Manganellate durante l'arresto: procedimento disciplinare per un poliziotto VIDEO - Live Sicilia

Manganellate durante l’arresto: procedimento disciplinare per un poliziotto VIDEO

L'episodio si è verificato la sera di venerdì
ITALIA
di
1 Commenti Condividi

Un poliziotto in servizio alla squadra volante della Questura di Rieti sarà sottoposto a procedimento disciplinare dopo essere stato filmato da alcuni passanti mentre, durante un arresto, colpiva un 25enne romeno a manganellate.

L’episodio si è verificato lo scorso venerdì sera, 25 novembre, nel centro storico della città, dove la polizia era stata chiamata a intervenire per fermare un giovane che stava danneggiando le auto in sosta.

“In riferimento a un video che riprende il momento del controllo – riferisce la Questura – sebbene sia evidente che il soggetto è in stato di forte alterazione, uno degli operanti utilizza lo sfollagente in dotazione; per tale comportamento è già stata avviata un’inchiesta disciplinare a suo carico ed è stata informata l’autorità giudiziaria”.

Il 25enne rumeno, che si era anche denudato, è stato arrestato dalla polizia “per i reati di danneggiamento aggravato, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
1 Commenti Condividi

Commenti

    Non discuto questa vicenda ma c’è un sentimento diffuso che carabinieri e poliziotti dovrebbero usare solo le parole per fronteggiare situazioni di pericolo respingendo eventuali aggressioni con armi da fuoco nei loro confronti dispensando sorrisi come unica forma di risposta. A questo punto perchè non assumere nelle forze dell’ordine solo psicologi che sanno convincere usando le belle parole come armi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *