Ridotte le pene in appello per tre presunti estortori - Live Sicilia

Ridotte le pene in appello per tre presunti estortori

OLD BRIDGE
di
1 Commenti Condividi

Sono state ridotte le pene in appello per tre presunti estortori, arrestati durante l’operazione “Old Bridge”, nata da una maxi inchiesta congiunta della polizia e dell’Fbi sui collegamenti tra Cosa nostra siciliana e quella americana. La quarta sezione della corte d’appello ha fatto cadere l’accusa di associazione mafiosa per Melchiorre Guglielmini, difeso dagli avvocati Rosalba Di Gregorio e Gianluca Marasà, che così è stato condannato solo per estorsioni a 6 anni e 8 mesi (in primo grado aveva avuto dieci anni). Pena ridotta anche per Angelo Di Simone che ha avuto due anni (3 in primo grado), mentre è stata confermata la condanna a 9 anni e 6 mesi per Salvatore Adelfio. Gli episodi contestati sono le estorsioni alla ditta di autotrasporti Cuffaro di Casteltermini (Agrigento), presieduta dal fratello dell’ex presidente della Regione Siciliana Totò Cuffaro, e ai negozi Prima Visione di Giovanni Ceraulo che si è costituito parte civile come le associazioni Addiopizzo, Centro Pio La Torre, Fai, Solidaria, Assindustria, Sos Impresa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    La ditta cuffaro di casteltermini non pagava il pizzo chi dice queste stronzate ma assumeva personale indicato da uomini d onore del mandamento di casteltermini e solo loro politico mafioso.
    Giovanni scozzaro detto campiuni
    uomo d onore e stato assunto alla ditta cuffaro poi si rifiuto di andare per motivi personali ad inserirlo fu uno al di sopra di lui politico mafioso massone del comune di casteltermini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.