Palermo, voto di scambio: arrestato candidato di Fdi - Live Sicilia

“Chiesti voti al boss”: arrestato candidato di Fratelli d’Italia

Francesco Lombardo avrebbe incontrato Vincenzo Vella, mafioso di Brancaccio: anche lui è finito di nuovo in manette
PALERMO 2022
di
4 Commenti Condividi

La polizia ha arrestato con l’accusa di scambio elettorale politico-mafioso il candidato al Consiglio comunale di Palermo di Fratelli d’Italia, Francesco Lombardo, e il mafioso Vincenzo Vella, 56 anni, boss di Brancaccio, già condannato tre volte per associazione mafiosa.

Due giorni fa arrestato un candidato di Fi

L’aspirante consigliere comunale, il 28 maggio, avrebbe incontrato il mafioso e gli avrebbe chiesto il sostegno alle elezioni di domenica prossima. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Guido. Due giorni fa per lo stesso reato erano finiti in cella un candidato al consiglio comunale di Forza Italia e un costruttore mafioso.

Ex consigliere a Villabate

Lombardo è ex consigliere comunale di Villabate. Nelle elezioni di domenica si era candidato al Consiglio comunale di Palermo. Vella ha scontato due condanne definitive per associazione mafiosa. Recentemente era stato condannato a 20 anni, ma la corte d’appello un anno fa aveva annullato la sentenza per un vizio di forma: per questo era stato scarcerato ed era libero. Anche in questo caso, come è accaduto per il consigliere di Forza Italia arrestato mercoledì, decisiva è stata una intercettazione ambientale.

Il ‘trojan’ nel telefono del boss

A svelare la richiesta di appoggio elettorale che Francesco Lombardo avrebbe fatto a Vella, è stato un trojan piazzato nel telefono del boss, da poco scarcerato per un cavillo dopo una condanna a 20 anni per associazione mafiosa. Entrambi sono stati arrestati oggi.

L’incontro

Secondo quanto si apprende, il 28 maggio scorso, Lombardo sarebbe andato a trovare Vella nel suo negozio di ortofrutta e avrebbe chiesto i suoi voti per le elezioni comunali di domenica prossima. La polizia ha immediatamente trasmesso l’intercettazione alla Procura che ha chiesto al gip la custodia cautelare in carcere per entrambi. Una inchiesta svolta in tempi serratissimi come quella che due giorni fa ha portato in cella il candidato di Fi al Comune Pietro Polizzi e il costruttore mafioso Agostino Sansone. Identiche le accuse per i 4 indagati: scambio elettorale politico-mafioso.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    bene facciamo un po di pulizia . si devono convincere che questa strada non porta a nulla.

    Leggendo questi articoli e le accuse reciproche dei candidati sindaci passa la voglia nel fare il proprio dovere, VERGOGNOSO!!

    stranamente del candidato di miceli figlio di un arrestato per mafia non se ne parla vedi che stranezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.