche nei suoi confronti per non essere riuscito a garantire l’esito del maxi processo a favore dei mafiosi non si rivolge a coloro che avrebbero potuto rafforzare la protezione”. Sceglie di chiedere aiuto ad alcuni “amici dell’Ama e tra questi al generale Subranni” suo conterraneo.

Quando muore Giovanni Falcone Riina non ha ancora maturato l’idea del “ricatto” per ottenere “benefici”. La strage di Capaci è ancora soltanto “l’esplosione della furia vendicatrice di Riina” contro il nemico numero uno. Il primo vero segnale provocato dall’intervento di Mannino e della Democrazia Cristiana è la sostituzione di Vincenzo Scotti al ministero dell’Interno. Avviene a giugno, dopo la strage di Capaci. Si metteva da parte un uomo che aveva combattuto duramente la mafia, per dare “un segnale di distensione e di alleggerimento delle misure di contrasto”.

Antonio Subranni, Mario Mori e Giuseppe De Donno avviano la Trattativa, sondano con Vito Ciancimino “a quali condizioni Cosa nostra avrebbe potuto porre termine alla contrapposizione muro contro muro”. È lo stesso Mori, scrive il collegio, a usare queste parole, così come è sempre lui a pronunciare per primo la parola “Trattativa”. Riina risponde alle sollecitazioni e detta le condizioni. Il papello, consegnato da Massimo Ciancimino, considerato inattendibile e condannato per calunnia, non si sa neppure se sia un documento autentico o un falso. Poco importa, perché la Corte va oltre citando le frasi di Brusca che parlò di “un papello di richieste”. Non serve, sottolinea la Corte, sapere se Riina scrisse o meno il papello, quel che conta è avere raggiunto la prova che la sua minaccia andò in porto.

Quando arrestano il boss corleonese, nel 1993, il suo covo non viene perquisito. Mori è stato processato e assolto. La Corte si guarda bene dal giudicare fatti già oggetto di altri processi. Sottolinea, però, l’anomalia, mai “giustificata in maniera convincente da Mori”, spingendosi a dire che tale “omissione era diretta a preservare da possibili interferenze la sua interlocuzione con i vertici dell’associazione mafiosa”. Si voleva “lanciare un segnale di disponibilità al mantenimento o alla riapertura del dialogo nel senso del superamento dello scontro frontale di cosa nostra con lo Stato precedentemente culminata nelle stragi di Capaci e via D’Amelio”.

Siamo già nella seconda fase della Trattativa, quando le redini sono ormai in mano a Bernardo Provenzano, quando sarebbero entrati in gioco Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri. “Con l’apertura alle esigenze dell’associazione mafiosa Cosa nostra, manifestata da Dell’Utri nella sua funziona di intermediario dell’imprenditore Silvio Berlusconi nel frattempo sceso in campo in vista delle politiche del 1994 – scrivono i giudici – si rafforza il proposito criminoso dei vertici mafiosi di proseguire con la strategia ricattatoria iniziata da Riina nel 1992″.

La mafia punta sulla discesa in campo del Cavaliere. Dell’Utri fa sapere a Vittorio Mangano che il governo Berlusconi avrebbe adottato provvedimenti che la mafia chiedeva da tempo. I magistrati ricordano che “l’evento del reato contestato non è costituito dai provvedimenti legislativi poi adottati ma esclusivamente dalla percezione da parte di Berlusconi, in qualità di capo del governo, della pressione psicologica operata da Cosa nostra col ricatto, esplicito o implicito che fosse, della reiterazione delle stragi”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    Ricordo male forse…. ma le registrazioni relative a Napolitano come entrano nella” trattativa” e perché furono distrutte?
    sbaglio o mi pare che si sia trattato di un “trattamento di favore”?

    ONORE AI MAGISTRATI MORTI PER PROTEGGERE L’ITALIA DAI PREPOTENTI E DISONESTI.ONORE AI MAGISTRATI CHE STANNO CAMMINANDO SULLE GAMBE DEI LORO PREDECESSORI CON GRANDE CORAGGIO E DETERMINAZIONE. CERCATE UN PENTITO DI STATO………E TUTTO SARA’ PIU’ CHIARO.

    Dall’arrivo dei piemontesi gruppi di delinquenti preparati in formazioni paramilitari a difesa di eventuali istanze “rivoluzionarie” hanno fatto sistema con una parte dello stato; quando cambiarono gli assetti internazionali, alla fine degli anni ’80, furono messi faticosamente da parte ma in parte sono attivi ma con altri strumenti, ancora oggi.

    scusate se vado contro corrente, le sentenze si rispettano ma tali argomentazioni inducono secondo me a ritenere che non vi è alcuna prova della colpevolezza di chi ha arrestato a Totò Riina dopo anni di latitanza e poi perché tirare dentro BERLUSCONI se questo non è andato a processo e poi perché avere dubbi sulla mancata perquisizione del covo di RIINA quando già per quei motivi gli ufficiali sono stati assolti. Altro dubbio perché mai avrebbero aiutato cosa nostra? uno come MORI che ha combattuto il terrorismo e la stessa mafia? Se il “papello” trovato è falso perché soprassedere ad una prova costruita artatamente e credere ad una dichiarazione di collaboratore di giustizia quando quella documentale è falsa? si è chiesta la Corte se nei confronti dei carabinieri il CIANCIMINO jr nutriva rancore in fondo è stato arrestato dai carabinieri si è sorvolato su testi inattendibili. Questa sentenza a mio avviso non scioglie alcun dubbio.

    “Ne sono sicuri i giudici della corte d’Assise di Palermo. E lo scrivono nelle motivazioni della sentenza che ha condannato l’ex senatore di Forza Italia a dodici anni di carcere alla fine del processo sulla Trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra”. Anche l’uomo della strada è sicuro di tantissime cose, ma senza prove schiaccianti, se apre la bocca contro questo o quello, da quelle stesse toghe viene condannato. Tuttavia un giudice che sanziona gli italiani che si lamentano o accusano senza prove, scrivono nelle motivazioni della sentenza quello che pensano e non quello che hanno provato. Una furbata ideologica che si commenta da sola. Con l’applauso di tutte le penne d’oca della stampa dalla schiena dritta. E del Csm e Anm. Questa è l’Italiana. Sembra proprio una Repubblica delle toghe. Cinquemila pagine! Per romanzare la realtà o per incartare le coscienze in modo tale da renderle inudibili.

    Sbaglia. E di grosso pure. Napolitano, come Presidente della Repubblica, semplicemente non poteva essere intercettato. Non è un trattamento di favore, è una guarentigia costituzionale. Che ha il suo perchè.

    La Trattativa cominciò con Amato Presidente del Consiglio. Qualcuno lo ha interrogato o ha interrogato i collaboratori di Ciampi, Presidente del Consiglio dopo Amato, oggi defunto??

    E anche il passaggio su Mannino pare a dir poco contraddittorio, per non parlare del commento sulla mancata perquisizione del covo di Riina e della restia sentenza di assoluzione per Mori.
    Insomma, sembra una sentenza confezionata per soddisfare l’antimafia dei duri e puri ma nel merito pare scritta senza tenere conto dei fatti.

    Che casino….

    E quindi Ingroia perchè si è dimesso?

    5.200 paginediviso 90 giorni (facciamo 80) dice n. 65 pagine al giorno. Scritte da una persona soltanto? Effettivamente scritte in questi 80 gg?

    Mi pare un libro di storia scritta “dal vincitore” più che da una corte….

    Mi scusino, sono malo pensante

    Ci sono altri 2 gradi di giudizio.

    Non so se è confusa la sentenza o se il giornalista, costretto a sintetizzare, ha confuso le carte. Oltre 5000 pagine sono un investimento in termini di tempo per chi si vuole cimentare a leggerle. Certo è che se da parte di Berlusconi vi è stata acquiescenza e piena adesione alle condizioni poste nella ‘trattativa’, secondo quanto sembra emergere, la realta diventa peggio dell’incubo. E c’è da chiedersi come mai non sia entrato nel processo da imputato. Nelle 5000 pagine ci sarà anche un tentativo di spiegazione.

    difficile cercare un pentito di stato,vedi andreotti,si è portato tutto sulla tomba.

    Vedremo i successivi gradi di giudizio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *