Lupo: "Le colpe del Pd siciliano, Barbagallo segua Letta"

Lupo: “Le colpe del Pd siciliano, Barbagallo segua Letta”

Analisi dei guai del Partito Democratico. Parla il 'grande escluso'.
INTERVISTA A GIUSEPPE LUPO
di
12 Commenti Condividi

“Il momento è difficile. Abbiamo perso e dobbiamo affrontare la sconfitta nel migliore dei modi, il più costruttivo. Credo che Enrico Letta ci abbia indicato una strada con la convocazione di un congresso in cui non sarà ricandidato. Si deve fare così pure in Sicilia”.

Giuseppe Lupo, ovvero la moderazione. Consigliere comunale del Pd. Non ricandidato alle regionali, formalmente per un suo passo indietro, concretamente per le polemiche sulla vicenda degli impresentabili. Ma tutte le parole che pronuncia, nel corso della presente intervista, sono verniciate di ragionamenti politici. Non di astio.

Dunque, consigliere Lupo?
“La via è tracciata. Per essere chiari: a mio parere il segretario regionale Anthony Barbagallo dovrebbe seguire il percorso di Letta. Poi, può decidere legittimamente di ricandidarsi, ma nessuno può impedire al Partito Democratico di discutere, dibattere e scegliere. Anche in Sicilia serve un congresso che non è una resa dei conti, né una epurazione, ma un momento di ascolto”.

Riavvolgiamo il nastro: la scelta di Caterina Chinnici. Cosa ne pensa col senno del dopo?
“Quello che ho sempre pensato. Era ideale per una coalizione larga, con i grillini e il terzo polo. Erano tutti favorevoli. Il crollo del governo Draghi, con le sue fisiologiche frantumazioni, ha avuto una ricaduta inevitabile e prevedibile in Sicilia. Ed è questo il punto”.

Cioè?
“Il segretario regionale avrebbe dovuto comprendere quello che stava succedendo e precorrere i tempi. Invece è stato ritenuto che la candidatura potesse reggere lo stesso. Un errore molto grave”.

Cosa avrebbe dovuto fare il Pd?
“Capire cosa stava succedendo e agire di conseguenza, anticipando le mosse e magari convergendo su un altro nome, più adatto al contesto mutato”.

Quale nome?
Non mi faccia fare l’elenco, parlo di principio. Non c’è stata la prontezza di reagire come sarebbe stato opportuno. Con una coalizione stretta Pd-Cento passi non avremmo dovuto bruciare la candidatura di Caterina Chinnici che era nata per vincere con una coalizione larga. Per di più il Pd non ha aiutato, come avrebbe dovuto, la candidata che è rimasta sola. Nessuna campagna di comunicazione, nessuno staff organizzativo, perfino la segreteria regionale chiusa nei giorni delle elezioni e dello spoglio… Niente di niente. Se fosse stata sostenuta adeguatamente Caterina Chinnici avrebbe espresso ben altre potenzialità”.

La questione dei cosiddetti impresentabili ha lasciato scorie in lei?
“Sono un uomo felice, faccio politica da consigliere comunale, voglio bene al mio partito, ho una bellissima famiglia… Detto questo, sì, l’esperienza è stata umanamente sgradevole. Anche perché io, per il codice etico del Pd, sarei stato perfettamente candidabile. Ho preferito non polemizzare”.

L’errore più grave a livello nazionale?
“Nessun leader si è candidato nei collegi uninominale. Dando l’impressione di considerarli quasi persi”.

Vi aspettano cinque anni di opposizione.
“L’abbiamo portata avanti con Musumeci e accadrà lo stesso con Schifani. Gli azionisti di questo governo sono gli stessi di quelli del precedente che ha consegnato alla Sicilia cinque anni di fallimenti. L’amarezza che rimane? Il Pd non ha avuto la forza di valorizzare il grande lavoro svolto a Palazzo dei Normanni”.

Parliamo di nuovi ingressi. Pure lei, come Antonello Cracolici, pensa che Valentina Chinnici sia stata eletta meritatamente, ma che abbia avuto il vantaggio del cognome condiviso con la candidata alla presidenza?
“Valentina è bravissima, ha svolto un grande lavoro nella società. Sarebbe stata eletta con qualunque cognome”. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Il PD non fa assolutamente nulla per i cittadini.

    Questo signore e’ dirigente del partito da decenni e nessun mea culpa.

    Certamente un buon consiglio seguire Letta …. una pietra tombale

    Adesso è il momento di mettere in chiaro le cose sia a livello nazionale e sopratutto regionale.

    Analisi lucida e senza sterile polemica

    condivido totalmente l’obiettiva analisi del Consigliere Lupo e spero che il segretario regionale Anthony Barbagallo convochi al più presto un congresso qui da noi in Sicilia.

    L’analisi di Peppino Lupo è sacrosanta, mi chiedo cosa aspetta ancora Barbagallo a rassegnare le dimissioni seguendo l’esempio Letta? In Sicilia il Pd non ha subito solo una sconfitta elettorale, ma è stato mortificato e umiliato dagli elettori, era nell’area frutto di una classe dirigente vecchia da 30 che ha condotto una politica ad personam per garantirsi solo il potere personale. L’ho abbiamo visto per le Regionali con candidati che siedono da 6 legislature all’ARS e lo abbiamo visto nei comuni dove si è votato per l’elezione dei Sindaci, con il ripresentarsi sempre gli stessi protagonisti da decenni con il risultato TROMBATI. La classe dirigente del Pd siciliano si è prestata a questo non ha spalancato le porte del partito ai giovani, alla società civile, ai movimenti e associazioni laiche e cattoliche, nulla di tutto questo, il partito è stato gestito come se fosse di loro proprietà. Non si fanno i congressi provinciali, non si fanno i congressi di circolo, nessuna assemblea pubblica. Bisogna azzerare tutto dai vertici regionali a quelli provinciali, ad Agrigento per esempio nessuno si è accorto che esiste un Pd Provinciale e credo che la situazione sia uguale in tutte le provincie siciliane. Aspettiamo fiduciosi le dimissioni di Barbagallo e l’azzeramento del Pd Siciliano.

    Il PD deve azzerare tutto e ripartire con un nuovo progetto. Chi ha gestito queste elezioni deve sentire il dovere di mettersi in discussione.

    Rimanere attaccati alla poltrona e dichiarare che tutto è stato chiarito,è sintomo di pochezza di visione e paura di confronto. Se vogliamo un PD forte e chiaro, occorre un congresso VERO.

    Si facciano subito i congressi a tutti i livelli, ogni dirigente affronti le proprie responsabilità

    ha ragione Lupo, bisogna tornare a dare la parola agli elettori ed ai circoli. Merita una riflessione che porti ad una nuova leadership credibile

    Bisogna seguire la strada delineata da Letta, congressi a tutti i livelli. Prima ancora in sicilia poichè necessità una serie riflessione conseguente alla sconfitta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *