Pnrr, l'affondo degli autonomisti:“Il governo coinvolga i partiti” - Live Sicilia

Pnrr, l’affondo degli autonomisti:“Il governo coinvolga i partiti”

Acque agitate nella maggioranza.
FONDI SANITA'
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – “Ci dispiace dover apprendere da un decreto assessoriale pubblicato pochi giorni fa, che è stato istituito presso il dipartimento di pianificazione strategica dell’Assessorato Regionale della Salute un gruppo di lavoro che dovrà occuparsi dell’attuazione degli investimenti sulla sanità previsti dal PNRR per la Sicilia” ad affermarlo sono i deputati regionale del Movimento per la Nuova Autonomia Giuseppe Compagnone, Roberto Di Mauro e Salvatore Lentini, che puntano il dito ancora una volta sulla carenza di comunicazione fra il governo regionale ed i partiti della coalizione.

“Qui non parliamo di un compitino da poter svolgere in camera caritatis con un gruppetto di collaboratori, qui parliamo di 800 milioni di euro attraverso i quali si potrà attuare un fondamentale intervento per migliorare la medicina territoriale. E’ ovvio – proseguono i deputati – che una tale riforma presuppone, fin dalle primissime fasi, il coinvolgimento diretto del territorio. Purtroppo ci troviamo di fronte, ancora una volta, ad un problema di impostazione culturale, ossia un atteggiamento di sufficienza nei confronti dei rappresentanti della coalizione più volte mostrato dall’assessorato alla Salute”.

“Dopo le prime fibrillazione è stata indetta una seduta della sesta commissione per affrontare in maniera collegiale l’argomento. È un piccolo passo avanti ma non è sufficiente. Chiediamo all’assessore se è vero che è gia stata inviata al Ministero una proposta in merito alla distribuzione territoriale dei COT, delle Case di Comunità e degli Ospedali di Comunità e come intende affrontare questa riforma considerato il grave problema della carenza di personale che purtroppo si riscontra soprattutto nella medicina del territorio e nei piccoli ospedali periferici”

“Ci permettiamo di ricordare all’assessore Razza – concludono i tre deputati – che il nostro servizio sanitario si basa sui principi di universalità, uguaglianza ed equità. Oggi più che mai il perseguimento di questi principi richiede un rafforzamento della capacità di operare come un sistema vicino alla comunità, progettato per le persone e con le persone. Ma il concetto di coinvolgimento sembra essere indigesto all’assessore Razza. Speriamo in un ravvedimento perché è evidente che il ragionamento intorno al PNRR per il miglioramento del diritto alla salute dei Siciliani è iniziato con il piede sbagliato”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Gestire le risorse del pnrr destinate alla regione Sicilia con il coinvolgimento di tutti i partiti sarebbe la cosa giusta da fare.in questo modo si garantirebbe in modo evidente il miglioramento della salute dei siciliani e della sanità siciliana.Però, secondo me,è un’utopia. Perché penso che gestire 800 milioni
    Da parte dell’assessorato della sanità con un entourage formato di poche persone,sarebbe una garanzia elettorale per le poche persone coinvolte
    È politica onorevole Di Mauro. C’è un detto che recita: quando maggiore c’è minore cessa. Quello che Voi dite è giusto e condivisibile,ma secondo me è poco realizzabile

    Ma come del gruppo fanno parte tanti esperti ……e voi Ve la prendete con quel bravo giovanotto???

    Razza dimettiti Vergogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.