Nessuno tocchi l'arancina - Live Sicilia

Nessuno tocchi l’arancina

W l'arancina al burro!

Arriva il marchio per tutelare il cosiddetto "cibo di strada".

Palermo
di
25 Commenti Condividi

PALERMO- L’assessore alle Attività produttive del Comune di Palermo, Marco Di Marco, ha firmato un atto di indirizzo per l’ideazione e la registrazione del marchio ”Panormus – Street Food” da utilizzare per la marchiatura dei prodotti Stg (Specialità tradizionale garantita), marchio di origine introdotto dalla Unione europea per tutelare produzioni che siano caratterizzate da composizioni o metodi di produzione tradizionali.

Si tratta del secondo passo dopo la registrazione del ”City Brand Panormvs” per la tutela dei prodotti e dell’immagine della città. Tra i prodotti tutelati dal marchio Stg, c’è l’arancina, la cassata, il panino con la milza, il ”pane e panelle”, lo sfincione e il cannolo. L’amministrazione intende inoltre farsi promotrice, anche nell’ambito della candidatura a Capitale europea della cultura, di un festival internazionale del cibo di strada, che metta in relazione i legami che anche in questo settore legano Palermo all’Europa e al Mediterraneo.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

25 Commenti Condividi

Commenti

    Non scordate le stigghiole!

    meglio tardi che mai!

    Visto il filo conduttore dei suoi interventi, la facevo più un tipo da frittola…
    Per una volta siamo d’accordo.

    bella iniziativa, finalmente un cosa BUONA

    E com’è il tipo da frittola? Vede, io non vivo a Palermo e terrorizzo tutti coloro che lì dove abito vendono arancine. Tutto sommato credo di avergli dato una mano a migliorare il prodotto. Però, quando vengo a Palermo, la prima visita è al Borgo vecchio. Per la frittola…

    Dimenticavo. Martedì, a Palermo, da una mia cognata, ho mangiato le arancine. Sette.

    Stigghiole e frittola ,Musso e carcagnolo , cquarumi , vanno tutelati.viva palermu.

    Mettiamoci pure la frittola a quarumi mussu e carcagnolo

    Sarà anche l’occasione per chiarire, una volta per tutte, che si dice ARANCINA e non ARANCINO!

    Grande Orlando, sei stato tenace e ci sei riuscito!! Continua cosí

    Il tipo da frittola è uno che fa un atto di fede verso il frittolaro, dato quello che mangia, e lo difende a prescindere dalla bontà della sua “mercanzia”.
    Assaggi e poi mi dica.

    LA DOMANDA DI UN CROCETTIANO

    Se un’arancina è inacidita si può dire che ha subito infiltrazioni mafiose?

    diciamo che al giorno d’oggi grazie ai programmi tv come “orrori da gustare” e “chef Rubio” la cucina di strada palermitana ha avuto grande pubblicità e successo!!

    Non scordate “a pasta chi sardi”: piatto preferito da Ardizzone!

    “Tutto è mafia se nulla è mafia” diceva Michele Pantaleone ma…Crocetta non lo sa, anzi, manco sa chi è stato Michele Pantaleone!

    Culturalmente è una spanna sopra gli altri…nani della politica!

    E’ vero !
    La “colpa” è di Camilleri !!!
    Montalbano recita,Camilleri scrive.

    Ma Camilleri non è di Palermo.

    “Venga a prendere un caffè da noi” recitava Pino Caruso,potremmo proporre
    la variante “Venga a prendere un’ ARANCINA da noi”.

    …e i babbaluci dove li mettiamo?…

    Io sono palermitano e dico arancina ma secondo un mio studio, e visto che provengo da una famiglia di “panellari”, “arancina” è l’italianizzazione di “arancino”: il termine proviene dal frutto dell’arancia ma in dialetto si dice “arancio” e da qui arancino.

    E vero dei miei amici “polentoni ” mi hanno chiesto chiarimenti su stigghiola e frittola x le stigghiola non c’e problema gliele faro assaggiare x la frittola gli ho detto che l’unico modo di assaggiarla e di andare a Palermo.,in ogni modo frittola for ever

    E’ vero, Camilleri aveva intitolato un suo libro di racconti in giallo “gli arancini di Montalbano”. Lo stesso scrittore, però, nell’ introduzione chiarisce che “l’arancina è fimmina” e afferma di avere usato il maschile nel titolo solo per non ingenerare confusione nella vasta platea di lettori non siciliani. Mal ce ne incolse.

    noi palermitani diciamo arancina, in Sicilia orientale si dice arancino…non pecchiamo di presunzione dicendo che SI CHIAMA arancina, cosi’ come non pensiamo che debba per forza essere di origine palermitana. Ci vorrebbe uno studio approfondito per trovarne le origini

    Ti sei dimenticato il panino con la milza e il timballo di riso con dentro: uovo, tritato, formaggio, salsa e se si vuol mettere il prosciutto a cubetti che gli si metta pure.

    Bella iniziativa dell’Assessore Di Marco. Ora si ri risolveranno i problemi della città di Palermo….. Ma per favore,occupatevi delle vere emergenze!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *