L'Udc si dice addio - Live Sicilia

L’Udc si dice addio

Ufficiale la separazione centrista
di
16 Commenti Condividi

Una doppia conferenza stampa, a Roma e a Palermo, per formalizzare la separazione, già annunciata, in casa Udc. Domani a Montecitorio e a Palazzo dei Normanni sede dell’Assemblea siciliana, Saverio Romano (nella foto), deputato ed ex segretario nell’isola appena dimessosi, e il deputato regionale Rudy Maira ufficializzeranno la costituzione di due nuovi gruppi parlamentari, di cui faranno parte i dirigenti in rotta con la linea di Pier Ferdinando Casini. Il gruppo dei siciliani, che fanno riferimento ai parlamentari Totò Cuffaro e Calogero Mannino, hanno deciso di lasciare il partito dopo il sostegno di Casini al nuovo governo di Raffaele Lombardo e la scelta di rimanere all’opposizione del governo Berlusconi.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

16 Commenti Condividi

Commenti

    Scusate la volgarità, ma queste si chiamano PALLE!!!

    In bocca al lupo!

    la verità esoltanto una c è un ipocrisis e una mediocrità che fa paura destinati i siciliani a convivere con questa realtà struggente chi commenta non si accorge che lo sfogo che usa è dettato solo ed esclusivamente dal proprio egoismo dovuto alla circostanza di aver operato o non all interno del sistema politico comunque la gente è veramente stanca. Un consiglio spassionato ricordatevi che esistono le donne che possono essre in grado di mettere ordine allo scempio fatto da questi uomini arraffoni

    Scelta dolorosa ma obbligata. Casini non può per le sue ambizioni personali smentire un’intero gruppo dirigente in Sicilia.
    Altro che Berlusconi, lui fa ancora peggio.
    Anziché lodare e ringraziare i Dirigenti siciliani per la coerenza dimostrata ad opporsi a questa politica di Lombardo che ha mortificato l’UDC siciliana, Casini si fa l’accordo direttamente, mettendo in GIunta regionale un Signor nessuno e scaricando chi fino ad oggi lo aveva elettoralmente tenuto in vita.
    Ricordo che appena 16 mesi fa a Roma Casini in occasione della presentazione del progetto del nuovo Partito della Nazione, aveva fatto intendere che il nuovo segratario sarebbe stato Romano.

    Nell’ UDC finalmente si respirerà aria più pulita! I voti clientelari sarano compensati da quelli d’opinione!

    Scusate, ma non ho capito soltanto una cosa, spero, di poco conto:
    MA in Sicilia chi lascia CAsini? Nomi e Cognomi please! Leggo sempre romano, cuffaro, mannino e maira…..ma tutti gli altri chi sono?

    Scusate ma onestamente mi viene da ridere… Saverio avrebbe le palle perchè sta andando via? Dopo aver messo suo Zio alla provincia (Giovanni Avanti), suo compare alla presidenza dell’Amat (Mario Bellavista), suo figlioccio all’Ars (Totò Cordaro), dopo aver appoggiato ed essere stato tra i più fedeli alleati di Cammarata al comune di Palermo tramite la sua pupilla Doriana Ribaudo, capogruppo “MAI” eletto dell’udc al comune di palermo… questo sarebbe avere le palle? Una persona che ha utilizzato l’Udc a suo uso e consumo, piazzando parenti e amici nei posti migliori sarebbe un buon politico? Ha distrutto questo partito e tra poco sicuramente diventerà Sottosegretario grazie al Cavaliere e come si dice dalle mie parti… “Nuddu si pigghia, siddu un s’assumigghia”! Vergognoso!!!!

    Appunto, vadano pure via dall’UDC…vadano ad ingrassare le fila degli ottimi componenti del PDL…magari andassero pure via dalla Sicilia!

    Bravo Wolverine anchè a me vien da ridere,ma non per i giusti motivi che rappresentavi,ma perche mi chiedo,Saverio Romano da sempre è stato eletto con i voti di Toto,poi e passato a circuire Casini, ora, uno avrà sicuramente problemi a farsi rieleggere,con l’altro ha divorziato non gli restano le persone che in questo ultimo periodo ha favorito.Spero in un pronto rinsavimento dell’on.Mannino.

    Roberto Pulisi ti rubo il mestiere!
    “Guardi, ho qui l’atto costitutivo per un nuovo gruppo. Ci chiameremo ‘Popolari per l’Italia di domani. Per ora siamo cinque. Ma vedrà per domani potremo ricevere molte altre adesioni…”. L’ex segretario siciliano dell’Udc Saverio Romano mostra in sala stampa due fogli con l’atto di nascita di un nuovo gruppo parlamentare. “Per ora, ripeto, siamo cinque. Ma attendiamo tante altre adesioni…”. Insieme a Saverio Romano hanno deciso di lasciare il gruppo centrista altri tre esponenti siciliani (Calogero Mannino, Giuseppe Ruvolo e Giuseppe Drago) e il napoletano Michele Pisacane.

    Almeno adesso so chi sono! Pensavo fossero molti di più!

    @Wolverine

    che tristezza che trasmetti, se si parla di politici dell’UDC sono amici e compari di Romano (piccolo particolare, tutti democraticamente eletti dagli elettori)….. negli altri partiti invece di chi sono amuici o compari?

    Capisco che ormai l’importanza degli elettori è assolutamente marginale…. suggerisco: andate a scuola di democrazia o se proprio non vi piace, andate a stare per un po’ in Corea del Nord e poi tornate ringraziando il cielo.

    Troppo astioso e rancoroso, la rabbia non ti fa ragionare…. mi sa che avrai chiesto di essere anche tu amico di Romano ma non eri degno.

    Finalmente l’UDC in Sicilia non è degna di Romano!!! Evviva, aria pulita senza indagati!

    altro biglietto per Pjong Jang.

    Vado volentieri!…altri non ritornerebbero perchè a Pjong Jang la giustiza è una cosa seria…

    infatti c’è la pena di morte! …ed io che rispondo!!!!

    @Panormita
    Hai ragione, non vale proprio la pena di rispondere a certi post.
    Comunque tutti i puri che vengono dal PD ora che sono al governo farebbero meglio a cominciare a cercare qualche piccolo travestimento da pseudo garantisti.
    Attenti, con i vostri al potere, che amano le poltrone molto più di quelli che sono adusi a ricoprirle, sai quanti avvisi di garanzia arriveranno!!!
    Sempre che i magistrati abbiano voglia di indagare anche su una parte politica che…diciamo non è loro indifferente!

    Caro Panormita, non hai colto la sfumatura e l’ironia…sono più chiaro: fuori la mafia dallo Stato e dai partiti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *