'Processo Saguto', Rappa accusa | "Un passivo di cinque milioni" - Live Sicilia

‘Processo Saguto’, Rappa accusa | “Un passivo di cinque milioni”

Silvana Saguto

Beni confiscati. Imputati, tra gli altri, il magistrato Silvana Saguto e l'avvocato Walter Virga.

Caltanissetta
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Una gestione in perdita, sprechi, assunzioni inutili, svalutazioni patrimoniali dannose: così l’imprenditore Vincenzo Corrado Rappa, nipote dello storico costruttore palermitano a cui è stato sequestrato e poi parzialmente restituito un patrimonio milionario, ha descritto l’operato dell’amministrazione giudiziaria che ha avuto in carico le imprese.

Rappa è stato sentito al processo, in corso a Caltanissetta, che vede imputati di corruzione, tra gli altri, il magistrato Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo e l’avvocato Walter Virga, ex amministratore giudiziario. In particolare a proposito della concessionaria di auto Nuova Sport Car il teste ha affermato che al momento del sequestro la società era in positivo e che, dopo la restituzione, ha subito un passivo di cinque milioni. Il testimone ha parlato di “svalutazioni di componenti patrimoniali di dubbia credibilità, di auto comprate nel 2015 e svalutate nello stesso anno, di un collegio sindacale passato da un costo di 11 a un costo di 49 mila euro e di 41 dipendenti assunti”.

Rappa si è costituito parte civile contro Virga. Secondo l’accusa, l’avvocato sarebbe stato uno degli amministratori giudiziari del “cerchio magico” dell’ex presidente Saguto che, in cambio di favori, avrebbe dispensato incarichi per la gestione dei beni sequestrati alla mafia a suoi fedelissimi.(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Tutto a spese dei contribuenti e grazie che così poi si comprano i palazzi interi

    Scusa, in questo caso, a spese degli imprenditori i cui beni vengono gestiti dai curatori “giusti”.

    ma questa signora in galera non ci va?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *