Palermo, testata a un medico al pronto soccorso di Villa Sofia

Palermo, testata a un medico al pronto soccorso di Villa Sofia

Colpito dai parenti di un paziente
IDENTIFICATI
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Un medico del pronto soccorso di Villa Sofia è stato aggredito e picchiato ieri sera all’interno dell’area di emergenza.

Secondo una prima ricostruzione, i parenti di un paziente si sono scagliati contro il sanitario, fratturandogli le ossa nasali con una testata. Gli aggressori sono stati identificati.

“Non è tollerabile mai la violenza nei confronti del personale – si legge in una nota -. La direzione strategica esprime solidarietà al medico aggredito e si riserva costituzione di parte civile in eventuali procedimenti che dovesse instaurare la parte offesa”.

L’episodio si è verificato poco dopo le 21:30. Il paziente era giunto in ospedale alcune ore prima. Protestava per la lunga attesa. Ieri al pronto soccorso c’erano una novantina di persone in attesa. Numeri che denotano un affanno nella gestione dell’emergenza.

Il reparto sconta un deficit di personale. Capita che la gente resti in attesa distesa sulle barelle.

“E’ intollerabile il clima di tensione che si vive nei pronto soccorso della città e che spesso porta ad aggressioni, che condanniamo fortemente, nei confronti degli operatori sanitari. Siamo vicini al medico di Villa Sofia aggredito ieri sera e a tutto il personale che spesso opera in situazioni di grande difficoltà e sotto grande stress”. Ad affermarlo sono Leonardo La Piana segretario generale Cisl Palermo Trapani, Loreto Galbo segretario generale Cisl Medici e Lorenzo Geraci segretario generale Fp Cisl Palermo Trapani.

“I responsabili – continua la nota della Cisl – vanno perseguiti perché non esiste alcuna giustificazione per questi episodi di violenza, e allo stesso tempo è necessario aumentare la vigilanza nelle aree di emergenza, dove spesso gli utenti vanno in escandescenza sfocando la loro rabbia sui dipendenti delle strutture sanitarie, e migliorare allo stesso tempo le prestazioni e i servizi in modo da renderle efficienti per ridurre le lunghe attese, ad esempio accelerando con la programmazione dei fondi del PNRR destinati alle case di comunità e ospedali di comunità che sono genericamente definite strutture di prossimità del Servizio sanitario nazionale, per snellire le code nelle aree di emergenza. Ringraziamo tutto il personale sanitario dei nosocomi cittadini per il gran lavoro che fanno ogni giorno reggendo una tensione pesantissima soprattutto da due anni con la pandemia che ha messo in ginocchio il nostro sistema sanitario” concludono La Piana, Galbo e Geraci.  


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Premesso che condanno l’atto incivile è vile dell’aggressione al medico che non ha nessuna colpa,al Ministero e Assessorato della sanità conoscono e sanno che a causa della carenza di personale si possono verificare casi come quello appena letto quindi, anziché pensare già di costituirsi parte civile pensassero (magari diminuendo il loro budget) ad aumentare il personale medico x evitare il ripetersi di questi episodi

    Questo è il risultato della vera esasperazione da parte dei pazienti.

    Premesso che condanno l’atto incivile è vile dell’aggressione al medico che non ha nessuna colpa,al Ministero e Assessorato della sanità conoscono e sanno che a causa della carenza di personale si possono verificare casi come quello appena letto quindi, anziché pensare già di costituirsi parte civile pensassero (magari diminuendo i compensi) ad aumentare il personale medico x evitare il riperersi di questi episodi.

    Chi dei due è la vittima?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *