Quando l'esperto in classe |diventa un problema - Live Sicilia

Quando l’esperto in classe |diventa un problema

La collaborazione di personalità esterne alla scuola ha molti lati positivi. Ma ne ha anche tanti negativi. E spesso il bilancio che ne deriva è in rosso.

Registro di classe
di
1 Commenti Condividi

L’interessante intervento di Giovanni riferito all’articolo “Via i ragazzi dalla strada? Si, con quali risorse?” pubblicato il 4 novembre mi invoglia ad approfondire un tema abbastanza complesso e dibattuto dentro la scuola: il ruolo e l’inserimento delle risorse professionali esterne (i così detti esperti) all’interno delle attività didattiche e formative.
Cominciamo con il chiederci se la scuola ha bisogno di queste competenze aggiuntive.
Sull’importanza dell’apporto di professionalità specifiche e specializzate per la realizzazione di attività laboratori ali non ci sono dubbi. Bisogna, però, fare chiarezza sulle tipologie d’intervento e specialmente sulle relazioni che si instaurano all’interno del contesto scolastico.
Superando le scontate difficoltà economiche, non sempre le scuole sono disponibili a creare sinergie con personale esterno specialmente per interventi in orario/ambito curricolare. Condizione prioritaria è un progetto condiviso, una esplicita richiesta della scuola.
Ci sono una serie di elementi positivi: la possibilità di avere competenze a supporto della didattica (per esempio per un intervento di orientamento); la possibilità di arricchire l’offerta formativa in maniera creativa (per esempio per un supporto all’attività teatrale/musicale); la possibilità di coinvolgere altre professionalità complementari al lavoro dei docenti per dare risposte a ragazzi in difficoltà (per esempio per attività individualizzate); eccetera.
Ma non mancano gli aspetti negativi: i docenti possono sentirsi “scavalcati”; i docenti possono sentirsi “osservati”; non si riesce a mettere in comune competenze e conoscenze; non siamo abituati a progettare insieme (docente ed esperto).
Spesso si ha l’impressione che il bilancio sia in rosso. Se per svolgere un’attività laboratoriale l’esperto richiede il supporto del docente “che conosce i ragazzi” e proprio quello “che sa tenere la classe” oppure sollecita l’intervento del dirigente per prendere provvedimenti nei confronti degli alunni “maleducati” che non riescono a stare nelle regole, allora la scuola tenderà a chiudersi e non riuscirà a cogliere i benefici (anche a fronte di interventi senza oneri).
E’ fondamentale, pertanto, la co-presenza, la massima disponibilità a collaborare, a mettersi in discussione, a condividere esperienze, nella comune consapevolezza che ognuno deve assumere il ruolo che gli compete.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Carissima Dott.ssa Blandano.

    La ringrazio per la sua risposta.

    Questi tipi di interventi didattici che avevano il solo scopo di arricchire gli alunni e non di scavalcare i professori.I protagonisti della scuola sono gli alunni che giorno dopo giorno vedono scivolare il proprio futuro nell’oblio.
    Personalmente volevo apportare la mia professionalita’ ad un istituto tecnico strategico per la citta’ di Palermo.
    Questi tipi di interventi formativi erano completamente grautiti ed anche il materiale didattico formativo che volevo proporre era al passo con il mondo del lavoro.
    Dato che l’istituto dove avevo proposto questi interessanti momenti non e’ apparso particolarmente interessato ,ho deciso di mettere un annuncio utilizzando la potenza di facebook.
    tutto questo l’ho fatto per rendermi utile perche’ in altre parti del mondo dove i professori non si sentono scavalcati o giudicati o osservati, gli esperti sono inviatati e trattati come ospiti con tanto rispetto ed educazione.
    Non vorrei fare alcune polemica,ma ho deciso di non fare piu’ nulla perche’ hanno creato in me tanta amarezza e delusione.
    Adesso provo solo a nascondermi perche’ questi sono tempi di magra ed ognuno di noi pensa ai fatti propri.
    La ringrazio per aver risposto alla mia email.Lei e’una persona gentile,una persona di altri tempi.

    Cordiali saluti

    Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *