Si decide tutto a Roma, questa Sicilia non conta più niente

Si decide tutto a Roma, questa Sicilia non conta più niente

Perché siamo diventati irrilevanti. Perché le cose che ci riguardano vengono decise altrove.
REGIONALI E POLITICHE
di
9 Commenti Condividi

La Sicilia? Per le cose che contano bisogna ormai bussare alle porte di palazzi del potere forestieri, lì dove si riuniscono signore e signori che hanno voce in capitolo per regnare e che quella voce usano per spargere nebbia sulla terra del sole. E dicono, promettono e giurano che le faccende siciliane è quaggiù che devono essere decise, ci mancherebbe altro. E, mentre giurano e promettono, chissà se gli scappa da ridere.

Prendiamo la Musumeceide, la vicenda di un presidente della Regione, ovvero Nello Musumeci, che vuole a ogni costo candidarsi, mentre il suo avversario, Gianfranco Miccichè, a ogni costo, non vuole. Il gioco non è siciliano, se non nella zona in cui non si comanda, semmai è romano e a incastro. Ed è tutta una dinamica interna al centrodestra, appunto, romanamente inteso, come sommaria geografia del vero potere politico.

Se il nome di Musumeci (difficile) sarà quello giusto per mettere le pedine a posto, nelle contrapposte prove di forza, evviva Nello. Se spunterà un altro nome (più facile), come qui abbiamo raccontato, affinché Giorgia, Matteo e Silvio, siano soddisfatti, magari con un(a) forzista candidato(a) a Palazzo d’Orleans, un meloniano strettissimo nel Lazio e un salviniano in Lombardia… caro governatore, rassegnati e non stupirti di nulla. Di solito, poi, chi gonfia il petto nell’Isola, successivamente, vola in riva al Tevere per chiedere, almeno, uno strapuntino.

A Palermo, invece, il sindaco Roberto Lagalla dovrà, ogni giorno, contrattare con i litigiosi membri della sua coalizione, secondo appetiti che nascono qui, ma che non possono ignorare i suggerimenti romani. Lo ha dimostrato una travagliata campagna elettorale, nella raffigurazione di un centrodestra siculo-panormitano che ha consumato le batterie dei telefonini, in solerte contatto con le rispettive leadership nazionali.

Cos’è la nuova giunta se non una dimostrazione dell’assunto, in una sembianza di fili tirati anche dall’alto? Un modus operandi da partitocrazia imperante, con un occhio alle ‘trame superiori’. Oltretutto, il Comune sarà, probabilmente, sensibile alle indicazioni di Roma, visto che da lì dovrebbero arrivare i soldi del salvataggio. Siamo sicuri che le questioni governative non si mescoleranno con i consigli squisitamente politici, specialmente se a Palazzo Chigi regnerà la stessa comunità che si è insediata a Palazzo delle Aquile?

C’è, infine, la storia all’ombra del Liotru, con il sindaco Salvo Pogliese che si è dimesso, raggrumando in un ragionamento le sue varie osservazioni di cui abbiamo dato conto. La tempistica del ‘salutamu’ gli consentirebbe, comunque, di candidarsi con Fratelli d’Italia alle porte del 25 settembre. Ecco un altro esempio della romanità che sembra prevalere – oggettivamente, casualmente, come un destino – sull’insularità, mentre Catania declina in un drammatico abbandono.

Ma è la Sicilia intera che scompare, che si eclissa, che evapora nella sua inutilità, nella colonizzazione che la affligge, nella sudditanza, nella sua irrilevanza. La Sicilia senza leader, né figure di primo piano, né personalità che sappiano fare la politica e non soltanto subirla, discutendo tutto, ma non accettando, per forza, tutto. Questa Sicilia mischina – la lingua per raccontarla c’è, cara grazia, rimasta – che non conta più. (Roberto Puglisi)

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Ha ragione cateno de Luca quando parla di sudditanza e di vergogna regionale. Siamo a 90 gradi da almeno 50 anni e nessuno ha mai sbattuto i pugni sul tavolo per noi.In primis i nostri politici regionali.

    Non contano a Roma figuriamoci nella solita Sicilia del medioevo mossa dal solito elettorato bavoso in cerca di elemosine….. retta da personaggi di quart’ ordine….

    Siiii viva l’italia

    Le cose di Sicilia sono sempre state decise altrove, specialmente da quando esiste l’Autonomia

    Grillo, giullare, è riuscito a capovolgere litalia col suo movimento, che io odio. Noi siciliani, escludendo la classe politica attuale che ha ben ragione a stare attaccata a Roma, cosa mai abbiamo fatto e cosa potremo fare ?

    Musumeci era quello dell’orgoglio siciliano di diventerà bellissima……..è diventato lo zerbino di Meloni

    Menomale che prendiamo ordini da Roma.
    Soltanto un siciliano dello spessore etico e politico di Silvio Milazzo riuscì, nell’ottobre 1958, a smarcarsi dal potere centrale della Democrazia Cristiana dando vita ad una esperienza politica (l’operazione Milazzo) che coinvolse tutte le segreterie politiche dei partiti politici siciliani, con l’appoggio esterno di PSI e PCI, per affrancare la Sicilia dagli ordini della Democrazia Cristiana romana e, segnatamente, dall’ingerenza del potente gruppo fanfaniano.
    Ma allora i politici siciliani si chiamavano Silvio Milazzo, Emanuele Macaluso, Dino Grammatico etc…. Fu un sogno che durò poco, fino al febbraio 1960, quando la Democrazia Cristiana riprese il sopravvento.
    Ma questa storia gli attuali nostri statisti siculi neppure la conoscono.
    Menomale che prendiamo ordini da Roma.

    Perchè i nostri politici locali non hanno spina dorsale e autorevolezza. Basta vedere quegli sprovveduti che si sono apparentati con quel fenomeno da baraccone di Salvini!

    Ma chi ha causato il disastro della città di Catania salita alla cronaca per la enorme quantità di rifiuti per le strade può aspirare ad essere eletto alla camera o al senato? I catanesi sono rimbecilliti evidentemente. Come i siciliani visto che ancora credono a Nello nonostante i disastri nella sanità nella gestione dei rifiuti e nella gestioni dei concorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.